Cibo, Cultura, Cinema e Curiosità

Usando una metafora potremmo dire le tradizioni gastronomiche di un Paese sono il DNA della sua cultura, stratificata nei secoli. Non si può infatti parlare di cibo senza riservare un occhio di riguardo a tutti i suoi aspetti culturali: l’origine dei piatti, il loro nome, il significato di gesti e le consuetudini che ruotano attorno alla tavola non sono meno importanti degli ingredienti e delle fasi di preparazione di una pietanza. Il cibo é la forma culturale più istintiva che esista, è insieme un’esigenza di vita ed un linguaggio artistico che unisce uomini di ogni razza e religione. Una costante della storia dell’uomo, in grado di permeare qualsiasi forma espressiva: visiva, letteraria, musicale, cinematografica. Ed è per questo che abbiamo deciso di dedicare questa sezione al rapporto tra cibo e cultura.

Scene di cibo nei film della Mostra 2

  Giovedì 4 settembre Domani sapremo a quale film la giuria Fedic – il Giornale del Cibo avrà attribuito la sua menzione speciale.  Ho visto molti film con scene esilaranti o drammatiche o gioiose dove il cibo è protagonista, e la scelta non sarà facile. Hungry Hearst è un film drammatico sulla follia salutista.  Un

hungry hearts

Hungry Hearts e Il Giovane Favoloso

  Martedì 2 Settembre Il mio lavoro principale, quest’anno alla Mostra del Cinema è, insieme agli amici della giuria,  cercare il film più meritevole di ricevere la prima menzione speciale Fedic – il Giornale del Cibo. Rimango allora un po’ indietro nelle recensioni, il tempo va via tutto nelle visioni. Molto sinteticamente desidero però oggi

Scene di cibo nei film del Festival

Lunedì 1 Settembre Oggi farò un riepilogo delle migliori scene di “cibo” che ho visto alla mostra finora. Come sapete, quest’anno il Giornale del Cibo in collaborazione con Fedic darà una menzione speciale all’opera che propone la sequenza più significativa sul tema della alimentazione o a quella che tratta questo argomento con maggior profondità.  La

shes funny that way

She’s Funny That Way e Anime nere

  Sabato 30 Agosto She’s Funny That Way. Fuori concorso. Questa commedia americana di Peter Bogdanovich (un regista di culto, basti pensare al suo “ma papà ti manda sola” del 1972) vi farà ridere dal primo all’ultimo minuto.  La trama non è raccontabile tanto è piena di colpi di scena e di personaggi indimenticabili.  La

99 homes

99 homes

  Venerdì 29 Agosto 99 homes. In concorso. Un uomo che vive con il figlio di otto anni e con la madre viene sfrattato dalla casa che ha comprato alcuni anni prima. Disoccupato non riusciva a pagare le rate del mutuo. Diventerà poi un collaboratore dell’agente della banca che organizza gli sfratti, rendendosi cosi complice

the president

The President

  Giovedì 28 Agosto Il film del regista iraniano Moshen Makhmalbaf (Viaggio a kandhar) “The President” è una fiaba realistica di produzione georgiana e europea.  In un paese immaginario succedono cose molto reali. Il Presidente è un dittatore e la sua famiglia è costretta a fuggire a seguito di una rivoluzione popolare.  Tutti tranne il nipotino

mostra del cinema venezia 2014

Cronache dalla Mostra del Cinema di Venezia

  Mercoledì 27 Agosto Oggi è il primo giorno della 71 mostra dell’arte cinematografica di Venezia e la partenza è proprio grande.I primi due film in concorso meritano di essere visti e spero che vengano distribuiti in Italia. Birdman or the unaspected virtue of ignorance è un film di Alejandro Inarritu (Babel, Amores Perros, 21 grames), una

mostra del cinema venezia 2014

Premio del Giornale del Cibo al Festival del Cinema di Venezia

di Redazione Il Giornale del Cibo assegnerà, in collaborazione con FEDIC, unpremio alla 71° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia all’opera che proporrà la scena più significativa legata al cibo e all’alimentazione. Continua la grande attenzione del sito Il Giornale del cibo edito da CIR food per il cinema che racconta il mondo del cibo. Dopo

A Bergamo la prima edizione di Food Film Festival

di Redazione Si è tenuta giovedì 10 luglio alle ore 11.30 presso la Sala Giunta della Camera di Commercio di Bergamo la conferenza stampa di lancio di Food Film Fest, primo Festival Cinematografico Internazionale dedicato al cibo ed all’alimentazione. L’evento, promosso dall’Associazione Montagna Italia con la Camera di Commercio di Bergamo e la collaborazione di

Premio del Giornale del Cibo al Brescello Film Festival

Continua l’attenzione del nostro sito per il cinema che racconta il mondo del cibo. Dopo la realizzazione del Concorso Cibo al Cine, “Il Giornale del Cibo” ha assegnato al Brescello Film Festival unriconoscimento al miglior corto dedicato alla valorizzazione del territorio con le sue tradizioni culinarie e quindi i piatti e/o le ricette regionali. A

L’arbitro: recensione film

Anno 2013; regia di Paolo Zucca; genere: commedia. TRAMA: Ad un destino di continue ed umilianti sconfitte sembra essere condannato l’Atletico Pabarile, squadra della terza categoria calcistica sarda, storica avversaria del Montecrastu, capitanato dall’arrogante Brai, quando il ritorno sull’isola del giovane Matzutzi pare finalmente rovesciare le sorti del campionato: illuminato dall’astro del fuoriclasse, infatti, l’Atletico riesce a

Lunch box di leonivalentina

Anno 2013; regia di Rites Bathra; genere: commedia. Trama: in una caotica Mumbai, la giovane casalinga ila ogni giorno prepara con impegno il pranzo al marito, seguendo i consigli culinari della zia. Poi lo consegna, dentro ad un contenitore composto da più scodelle messe una sopra l’altra, ad un dubbawala, uno dei tanti fattorini che a Mumbai

Un boss in salotto di tasko

Anno 2013; regia di Luca Miniero; genre: commedia. TRAMA: Cristina, un’aspirante bolzanina interpretata da Paola Cortellesi, vede sconvolta la sua vita quasi perfetta dall’arrivo del fratello Ciro (Rocco Papaleo). Il presunto boss camorrista è in attesa di essere processato ed indica come luogo per gli arresti domiciliari la casa della sorella che non vede da 15 anni.

Philomena di eccetera1

Anno 2013; regia di STEPHEN FREARS; genere: drammatico. TRAMA: E’ la storia vera di un’adolescente che resta incinta, ma a soli tre anni il figlio le viene portato via. Lei trascorrerà tutta la sua esistenza a cercarlo… da vedere per conoscere il finale. SCENA: In questo film emergono particolari agghiaccianti di come dovevano vivere le donne

Il capitale umano: recensione film

Anno 2013; regia di Paolo Virzì; genre: drammatico. TRAMA: Un incidente e tre diverse storie che convergono in quella stessa direzione. Tre punti di vista distinti che compongono un unico quadro ma con mille diverse sfaccettature. Una trama semplice eppure insospettabilmente complessa. SCENA: Elegantissimi tavoli rotondi imbanditi sontuosamente. Altrettanto eleganti signore e signori nel salone delle feste per

I sogni segreti di walter mitty: recensione film

Anno 2013; regia di Ben Stiller; genre: commedia. TRAMA: Walter Mitty (Ben Stiller) lavora nell’archivio fotografico della storica rivista “Life” e rimane molto spesso “incantato” a sognare a occhi aperti avventure che non ha mai avuto il coraggio di vivere da quando suo padre è morto lasciandogli la responsabilità di provvedere alla madre (Shirley MacLaine) e

Lunch box di isicinema

Anno 2013; regia di Ritesh Batra; genere: commedia. TRAMA: Ila prepara ogni giorno il pranzo da consegnare al marito. Come ogni mattina lo cucina con amore, ricevendo i consigli di una saggia zia, e lo mette nel “lunchbox”, quel contenitore che i corrieri consegnano in una affollatissima Mumbai, in lunghi viaggi compiuti con le biciclette e i

Still life: recensione film

Anno 2013; regia di Umberto Pasolini; genre: drammatico. TRAMA: John, meticoloso ed abitudinario funzionario comunale londinese, si occupa di nature morte: persone decedute in solitudine. Di questi, in caso non trovi parenti ed amici disponibili, dopo aver indagato gusti e interessi, si occupa personalmente di organizzarne i funerali. Il puntuale lavoro John è ritenuto poco produttivo dal

Disconnect

Anno 2013; regia di Henry Alex Rubin; genre: drammatico. TRAMA: Conosciamo diverse storie, segnate dalla solitudine e dalla tristezza, che arrivano ad intrecciarsi attraverso l’utilizzo dei social network: un ragazzino di 15 anni, una coppia in crisi, un investigatore privato, e un ragazzo che lavora in una chat line per adulti. I social network e le chat