baccala-con-le-patate

Come sopravvivere alla quaresima: ricette e consigli

Redazione

Vi siete divertiti a mangiare fritture d’ogni sorta, a molestare le orecchie altrui con le trombette di Carnevale, e ad infastidire i passanti con i martelletti di plastica? Abbandonate pure i travestimenti perché il tempo della carne e degli eccessi è finito, almeno per una parte della popolazione italiana. Ad essere precisi infatti il Carnevale era stato inventato dai cattolici per fare scorta di grassi prima di quaranta giorni di fioretti e rinunce, digiuni e venerdì privi di carne.

La questione potrebbe non riguardare agnostici, cattolici vegetariani e seguaci di altre religioni, tuttavia, con laica e disinteressata  curiosità cultural-culinaria, la nostra redazione si è chiesta: come fa un cristiano-buona forchetta, avvezzo ai piatti a base di carne, ad attenersi alle restrizioni? E quali sono le ricette e consigli per la quaresima, da dare a chi osservi la pratica o a chi ha intenzione di invitare a cena un cattolico un venerdì di quaresima? Tentando di rispondere siamo approdati ai piatti semplici della tradizione quaresimale, e ad un’interessante conclusione: la religione, in fondo, è anche cultura culinaria. Come tale, la sua eredità può essere raccolta da chiunque voglia intraprendere la strada di una cucina semplice e sana, e rispettosa della piramide alimentare.

La lotta ai grassi

Per fortuna sono cambiate molte cose dai tempi in cui la dieta quaresimale era una rigidissima imposizione, la cui infrazione costava la morte. Tuttavia resta una certezza: in quaresima, i grassi vanno evitati. Gli alimenti su cui contare restano quindi il pesce, il pane, la polenta, i legumi e gli ortaggi. E gli spunti per realizzare stizzicanti ricette a partire da una cucina povera non mancano…

I piatti della tradizione

Dei piatti della tradizione quaresimale abbiamo già parlato, ma torniamo con piacere a rispolverarvi la memoria. Tanto per cominciare non possiamo esimerci dal consigliarvi la pasta con la colatura di alici, che affonda le sue radici nell’Antica Roma, e il Cappon Magro , un delizioso piatto della tradizione ligure.

Cappon Magro

A qualcuno sembrerà strano, eppure anche un piatto saporito come  la pasta con le sarde nasce dalle rinunce pre-pasquali, così come molte gustosissime ricette con il baccalà che le nostre regioni ci riservano…Se volete un consiglio, partite dai grandi classici: l’intramontabile baccalà con le patate.

I dolci quaresimali

Alcuni, di dolce hanno veramente poco, come il Pane di ramerino che viene preparato solo con farina, olio, rosmarino, uva passa e zibibbo. Altri tentano di avvicinarsi al concetto di dolce pur comprendendo ingredienti veramente semplici: è il caso dei Quaresimali, che in toscana vengono realizzati solo uova, zucchero e cacao in polvere, e che hanno una variante un po’ più complessa in Liguria. In questa regione la lista degli ingredienti si allunga notevolmente, e arriva a contemplare pasta di mandorle, zucchero, acqua di fiori d’arancio, albume d’uovo, farina, semi di finocchio, pistacchio, limone o caffè.

quaresimali

Il venerdì Santo

Un discorso a parte merita il Venerdì Santo, per cui esiste un menù di magra realizzato ad hoc.

Anche in questo caso, la necessità di evitare i grassi non mortifica il gusto. I piatti sono tanti, ma la nostra scelta cade su quelli a base di pesce, che nel perfetto spirito del mangiar di magra usano il così detto pesce povero: le sarde in saòr, le alici in tortiera con provola e capperi, e il tortino di alici.

 tortino di alici

Se avreste voluto ricette più grasse e vi è rimasto l’amaro in bocca, addolcitela con uno dei dolci del venerdì Santo, i Maritozzi, dolcetti a base di farina, uova, latte, pinoli, arancia candita  uva sultanina.

 Maritozzi

Che siate cattolici, agnostici o seguaci di altre religioni, non pensate anche voi che queste ricette e consigli per la quaresima mettano d’accordo chiunque abbia deciso di disintossicarsi dai grassi?

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi