Maccheroncini alla claudia

magnum.3
Maccheroncini alla Claudia (cioè, bboni...)
Nessuna valutazione
Preparazione 2 h
Tempo totale 2 h
Portata Primi asciutti
Cucina Italia
Porzioni 4 persone

Ingredienti
  

Istruzioni
 

  • Sbuccia la melanzana e riducila a dadini, fai lo stesso con la zucchina, che è meglio se è di quelle verde chiaro, metti al forno il peperone, e quando la pelle si raggrinzisce tutta, mettilo per una decina di minuti dentro un sacchetto per pane, chiuso, poi spellalo, sotto l'acqua corrente. Aprilo, leva, se ce ne sono, le coste bianche, i semi ed il torsolo e ricava dei dadini, come per la melanzana e la zucchina.
  • Friggi tutte le verdure in abbondante olio, separate: prima la melanzana e la zucchina, che cuociono nello stesso tempo, poi il peperone. Affetta la/le cipolle abbastanza sottili e friggile leggermente, proprio una passata per insaporirle e togliere l'eccesso di piccante (le cipolle rosse lo sono sempre). Trita l'aglio e rosolalo nell'olio extravergine, senza farlo annerire, ma solo imbiondire leggermente.
  • Metti nella pentola la carne tritata e falla rosolare un po', senza esagerare. Quando ha preso colore, aggiungi la cipolla e, dopo cinque-dieci minuti, anche il pomodoro. Quello intero va spellato e tagliato a pezzi; l'altro, quello in scatola, bisogna buttar via preventivamente la scatola, altrimenti il ragù prende sapore di ferro. Aggiungi il dado vegetale: ricordati che, probabilmente, proprio per via del dado, non ci sarà bisogno di salarlo ancora. Quindi, prima di aggiungere sale, assaggia.
  • Bagna col bicchiere di vino e lascia cuocere a lungo, come ogni buon ragù che si rispetti; se è necessario, aggiungi piccole quantità d'acqua. Quando lo assaggi, verso la fine della cottura e noti che già è buono per conto suo, aggiungi le verdure fritte. Condisci con pepe macinato al momento e cospargi con una spruzzata di noce moscata, mescola e lascia cuocere tutto insieme ancora per un quarto d'ora - venti minuti, in modo che i sapori si fondano.
  • Cuoci la pasta in abbondante acqua salata, levala dal fuoco ancora un po' al dente, ma senza esagerare, per evitare che, masticandola, ti si scassino i molari, intanto, prepara una pirofila imburrata, nella quale la pasta ci stia a raso. Scola la pasta, riversala nella pentola stessa, oppure in un'insalatiera, versaci dentro il ragù ed il parmigiano; rimescola bene il tutto. Versa la besciamella sulla pasta e mescola ancora in modo da legare bene il tutto.
  • Disponi la pasta nella pirofila; il condimento dovrebbe apparire abbondante: va bene così. Se ne avanza in fondo alla pentola, versacelo sopra: più ce n'è, meglio è.
  • Disponi le fette di formaggio in modo da coprire tutta la superficie.
  • Metti in forno, a gas spento, e grillala per un quarto d'ora-venti minuti, finché la pasta, in superficie (quella che vedi sotto il formaggio, se ne vedi...) si è dorata e le sottilette si sono squagliate e dorate appena anche loro.