Natale Vegano e Vegeteriano: 2 festosi Menu Cruelty-Free

Adriana Angelieri

Sì, è vero che lo spirito del Natale alberga nel cuore e che ci sono mille modi per festeggiare, ma dite la verità: riuscite ad immaginare un 25 dicembre senza una tavola imbandita?
Tutti, a Natale, dovrebbero avere la possibilità di trascorrere un momento di convivialità attorno ad un banchetto ricco e saporito. Per questo, dopo aver parlato di tradizioni culinarie natalizie, rimaniamo in tema e vi suggeriamo un Menu di Natale Cruelty Free i cui piatti sono dedicati a chi ha scelto un’alimentazione che non prevede carne o derivati animali, ma la proposta è rivolta anche a chi ha bisogno di sapere cosa fare prima di invitare a cena un vegetariano o un vegano.
Ecco allora che per un Natale verde e sostenibile vi proponiamo un menu vegetariano e un menu vegano perché possiate festeggiare nel pieno rispetto dell’ambiente e di tutti gli esseri viventi.

Menu di Natale Vegano: una proposta eticamente festosa 

In questa proposta troverete solo ingredienti di stagione, attentamente scelti da una nostra collaboratrice: Mirsie Derjaj che da sempre compone menu colorati e scenografici per dare piacere al palato e alla vista perseguendo il giusto equilibrio tra il gusto e i valori nutritivi degli alimenti.

antipasto vegano

Rompiamo subito il ghiaccio e scaldiamo le padelle per il primo piatto del menù: l’antipasto a base di eleganti foglie di pasta fillo adagiate su un letto di verdurine invernali, decorate con una pioggia di semi di sesamo. Nella ricetta troverete tutte le indicazioni per ottenere una pasta fillo perfetta e per impreziosire la zucca, il porro e gli spinaci.

Adesso le vostre papille gustative sono pronte, ne siamo sicuri. Sentiamo di poter andare avanti nelle proposte e svelarvi l’esotico e gustoso primo: riso venere con cavolfiore e arancia. Il profumo dell’arancia che incontra la cremosità del cavolfiore manderà in tilt i vostri neuroni sensoriali, ma è inutile parlarne, leggete la ricetta e mettetevi ai fornelli!

Passiamo al secondo, che di certo per posizione in classifica non è secondo a nessuno, ed allietiamo il palato con dei deliziosi medaglioni di lenticchie decorticate e topinambur uniti dalla farina di mais e dal profumato rosmarino. Il piatto, di per sé, sarebbe già completo così, non mancano odori né consistenze invitanti, ma fidatevi: adagiando il tutto su dei nidi di bietola saltata in padella… il piacere non avrà fine.

dolce vegano

Per finire, in un menu di Natale l’ultimo boccone deve assolutamente essere dolce e colorato. Noi concludiamo con questo gelato di melagrana, pere profumate, zenzero e cannella. Vi abbiamo detto tutto, non serve altro se non le indicazioni per preparare questa delizia.

Menu di Natale Vegetariano: 5 ricette cruelty-free

I piatti che vedrete tra qualche secondo saranno colpevoli di un goloso reato: farvi venire un’acquolina in bocca che non avete mai provato. E la responsabilità è tutta di Daniele Ciocci, chef CIR food che ci ha regalato queste gustose ricette, quindi, aspettatevi un menu dalla doppia “g”: green e gourmet!

crostata spinaci e ricotta

Una crostata all’EVO con spinacini novelli, quinoa rossa e ricotta aprirà le porte del paradiso con classe ed eleganza. Realizzarla non è difficile: nella ricetta troverete le indicazioni per fare la pasta brisée con l’olio extra vergine d’oliva, seguitele attentamente e godetevi il successo già dall’antipasto!

Dopo un piatto di questa “portata” non ci si accontenta facilmente. Fortunatamente, la ricetta di queste crespelline di grano saraceno con radicchio, noci e fonduta di Castelmagno, sa bene come prendere le redini per continuare ad inebriarvi con sapori e profumi che non scorderete facilmente.

Ed ora aprite gli occhi e preparate la bocca, una colorata millefoglie di verdure sta per rubare la scena e conquistare i vostri palati green e quelli dei commensali con cui condividete il ricco banchetto natalizio. Distribuite attentamente le verdure, come indicato nella ricetta, e accompagnatele nel piatto insieme ad un contorno di tagliatelle di zucchine e carote guarnite con semi di sesamo bianchi e neri. Avete la nostra parola: il risultato non vi deluderà.

pere glassate

Dulcis in fundo, perdonate il latinismo, concludiamo in bellezza il menu con questa deliziosa ricetta: pere farcite al mascarpone, glassate allo zabaione al vin santo e guarnite con delle croccanti lamelle di mandorle. Se non saranno tutti intenti a leccarsi i baffi sarà solo perché a tavola avrete anche delle donne.

Dalla redazione è tutto. Felici di aver fatto ingolosire gli amici vegani e vegetariani, dopo avervi suggerito di rubare altri spunti dalla nostra rubrica dedicata alla filosofia cruelty free,  vi lasciamo con un caloroso augurio di un sereno e sostenibile Natale!

Adriana Angelieri

Siciliana trasferita a Bologna per i tortellini e per il lavoro. Per Il Giornale del Cibo revisiona e crea contenuti. Il suo piatto preferito può essere un qualunque risotto, purché sia fatto bene! In cucina non devono mancare: basilico e olio buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi