pesce di stagione novembre

Seppie, moscardini, mazzancolle: come cucinare il pesce di novembre?

Redazione
3

Indice

    Con Novembre il freddo inizia a farsi sentire ma, pur non essendo sdraiati al sole in una splendida località di mare, possiamo integrare la nostra dieta variata con del sano pesce fresco e di stagione. Quali specie possiamo trovare al mercato? Nella lista del pesce dei nostri mari che possiamo trovare a novembre ci sono:

    • alalunga
    • alice
    • calamaro
    • calamaretto
    • cefalo
    • cernia
    • dentice
    • gallinella
    • gattuccio
    • lampuga
    • lanzardo
    • mazzancolla
    • mazzolin
    • moscardino
    • mormora
    • nasello
    • occhiata
    • ombrina
    • orata
    • pagello
    • pannocchia
    • polpo
    • rombo chiodato
    • sardina
    • seppia
    • sogliola
    • spigola
    • spinarolo
    • triglia
    • vongole
    • zanchetta

    Pesce di stagione a Novembre: scorpacciate di mazzancolle e moscardini

    Mazzancolla

    La mazzancolla è un crostaceo tipico dell’Adriatico e in generale dell’intero Mar Mediterraneo. Questo crostaceo a dieci zampe si differenzia dal gambero per il colore grigio-marrone, con sfumature giallo-violacee, e il corpo più compresso lateralmente. La mazzancolla è inoltre più grossa e ha due antenne filiformi più lunghe.

    Il suo impiego in cucina è assai vario, perché il sapore delicato si presta a molte ricettazioni. Le mazzancolle possono essere la base per antipasti o sughi, ma anche un secondo delicato o molto saporito, sia fritte o grigliate.

    Zanchetta

    Zanchetta

    Anche la zanchetta è un pesce tipico del Mare Mediterraneo, in particolare del Mar Adriatico. Si può trovare però anche nell’Oceano Atlantico, in una vasta zona compresa tra la Norvegia e le coste del Nord Africa.
    È un pesce piatto, di colore giallo o grigio, semi trasparente, che si riconosce dalla forma asimmetrica e per la disposizione degli occhi, entrambi collocati sul lato sinistro e vicini uno all’altro. Le pinne e il corpo sono molto spesso ricoperti da piccoli punti scuri e la bocca è molto allargata.

    In cucina si utilizza soprattutto nella frittura di paranza e nelle zuppe. Avendo un sapore molto delicato è consigliato per i bambini.

     

    Moscardino

    Moscardini

    Specie tipica del Mar Mediterraneo, localizzata soprattutto nell’Adriatico settentrionale.
    Simile al polpo, se ne differenzia e si riconosce per la testa più piccola del corpo e gli occhi sporgenti. Gli otto tentacoli hanno una sola fila di ventose. È di colore grigio-bruno con macchie nere, e la lunghezza media è di 15-20 cm.

    In cucina i suoi usi sono veramente tanti (basta dare un’occhiata al nostro articolo sulle ricette con i moscardini!): quelli più piccoli si prestano alla frittura, mentre i più grossi sono perfetti per zuppe e stufati misti di pesce. Ottimo ingrediente anche per insalate di mare e gustosissimi sughi; da non sottovalutare, inoltre, l’abbinamento con la polenta.

    Come pulire i moscardini

    Dopo avervi fatto venire l’acquolina in bocca non potevamo lasciarvi con tutte queste ricette e i moscardini  in mano. È vero che molti pescivendoli consegnano il prodotto già pulito, ma nel caso aveste intenzione di pulire i moscardini in casa, ecco quali sono i procedimenti da seguire per ottenere un ottimo risultato:

    1. Sciacquate il moscardino sotto l’acqua corrente e rivoltate la sacca in modo da eliminare le interiora.
    2. Continuate a lavorare sotto il getto d’acqua e lavate bene la sacca, eliminando qualunque traccia di sangue e interiora.
    3. Prendete il moscardino dai tentacoli e capovolgetelo. Facendo pressione ai lati del buco cercate di individuare il becco ed eliminatelo con delle forbici.
    4. Eliminate gli occhi e sciacquate per l’ultima volta il moscardino.

    Ricette con il pesce di stagione a Novembre

    Calamari ripieni cotti in padella

    Gusto e ricchezza della preparazione sono i punti forti di questi calamari ripieni cotti in padella, che richiedono un po’ di lavoro per la preparazione, ma sanno decisamente ripagare deliziando il palato.

    Spiedini di alici con salsa piccante

    Preparare il pesce è molto veloce bastano pochi accorgimenti come con gli Spiedini di alici con salsa piccante, lasciando da parte la salsina possono essere mangiati anche da chi il piccante proprio non lo sopporta.

    Filetti di spigola con julienne di verdure

    Togliere le spine è l’operazione che richiede più tempo durante la preparazione ma poi chi saprebbe resistere davanti a dei Filetti di spigola con julienne di verdure? Sta a voi scegliere le verdure, secondo il colore, il sapore e anche il vostro umore!

    Calamari imbottiti al profumo di limone

    A proposito di umore, se durante i mesi invernali la malinconia è vostra amica e fareste di tutto per pensare all’estate provate a preparare i calamari imbottiti al profumo di limone senza sottovalutare l’abbinamento con un bel calice di vino bianco, gli ingredienti sono pochi e ricordano tutti il mare e le sere d’agosto.

    Sogliola alla mugnaia

    Più semplice di così non esiste, la sogliola alla mugnaia anche quando arrivate di fretta dal lavoro e la cena di pesce vi sembra un’esperienza impossibile, questa ricetta vi salva la serata, affidatevi a lei!

    Tarocco di seppie con pomodorini

    Quando invece il tempo non vi spaventa dedicate ai vostri ospiti il Tarocco di seppie con pomodorini , una bella sorpresa perchè all’interno ci sono anche le mazzancolle, non ve lo aspettavate vero?

    Orata al cartoccio con arance, carciofi, olive e finocchio

    Infine ecco la ricetta delle ricette, quella che contiene al suo interno tutti gli ingredienti del mese di Novembre l’Orata al cartoccio con arance, carciofi, olive e finocchio, ebbene si i finocchi abbinati  a questo pesce riescono a tirare fuori il loro carattere aromatico e sorprendente.

    Finito il fermo pesca, novembre vedrà tutti i nostri mari di nuovo attivi e i pesci di stagione a novembre protagonisti della nostra dieta variata. Zanchetta, mazzancolle e moscardini vi hanno fatto venire l’acquolina in bocca?

     

    Articolo redatto con la collaborazione di Francesca Bono ed Elisabetta Pacifici.

     

    La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi