Risultati della ricerca per: liquore

ricetta-nocino

Nocino

Qui in nel Cantone Ticino dove io vivo, è tradizione la mattina della festa di San Giovanni Battista, il 24 giugno (solstizio d’estate, quando si dovrebbero raccogliere anche le erbe medicinali da essiccare), o al massimo la sera prima, cogliere le noci novelle per preparare il nocino. Le noci devono essere così tenere da poterle

Locanda occitana lou sarvanot

Paolo Rovera, detto “Papi”, è figlio di un operaio della Fiat che è tornato in Val Maira per aprire a Stroppo (Cn) un ristorante, iniziando un timido controesodo dopo l’emigrazione di massa che ha caratterizzato questa zona. Nel suo Ristorante, il “Lou Sarvanot”, ho mangiato per la prima volta le tagliatelle impastate con il genepy

Budino di albicocche

Alle albicocche si possono sostituire le pesche o le fragole, cambiando eventualmente anche il tipo di liquore (grappa alla fragola, brandy alle pesche).

ricetta-ravioles-della-val-varaita

Ravioles di melle o gnocchi della valvaraita

Ci sono terre in cui l’ingrediente principale della cucina è il formaggio. Come in Piemonte, in Valle Varaita, una valle cuneese ai piedi del valico del Colle dell’Agnello (2800 m.), che conduce nella francese Valle del Queyras e a Briancon. Qui la popolazione, di cultura Occitana, proviene dai Pirenei. Non a caso sui pascoli d’alpeggio,

Genepy

Génépy

di Alexander Màscàl. Tra i digestivi delle valli montane il più noto è indubbiamente il Génépy. Ottimo a fine pranzo e moderatamente alcolico viene degustato in piccolissimi bicchieri o aggiunto al caffé: dosi minime che non creano problemi… etilici, comunque è bene, oltre alla moderazione, anche gustarli quando non ci si deve mettere al volante…

Dolce di mirtilli allo strega

E’ possibile sostituire i mirtilli con le fragoline di bosco se qualche ospite non gradisce i primi, lo yogurt con la ricotta per dare un sapore più deciso, il liquore con del succo di arancia se a mangiarlo sono anche dei bambini. Ma è consigliabile provare prima questo dolce nella sua versione originale per scoprire

La nuova taverna

L’aspetto è poco invitante: una minuscola entrata introduce in un vano ancora più piccolo in cui c’è un lillipuziano bancone da bar e a destra e a sinistra due porte a soffietto. Si aspetta lì finchè non compare un tizio simpatico e stravagante, (immortalato in due bellissime foto che troneggiano in questo angusto spazio, mentre

tutti-i-tipi-di-the

Tè: I Tipi Di Tè

di Gianluigi Storto. Questo prodotto è commercializzato anche nei circuiti del commercio equo solidale! Hai già letto la prima parte dell’approfondimento di Gianluigi Storto sulla storia del tè, pubblicato qui sul Giornale del Cibo? Ti ricordiamo che Gianluigi è un chimico ed esperto di tè, nonché autore del libro “Il tè, verità e bugie, pregi

Abruzzo: fra pistilli di zafferano

di Martino Ragusa. In Italia per fortuna ci sono ancora le corriere e spesso durante i miei viaggi gastronomici grazie a queste mi muovo con lentezza ma sicuro di raggiungere qualunque meta mi sia prefissato. Spesso mi scaricano a qualche chilometro di distanza dall’agriturismo dove ho prenotato il mio soggiorno, ma i gestori sono sempre

Tiramisù estivo

Liberando la fantasia è possibile realizzare combinazioni diverse che danno origine a innumerevoli varianti di questo fresco dolce al cucchiaio, da confezionarsi su misura secondo i proprio gusti, il tempo o la stagione. Dalla scelta dell’ingrediente base (savoiardi o pavesini), al liquido con cui imbeverli (frullato di fragole, succo d’arancia, succo d’ananas o semplicemente il succo

limoncello

Limoncello

di Martino Ragusa. Ad Amalfi ho fatto conoscenza con la famiglia Aceto, che ha un laboratorio di liquori nella “Valle dei Mulini”. La preparazione del limoncello è più casalinga di quanto possiate immaginare e Marco, il mio ospite, non si è fatto nessun ritegno di spiegarmi tutte le sue fasi. “Raccogliamo i limoni al mattino presto”

gamberoni-al-sugo-con-brandy

Gamberoni al sugo con brandy

Per la salsa di pomodoro sbollentate dei pomodori ben maturi e passatela al passaverdura.Oppure usate la salsa pronta in bottiglia.I bicchierini di brandy si intende quelli piccolini da liquore.FATE ATTENZIONE ALLA FIAMMA CHE PROVOCA IL BRANDY QUANDO LO METTETE NEL TEGAME.Tranquilli è normale.Ho messo come costo della ricetta ALTO perchè come noto i gamberoni freschi

noce-moscata

Noce Moscata

di Alex Castelli.   Questo prodotto è commercializzato anche nei circuiti del commercio equo solidale. La noce moscata è originaria della Nuova Guinea e delle Molucche, isole indonesiane note anche come “Isole delle spezie”, da cui ha origine anche un’altra spezia molto diffusa nelle nostre cucine, i chiodi di garofano. L’albero appartiene alla famiglia delle

un-bicchiere-di-limoncino

Un bicchiere di limoncino

Per finire il pasto un liquore al limone, il limunillo, che si produce artigianalmente in tutta la fascia da Napoli a Salerno. In fatti questa ricetta mi e’ stata data da amici di Sarno trascorrendo una vacanza in Calabria che nonostante il gran caldo si misero a preparare questo liquore.Ecco come prepararlo in casa.

Ratafià Di Mandarino

Sono in molti a preferire la preparazione casalinga quando si tratta d liquori, il motivo è semplice: la scelta degli ingredienti freschi è assicurata e il sapore è tutta un’altra cosa. Ogni regione italiana possiede almeno una bevanda alcolica tipica: basti pensare al centerbe abruzzese o alla grappa veneta. Il Ratafià di Mandarino Quando si parla di

alloro

Alloro (laurus Nobilis)

di Martino Ragusa. Alberello sempreverde chiamato anche lauro, ha foglie aromatiche di consistenza coriacea. Nell’antichità classica l’alloro era sacro ad Apollo e con le sue foglie intrecciate venivano incoronati i poeti, i generali, i geni, i saggi e gli atleti vittoriosi. Oggi finisce più spesso in testa ai laureati e nelle tasche degli aspiranti tali:

Gubana

di Martino Ragusa. Dallo sloveno guba (letteralmente piega, per via della forma a torciglione di questo dolce), la gubana rappresenta, dal punto di vista culinario, un ponte ideale tra le due tradizioni gastronomiche, quella slovena e quella italiana, o più precisamente friulana. L’origine della gubana è strettamente legata alla vita delle popolazioni che da secoli