Locanda occitana lou sarvanot

Redazione

Paolo Rovera, detto “Papi”, è figlio di un operaio della Fiat che è tornato in Val Maira per aprire a Stroppo (Cn) un ristorante, iniziando un timido controesodo dopo l’emigrazione di massa che ha caratterizzato questa zona. Nel suo Ristorante, il “Lou Sarvanot”, ho mangiato per la prima volta le tagliatelle impastate con il genepy e condite con salsa di tometta di capra e pecora.
Ho proseguito con una trota con salsa di olive nere, acciughe e pinoli. “Il mare è appena dietro le montagne” mi ha ricordato Papi “e la val Maira era l’antica strada degli acciugai che scendevano in Liguria per scambiare la tela di canapa con le acciughe, le olive e i pinoli”. Se preferirete la carne, vi consiglio la culatta di vitello alle erbe selvatiche. Per finire, potete scegliere tra il sorbetto al lampone biologico, il dolce di ricotta di malga e la meringa di nocciole.
A conclusione del pasto il “Papi” vi offrirà un bicchiere del suo squisito liquore Genepy prodotto da lui e ricavato dall’erba achillea che lui stesso coltiva.

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi