Centerbe

Redazione

di Martino Ragusa.

Se vi piace fare i liquori in casa, la primavera è la stagione giusta per preparare il centerbe abruzzese. Ha fama di ottimo digestivo, ed è semplicemente migliore di tanti amari industriali. Le varianti, come sempre accade con le ricette tradizionali, sono tante. Quella che vi propongo è una delle due che io sono solito preparare. L’altra varia per l’aggiunta di scorze di limone e arancia (la buccia di 1/4 di limone e/o la buccia di 1/4 di arancia, ovviamente di frutti non trattati).
Anche sulla dolcezza si può apportare qualche piccola modifica. Nella mia ricetta troverete una quantità intermedia di zucchero (600 g per 750 g di acqua) dalla quale risulta un liquore tendente all’amaro. La quantità di zucchero non può essere comunque troppo ridotta e per 1 litro di alcol è opportuno non scendere sotto i 500 grammi di zucchero.

Ingredienti:

1 litro di alcol alimentare puro
3/4 di litro di acqua
600 g di zucchero
6 foglie di basilico
6 foglie di salvia
6 foglie di alloro
6 foglie di rosmarino
6 foglie di menta piperita
6 foglie di maggiorana
6 fiori di tiglio
6 fiori di timo
6 foglie di mandrino
6 foglie di arancio
6 foglie di limone
6 foglie di cedrina o erba Luigia
6 fiori di camomilla
6 chiodi di garofano
1 corteccia di cannella
6 foglie di tè
6 chicchi di caffè tostati
6 bacche di ginepro
1 bustina di zafferano
Una grattatina di noce moscata

Tenete da parte zucchero e acqua. Mettete tutte le erbe, i fiori, le foglie, le spezie, il tè, il ginepro pestato e i chicchi di caffè in un vaso di vetro ben pulito. Unite l’alcol, mescolate bene e chiudete ermeticamente. Lasciate macerare per dieci giorni scuotendo il vaso una volta al giorno.
Passati i dieci giorni, mettete zucchero e acqua in un capiente tegame di coccio e portate a ebollizione mescolando continuamente. Continuate a far bollire a fuoco basso fino a quando si formano sulla superficie dello sciroppo delle bolle grosse e vischiose. Schiumate, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.
Filtrate l’infuso di erbe, attraverso un colino foderato con carta da filtro, direttamente sullo sciroppo. Mescolate delicatamente, coprite con un panno pulito e un coperchio e lasciate riposare per 24 ore. Travasate in bottiglie scure, ben pulite e asciutte, e chiudete ermeticamente. Lasciate stagionare per almeno 2 mesi.

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi