Gnocchi di Patate

Come fare degli imbattibili Gnocchi di Patate

Luca Sessa

Anche se prevalentemente utilizzati per preparare primi piatti, gli gnocchi si differenziano dalla pasta per la forma: mentre infatti la pasta viene tagliata in una forma precisa e ben definita, gli gnocchi hanno in genere un aspetto estremamente vario. Si prestano inoltre a molte personalizzazioni anche per quel che riguarda gli ingredienti, poiché sono preparati con le patate ma sovente possiamo vedere nei ristoranti gnocchi a base di castagne o altri prodotti. Simili a gli gnocchi sono gli Spatzle, diffusi in Germania, Svizzera, Austria e Alto Adige, che hanno un impasto simile a una pastella, che viene fatto passare attraverso i fori di una pressa, ottenendo in questo modo degli gnocchi irregolari.

 

Come fare gli gnocchi: i nostri consigli

Lavorare l’impasto degli gnocchi

Preparare gli Gnocchi

A seconda del metodo utilizzato per prepararli (e della cura prestata) gli gnocchi di patate possono risultare molto delicati o decisamente duri e compatti. Il segreto principale consiste nell’utilizzare sempre un tocco leggero e non lavorare troppo le patate una volta schiacciate. In pratica l’impasto andrebbe lavorato esclusivamente con le dita per ottenere un composto perfetto. Se non vengono cotti subito, è consigliabile passarli in freezer in un solo strato, coperti. In questo modo è possibile conservarli al massimo una settimana, e si possono cuocere ancora congelati (anche se in questo caso ci metteranno un po’ più a venire a galla).

Ingredienti

  • 1 kg di patate farinose non pelate
  • 300 g farina 00
  • 1 uovo

Preparazione

  • Pelare le patate ancora tiepide, quindi passarle nello schiacciapatate o nel passaverdura, raccogliendole su una placca, in un solo strato.
  • Far raffreddare in frigorifero, successivamente versare le patate su una spianatoia pulita e formare al centro la fontana.
  • Unire l’uovo e mescolare bene con la punta delle dita, quindi incorporare le patate formando un impasto grossolano.
  • Cospargerlo di farina ed iniziare a mescolare con molta delicatezza.Ricetta Gnocchi
  • Lavorare l’impasto premendolo e facendolo ruotare per circa 5 minuti, fino a quando risulterà liscio, elastico e omogeneo.
  • Formare a questo punto un rotolo di 20-25 cm e tagliarlo in 6 pezzi, coprendo tutto con la pellicola trasparente.
  • Prendere un pezzo di impasto e, premendo delicatamente, stenderlo ripetutamente per formare un cilindro di 50 cm di lunghezza e largo quanto un dito.
  • Spolverarlo con la farina e ripetete l’operazione con gli altri pezzi di pasta.
  • Tagliare i cilindri in pezzi di 3 cm, cui dare la classica forma degli gnocchi, premendo con il pollice ciascun pezzetto di pasta contro il lato convesso di una forchetta formando una scanalatura, mentre contemporaneamente si deve arrotolare lo gnocco sui rebbi.Come fare gli Gnocchi
  • Porre gli gnocchi, in un solo strato, sui vassoi in modo che non si attacchino.
  • Coprirli con la pellicola trasparente e tenerli in frigorifero fino al momento di cuocerli.

Far cuocere gli gnocchi in più riprese, in acqua bollente salata, estraendoli con una schiumarola non appena salgono in superficie e porli in uno scolapasta per eliminare l’acqua in eccesso. Distribuirli in un solo strato su uno o più vassoi oppure versarli direttamente nel sugo in una padella capiente.

Gli gnocchi si possono preparare anche con ingredienti diversi dalle patate, ad esempio con la farina di castagne. Voi che tipo di gnocchi preparate e per quale tipo di ricetta li utilizzate?

 

 

Luca Sessa

Nato a Napoli, vive e lavora a Roma come food writer e food blogger. Nel 2011 ha aperto il Food Blog "Per un pugno di capperi" che, nato per essere una vetrina dei suoi piatti, è diventato un luogo di confronto tra appassionati. Il suo piatto preferito è la Torta caprese perché: "amo il cioccolato ed è da sempre la torta del mio compleanno. Dice che in cucina non possono mancare la pasta, una padella ampia e la passione. Ha collaborato con Dissapore, iFood, Excellence, Scatti di Gusto ed ora scrive per The Fork.

12 responses to “Come fare degli imbattibili Gnocchi di Patate”

  1. alda rossi says:

    mi piace tutto ciò che mi mandate, ho fatto bella figura con delle ricette che mi avete mandato. grazie buone feste Alda

    • Redazione Redazione says:

      Alda il tuo commento ci rende felicissimi! 😀 Ce la mettiamo tutta per scegliere sempre le ricette migliori, il merito però, se hai fatto una bella figura, è senz’altro tuo. Evidentemente sei una brava cuoca! 😉

  2. Sofia says:

    molto interessante

    • Redazione Redazione says:

      Grazie Sofia, il tuo commento ci fa davvero piacere, il nostro Luca Sessa in effetti è proprio bravo! Tra i consigli che ci ha dato in questo articolo, quale pensi ti sarà più utile la prossima volta che ti metterai all’opera sugli gnocchi di patate?

  3. mimmo says:

    Ho provato la ricetta ed è veramente semplice da portare a termine. Si può anche associare un sugo più pesante di carne, tipo uno con salsiccia piccante calabrese?

    • Redazione says:

      Ciao Mimmo,
      a noi sembra una scelta perfetta…e abbiamo già l’acquolina in bocca! Ci fai sapere com’è andata?

  4. Fulvia says:

    Bei consigli, ma non sono d accordo con la ricetta, i gnocchi non possono avere una ricetta fissa, dipende dall umidità delle patate, del tempo. Quindi la farina quanta ne assorbono. E poi se non si vogliono grumi bisogna schiacciare bollenti, e poi lasciar raffreddare per far evaporare il vapore. Infine, nell impasto il sale ci va’

    • Redazione says:

      Ciao Fulvia,
      è vero, non esiste una ricetta “giusta” e la quantità di farina può variare. Quelli proposti sono i consigli di Luca Sessa, professionista e grande esperto di cucina, ma ogni nuova proposta e sempre ben accetta! Sul sale, invece, Luca Sessa conferma che non si usa nell’impasto; è il condimento scelto a dare sapore al piatto. Ora siamo curiosi, tu come li prepari e come li condisci? Grazie, ciao!

  5. Nik says:

    C’è un errore nella nostra ricetta di scrittura:
    …… poi unire le patate…alle patate?

  6. Rosanna says:

    Versare” le patate” nella spianatoia, unire l’uovo quindi incorporare ” le patate” 🙂

  7. Cetti says:

    Il terzo punto è da riscrivere correttamente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *