Il latte è un po’ come il maiale: non si butta via niente.
Che sia da bere, o lavorato per ottenere yogurt, formaggio o panna, non ne va sprecata una goccia.Questi però non sono gli unici derivati del latte, perché dal siero si può ricavare la ricottaRecoctus: cotto due volte. I romani sono stati i primi a dare un nome a questo latticino, ottenuto attraverso una seconda cottura del siero. L’alta temperatura fa coagulare le proteine del latte che danno vita ai caratteristici fiocchetti bianchi. Una volta raccolti, vengono messi a scolare un giorno nel tradizionale cestello forato, e sono poi pronti al consumo.
Tra tutti i latticini, è quello con il più basso contenuto di grassi, inoltre, i pochi zuccheri e l’alto apporto proteico la rendono una preziosa alleata nelle diete e per gli sportivi.
Che sia di mucca, di pecora o di capra, sono tantissimi i dolci con la ricotta che si possono preparare per gustare un dessert cremoso e dal sapore invitante.

Dolci con la ricotta: una selezione dal nostro ricettario

dolci con la ricotta

Gattò: una torta ricotta e cioccolato

Si comincia in chiave tradizionale con una ricetta che affonda le sue radici in un piatto pasquale. Il Gattò di ricotta è un riadattamento della Froscia, dolce tipico di Ribera, un comune dell’agrigentino.

Questa versione è light ed attenta alla linea. L’impasto originale prevedeva infatti più di 10 uova per ogni chilo di ricotta, mentre quella del gattò ne prevede “solo” 4.

Volete un consiglio? Unite la mentuccia all’impasto. Il sapore risulterà più fresco e meno impegnativo, e strizzerà l’occhio all’after eight, donando così alla torta anche un tocco di eleganza.

Crostata di ricotta con cedro candito

Ecco un dolce che regala due momenti di piacere: quando senti la fragranza diffondersi in cucina, e quando lo addenti.

La crostata di ricotta con cedro candito è abbastanza semplice, ma richiede un po’ di manualità ed esperienza per riuscire. È infatti importante provare a prepararsi una buona crema pasticciera, perché questa dovrà unire i sapori e le consistenze della pasta frolla, della ricotta e del cedro candito.

Fortunatamente è pronta in poco tempo, quindi può essere una buona idea per un dessert dell’ultimo minuto o, perché no, un’amorevole coccola mattutina per una persona speciale.

crostata di ricotta

Semifreddo di ricotta e noci

I semifreddi sono i dolci di emergenza per eccellenza. Si conservano abbastanza a lungo, e anche se più estivi, sfido qualunque goloso a rinunciare ad un cucchiaino di queste prelibatezze anche nel cuore di gennaio.

Il semifreddo di ricotta e noci non fa eccezione e, grazie alla guarnizione con i gherigli, è anche molto scenografico.

La ricetta è davvero semplice, ma occorre pianificare bene i tempi, perché la miscela che lo compone richiede almeno 3 ore di riposo in freezer prima di essere servita, quindi è necessario prepararlo con un po’di anticipo.

Crostata alla ricotta e zafferano

Un’altra crostata di ricotta? Si, ma dal gusto completamente differente.

Peculiarità di questo dessert è proprio lo zafferano, spezia preziosa e molto costosa , ricavata dagli stigmi di un bellissimo fiore lilla. La sua lavorazione, estremamente faticosa poiché totalmente manuale, fa sì che lo zafferano costi come oro, motivo per cui viene venduto miscelato con altre spezie, come la curcuma.

È un dolce ambizioso e che punta in alto, questa crostata alla ricotta e zafferano. La sua intenzione è chiara: stupire ed incuriosire chi, con fare scettico, riconosce le note amarognole della spezia in questa torta. E ci riesce alla grande.

Pan di spagna con crema di ricotta

pan di spagna ricotta

L’arte pasticciera, negli anni, ha saputo creare torte entrate nella tradizione. Alcune richiedono bravura e destrezza ai fornelli, ma il risultato che se ne ottiene è semplicemente sublime.

Il Pan di Spagna con crema di ricotta è una di queste. Nato per rendere speciali i giorni di festa, questo dolce ha poi perso l’aura cerimoniale che lo caratterizzava, ed è diventato un dessert adatto a tutte le tavole e per ogni occasione.

Fare il Pan di Spagna a casa non è molto difficile, occorre però seguire con precisione ed attenzione le istruzioni e le dosi. Certo, il sapore ed il profumo di un Pan di Spagna artigianale sono inarrivabili, ma se siete spaventati dall’idea del fallimento, o dal poco tempo a disposizione, non c’è problema: questo ingrediente si trova facilmente nella grande distribuzione.

Sbriciolata alla ricotta con pesche e yogurt greco

Una chicca per la merenda o la colazione. La sbriciolata alla ricotta con pesche e yogurt greco è un dessert curioso e che strizza l’occhio ai salutisti. Tra i vari passaggi della ricetta, si rimane stupiti dalla presenza dell’acqua detox. Di che si tratta?

L’acqua detox è una bevanda aromatizzata con frutta, verdura o spezie, capace di disintossicare l’organismo e accelerare il metabolismo grazie alle proprie qualità drenanti. In base ai vegetali usati, l’infuso assumerà caratteristiche e sapori differenti, ed apporterà distinti effetti benefici.

Una volta usata per bagnare i biscotti, non gettatela via. È un drink dissetante, adatto per riprendersi negli afosi pomeriggi estivi, e per accompagnare in tavola questo dolce.

Le note fresche della pesca e della ricotta, unite al retrogusto acidulo dello yogurt greco, si sposano alla perfezione con i sentori di cannella e mele infusi nell’acqua.

Macallé: i cartocci fritti siciliani

macallè

Un cannolo fritto, fatto con la pasta brioches, ripieno di ricotta e farcito con gocce di cioccolato. Questo sono i cartocci fritti alla siciliana, anche se tutti li chiamano Macallè.

Questo curioso nome ha un’origine incerta. Qualcuno dice sia nato per commemorare i soldati morti nella conquista di Macallè, capitale della regione del Tigrè in Etiopia; altri suppongono si tratti del dolce che dovesse celebrare proprio la conquista della città. Qualcun altro ancora pensa invece sia un omaggio all’omonimo sommergibile della Regia Marina, affondato nel 1940. Insomma la sua nascita, e il suo curioso nome, sono avvolte dal mistero.

Ciò che è certo è che la sua preparazione è lunga, e la difficoltà abbastanza alta. Si tratta di una specialità che richiede mani esperte in cucina ma che, se fatta a dovere, si rivela davvero golosissima.

Torta di ricotta con pere e farina di Teff

La ricetta della torta ricotta e pere con farina di Teff è perfetta per chi sta cercando un dolce goloso, ma anche sano ed esotico: l’impasto infatti non contiene zucchero.

Il Teff è un cereale, originario del Corno d’Africa, ricco di fibre e naturalmente privo di glutine. Con la farina si crea l’Injera, il tipico pane eritreo ed etiope simile ad una sfoglia. È un seme adatto a chi soffre di celiachia, ed a chi desidera ottenere un impasto digeribile e che non appesantisca lo stomaco. L’unico problema è il costo: un kilo di farina, infatti, costa circa 12€. Per fortuna qui se ne usano solo 130 grammi.

Come accennato, tra gli ingredienti non c’è lo zucchero. Al suo posto viene usata la stevia, dolcificante naturale estratto dall’omonima pianta.

torta di ricotta

Due sono i grandi benefici che l’uso della stevia può portare:

  1. Minor apporto calorico (Ha una quantità di calorie vicinissima allo 0).
  2. Maggior potere zuccherino (Ne basta pochissima per addolcire una portata).

Oltre a ciò non altera i livelli di glucosio nel sangue, ottima notizia per chi soffre di diabete, ed è ricca di ferro e manganese.

Coppette di ricotta con cannella, scorza d’arancia e cremina di caffè

Tutti, almeno una volta, abbiamo desiderato sentirci chef stellati, no?

Le coppette di ricotta con cannella, scorza d’arancia e cremina di caffè sono una di quelle ricette capaci di farci sentire così. Niente paura, sono semplici da fare e non richiedono molta tecnica. Insomma, minima spesa, massima resa!

È una ricetta profumata e sfiziosa, che gioca con le fragranze dell’arancia e della cannella, e che si può preparare con lo zucchero ma anche con la stevia che, come spiegato, ha tante qualità benefiche.

L’accostamento di creme di consistenza e temperatura diversa è il fiore all’occhiello delle coppette che, con semplicità, riescono a conquistare ogni palato. Immaginatevi la scena: voi che spargete con maestria una calda crema di caffè sul vostro elegante dessert, direttamente in tavola davanti agli ospiti. Non male, vero?

Siringate

La Sicilia sa davvero il fatto suo quando si parla di dolci con la ricotta!

Le siringate prendono il nome dal particolare procedimento usato per realizzarle.

L’impasto, composto di farina, zucchero, uovo e ricotta, viene raccolto in una sac à poche o in una siringa per dolci e tuffato nell’olio, facendo attenzione a creare delle frittelle cilindriche lunghe 5 o 6 centimetri. Le scorzette d’arancia esaltano il dessert, e la guarnizione di miele gli dona un sapore caldo e confortante.

É un finger food dimenticato, quasi completamente sparito, rimasto appannaggio solo di qualche famiglia che ancora ne conosce la ricetta e ne apprezza il gusto e la tipicità. È una delizia che rischia l’estinzione, bisogna salvarla!

Torta di ricotta

torta alla ricotta

Quale idea migliore per giocare in maniera semplice e deliziosa con il sapore di questo latticino?

Dopo aver visto tanti dolci con la ricotta in cui i vari ingredienti giocassero alla pari, è ora di presentarne uno in cui questa sia la protagonista assoluta.È un dolce che, sotto il nome semplice, nasconde sfumature variegate ed un sapore avvolgente.

La torta di ricotta proposta è di consistenza morbida. L’impasto infatti contiene solo un cucchiaio di farina, ed è quindi l’amalgama tra ricotta, zucchero e uova a donarle il proprio corpo soffice.
Ad impreziosire la preparazione uva sultanina e pinoli, che apportano note colorate e saporite. Inoltre i pinoli, così come tanta altra frutta secca, contengono sali minerali ed oli necessari al nostro organismo come il fosforo, che aiuta a mantenere reattiva e pronta la memoria, e ad assorbire meglio il calcio.

Queste sono le nostre 11 ricette di dolci con la ricotta, quelle che prepariamo per coronare un pranzo o una cena speciale, ma siamo certi che se ne possano aggiungere tante altre.

Qual è il vostro dolce preferito? Quale quello che non può proprio mancare sulla tavola della festa? Aspettiamo nuove idee nei commenti, e ricordate di aggiungere la vostra ricetta vincente nel nostro ricettario!

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Alessandro D Andrea

Alessandro è nato a Bologna, dove lavora, anche se vive in campagna. È una buona forchetta ed il suo piatto preferito sono le tagliatelle al limone perché "sono facili, veloci e squisite". Per lui in cucina non può mancare il cucchiaio perché "se cucino e non assaggio, allora cosa cucino a fare?"

2 Risposte

    • Redazione

      Ciao Antonio! Per vedere le ricette basta avvicinarsi con il cursore sul nome della ricetta, vedrai che comparirà il link e, cliccando, si aprirà la ricetta. 😀

      Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata