Torta in padella

Come cucinare una torta in… padella! Trucchi e ricette

Monica Face
2

     

    Voglia di dolce ma non di forno? Vi è mai capitato? Di modi alternativi per soddisfare la voglia di dessert ce ne sono molti, dalle torte senza cottura alle crêpes, ad esempio. Oggi, invece, vogliamo soffermarci sulla possibilità di realizzare una vera e propria torta senza accendere il forno ma cuocendola… in padella! Oltre a quelle soffici e ai lievitati, vi proponiamo anche una versione di cottura con la crostata. Ma prima di entrare nel vivo delle ricette, vediamo alcuni accorgimenti da tenere presenti quando si prepara una torta in padella.

    Trucchi per cucinare la torta in padella

    Modalità e tempi di cottura sono completamente diversi quando si prepara una torta in padella. La diffusione del calore, ad esempio, può comportare che sia troppo cotta sotto e rimanga cruda sopra. Ecco perché è fondamentale seguire alcuni accorgimenti.

    Trucchi per cucinare la torta in padella

    Geshas/shutterstock.com

    L’impasto

    La preparazione dell’impasto di una torta da cuocere in padella non è molto differente da una infornata: farina, uova, zucchero, lievito, latte, olio e burro possono essere mescolati a cioccolato, cacao in polvere o frutta secca e fresca e dare risultati ogni volta diversi. Il suggerimento è quello di amalgamare molto bene le uova con lo zucchero fino a renderle spumose e con un volume più che raddoppiato. Fate in modo che il composto non risulti troppo liquido o eccessivamente denso. Nel primo caso, in particolare se avete inserito della frutta, correreste il rischio di trovarla tutto sul fondo, nel secondo, invece, di una cottura eccessivamente asciutta.

    La padella

    Per realizzare una torta esistono numerose tipologie di utensili appositamente creati per sostituirsi al forno. In mancanza di attrezzature così particolareggiate, però, anche una semplice padella antiaderente, meglio se in pietra, andrà benissimo. L’accorgimento da seguire, in questo caso, è quello di utilizzarne una con un diametro di medie dimensioni. Per un impasto che contiene 3 uova e 300 grammi di farina, ad esempio, è utile averne a disposizione una da circa 24 cm: se più piccola, rischiereste di avere una torta più alta che larga, mentre se ne usate una eccessivamente larga, il risultato potrebbe essere un dolce schiacciato e pertanto poco soffice, in quanto l’impasto andrebbe a distribuirsi su una superficie troppo ampia. Molto importante, inoltre, soprattutto per le torte che contengono lievito, è che la padella abbia i bordi alti perché durante la fase di lievitazione, l’impasto andrebbe ad attaccarsi al coperchio che, una volta sollevato, porterebbe via la parte superiore del dolce creando un aspetto estetico disastroso.

    Il coperchio

    Per riuscire a distribuire il calore in maniera omogenea, simulando il più possibile la cottura del forno, è fondamentale utilizzare il coperchio, soprattutto nella fase iniziale, che consente al lievito di lavorare e far crescere il dolce. Questo poi vi servirà anche per capovolgere la torta, quasi al termine della cottura.

    La fiamma

    Trattandosi di un metodo di cottura che parte dal basso e va verso l’alto, diversamente dal forno che distribuisce il calore in maniera uniforme, sarà opportuno tenere la fiamma particolarmente bassa. Potrebbe essere utile anche l’utilizzo di uno spargifiamma, ossia la retina di acciaio da mettere sul fornello in modo da diffondere il calore in maniera uniforme e più delicata.

    Per non fare attaccare la torta

    Padella con burro

    Americo Nunes/shutterstock.com

    In base al tipo di dolce che andrete a realizzare, potete ungere la padella con olio o con burro per evitare che il fondo si attacchi. In alternativa, potete ricorrere alla carta forno che vi aiuterà a sollevarla quando sarà il momento di capovolgerla facendo sì che la base non si scurisca troppo.

    I tempi 

    Dopo aver versato l’impasto nella padella, accendete un fuoco medio a fiamma dolce e tenete il coperchio per almeno 15 minuti. In questa fase il lievito inizia ad agire e a far crescere il dolce. Dopo questo tempo scoperchiate e sollevate delicatamente i bordi del dolce con una paletta di legno piatta. Quando sulla superficie inizieranno a comparire delle bollicine sarà il momento di girare la torta. Allontanate quindi la padella dal fuoco e, aiutandovi con un coperchio, capovolgete la torta e, con un movimento delicato, fatela scivolare nuovamente in padella e proseguite la cottura per ulteriori 5-8 minuti a seconda della quantità di impasto. Per verificare lo stato di cottura potete infilare lo stuzzicadenti e, se uscirà asciutto, la torta sarà cotta.

    Torta in padella: due ricette golose

    Ora che abbiamo visto quali sono gli accorgimenti da seguire per fare la torta in padella vediamo due golose ricette: la prima è una torta lievitata, dall’aspetto zebrato grazie alla presenza del cioccolato. La seconda è una frolla friabile, con cui andare a realizzare una crostata con la confettura.

    Torta zebrata in padella 

    L’alternanza di chiaro e scuro, mescolati con uno stuzzicadenti, produce in questo dolce l’effetto zebrato. La cottura in padella, poi, renderà la torta alta e soffice, perfetta per una merenda o una colazione.

    Torta zebrata

    Ahanov Michael/shutterstock.com

    Ingredienti per una padella da 24 cm (6-8 persone)

    • 300 g di farina 00
    • 3 uova
    • 30 g di cacao amaro in polvere
    • 170 g di zucchero
    • 150 ml di latte
    • 120 g di olio di semi
    • 3 cucchiaini di lievito per dolci

    Procedimento

    1. Mettete le uova e lo zucchero nella planetaria e montatele fino a renderle spumose, con un volume raddoppiato. In mancanza di planetaria, eseguite l’operazione con la frusta, meglio se elettrica, in una capiente ciotola. Versate quindi la farina, setacciata un po’ alla volta, continuando a mescolare. Unite anche l’olio.
    2. In un bicchiere sciogliete il lievito nel latte e versatelo nell’impasto. Quando otterrete un impasto omogeneo, versatene metà in una ciotola. Nella rimanente metà aggiungete il cacao amaro e proseguite a mescolare fino a che non si sia distribuito in maniera omogenea.
    3. Prendete la padella da 24 cm, rivestitela con carta forno o, in alternativa, ungetela con abbondante burro o olio. Versate parte dell’impasto chiaro nel centro, poi parte dell’impasto scuro, nuovamente quello chiaro e poi ancora quello al cioccolato, sempre partendo dal centro. Con uno stuzzicadenti disegnate delle righe.
    4. Coprite la padella, sistemate la retina spargifiamme e accendete il fuoco a fiamma bassissima per 15-18 minuti.  Sollevate il coperchio: la torta dovrebbe essere cresciuta in altezza e i bordi iniziare a scurirsi, mentre la superficie rimane ancora morbida.
    5. Proseguite la cottura senza coperchio per altri 5-8 minuti, quindi capovolgete la torta, sistematela nuovamente in padella e proseguite per ulteriori 4-5 minuti. Verificate lo stato di cottura con uno stuzzicadenti, quindi sistemate la torta in un piatto da portata o in un vassoio e lasciatela raffreddare.

    Crostata in padella

    Per realizzare la crostata in padella bisogna partire dall’impasto della pasta frolla. In questa fase non ci sono accorgimenti diversi o particolari e sarà sufficiente seguire le indicazioni già date quando vi ho parlato di come fare la crostata. Quello che cambia è, ovviamente, il metodo di cottura che andrà realizzato in padella a fuoco minimo.

    Crostata in padella

    Goskova Tatiana/shutterstock.com

    Ingredienti per una padella da 24 cm (6-8 persone)

    • 180 g di farina
    • 2 uova
    • 75 g di burro
    • 75 g di zucchero
    • un pizzico di bicarbonato.
    • 150 g di confettura a scelta

    Procedimento

    1. In una spianatoia sistemate la farina a fontana. Al centro mettete le uova, lo zucchero, il bicarbonato e il burro freddo di frigo. Impastate velocemente con la punta delle dita e, una volta inglobati tutti gli ingredienti, lavorate con tutta la mano fino a rendere l’impasto liscio e omogeneo. Coprite la frolla con la pellicola per alimenti e lasciatela riposare in frigo per mezz’ora. La fase di riposo è importante per evitare che si rompa mentre la stenderete.
    2. Trascorso il riposo infarinate un piano di lavoro e stendete il composto. Ricavate un cerchio di carta forno della dimensione della padella, adagiateci sopra la frolla, ripiegate il bordo e schiacciatelo leggermente con le dita. Bucherellate, infine, la base con i rebbi di una forchetta.
    3. Trasferite la frolla in padella, accendete il fuoco bassissimo, coprite e fate cuocere per 15 minuti. Nel frattempo, stendete la frolla avanzata e ricavatene alcune strisce. Sistematele su un’altra padella, in questo caso anche senza carta forno perché la cottura sarà molto più rapida, 4-5 minuti.
    4. Scaldate a bagnomaria per pochi minuti la confettura in modo che non ci sia uno shock termico tra il ripieno e la base. Quando questa risulterà asciutta, ma ancora morbida, distribuite la confettura livellandola con il dorso di un cucchiaio. Quindi, adagiate le strisce sopra, incrociandole e creando il classico disegno della crostata. Coprite ancora e proseguite la cottura, sempre a fiamma bassissima, per altri 5 minuti, poi spegnete e fate raffreddare. La crostata in padella è pronta.

     

    Cosa ne pensate di queste idee per fare le torte in padella? Avete mai sperimentato questo metodo di cottura?

    Di origini napoletane, è nata e vive a Roma. In passato ha collaborato con vari settimanali, tra cui "Di più"; "Di piùTv Cucina"; "RadioCorriere Tv"; "Onda Tv"; "Messaggero Tv". Oggi invece si dedica anima e corpo al suo blog, "Che cavolo cucino, oggi?". Il suo piatto preferito è la parmigiana di melanzane, "perché è un ricordo d'infanzia e perché", dice, "quando aspettavo il mio bambino avevo sempre voglia di melanzane". Nella sua cucina non possono mancare il pane (che prepara in casa) la frutta e il caffè, "perché altrimenti... il pasto non è finito".

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *