tartine

Tartine di Natale: ecco come preparare basi e farciture

Monica Face
3

Indice

     

    Quando si prepara un pranzo importante, come in occasione del Natale, gli antipasti non mancano mai. C’è chi va su idee classiche, chi si diletta in lievitati importanti come il panettone gastronomico e chi invece opta per qualcosa di più semplice, ma ugualmente d’effetto. Tra le varie soluzioni, le tartine sono sempre una buona idea, sia per la modalità di presentazione, sia per la facilità di lavorazione. Oggi vorrei darvi dei suggerimenti per preparare le tartine di Natale: ricette con basi e farciture diverse, per ottenere un vassoio ricco e goloso.

    Tartine di Natale: come preparare le basi

    Per realizzare le vostre tartine di Natale basta lasciare libera la fantasia, utilizzando delle basi differenti e alternando le farcie con gusti che vanno dal salmone al prosciutto, dal formaggio ai funghi, passando anche per le verdure. Ecco alcuni suggerimenti.

    tartine

    shutterstock.com

    La pasta frolla salata

    Sicuramente una delle basi più eleganti per presentare le vostre tartine, la pasta frolla salata si prepara in maniera simile alla frolla dolce, diminuendo la quantità di zucchero ma senza eliminarla totalmente. La comodità sta nel fatto che la si può preparare un paio di giorni prima e tenerla in frigo avvolta nella carta forno. Potete anche scegliere di tagliare le basi e cuocerle nei pirottini e poi congelarle: in questo caso, il giorno di Natale, dovrete tirarle fuori in tempo per farle scongelare e farcirle in base ai vostri gusti.

    La pasta briseè e la pasta sfoglia

    Valide alternative alla frolla salata sono la pasta briseè e la pasta sfoglia, molto pratiche anche perché si trovano già pronte. Dovrete solo divertirvi a tagliarle e sistemarle nei pirottini decorati per dare la forma prima di cuocerle. Anche in questo caso, se scegliete una pasta fresca e non congelata, potete peparare le basi delle vostre tartine, cuocerle e conservarle nel freezer fino a giorno di Natale per poi farcirle come preferite.

    Il pane

    Qualsiasi tipologia di pane può diventare un’ottima base per le tartine, ma tra i tanti tipi vi suggerisco il pancarrè o il pan brioche: essendo più bassi e morbidi,  ben si sposano con farciture cremose a base di formaggi. In alternativa. la baguette, tagliata in obliquo per ottenere dei piccoli ovali, è perfetta per condimenti come patè di olive, di carciofi o qualsiasi altra farcitura, perfetti per realizzare del finger food.

    Crackers e biscotti salati

    cracker

    shutterstock.com

    Se non avete la possibilità di preparare la pasta frolla salata e avete dimenticato di acquistare il pane adatto, anche dei semplici crackers o biscotti salati possono costituire una valida alternativa.  In questo caso, non esagerate con il sale nella farcia, perché l’insieme potrebbe risultare troppo saporito.

    Tartine di Natale: le ricette per i vostri antipasti

    Ora che abbiamo visto come si possono realizzare le basi, passiamo all’assemblaggio delle tartine di Natale: siamo certi che riuscirete a stupire i vostri ospiti.

    Tartine di frolla salata con funghi e formaggio

    Belle, eleganti da presentare, queste tartine sono perfette l’aperitivo di Natale. La preparazione, leggermente lunga, viene ripagata dalla presentazione davvero d’effetto. Avete poco tempo? Preparatele in anticipo e ripassatele in forno il giorno di Natale.

    Ingredienti per 8-10 persone

    Per la frolla salata

    • 25 g di farina + altra per la spianatoia
    • 125 g di burro
    • 1 uovo
    • 1 cucchiaino di sale
    • 1 cucchiaino di zucchero
    tartine

    shutterstock.com

    Per la farcia

    • 200 g di funghi misti
    • 1 scalogno
    • 1 rametto di prezzemolo
    • q.b. di sale
    • q.b. di parmigiano
    • q.b. di olio extravergine

    Procedimento

    1. Setacciate la farina e mettetela a fontana, inserendo al centro il sale, lo zucchero, l’uovo e il burro freddo di frigorifero. Lavorate con la punta delle dita molto velocemente fino a rendere il composto liscio e omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola trasparente e mettetelo in frigorifero almeno mezz’ora. Quindi, estraete e stendete l’impasto su un piano di lavoro infarinato.
    2. Ritagliate la pasta frolla con un bicchiere e sistematela nei pirottini di carta. Portate il forno alla temperatura di 200 °C in modalità statica. Inserite le tartellette mettendo alcuni legumi sulla superficie per evitare che si gonfino durante la cottura. Fate cuocere per 15 minuti, quindi estraete e fate raffreddare.
    3. Preparate la farcia: tagliate uno scalogno e fatelo imbiondire in un filo d’olio. Pulite i funghi con un po’ di carta da cucina umida, affettateli e fateli cuocere per almeno 7-8 minuti, salando e inserendo in ultimo del prezzemolo tritato finemente. Fate raffreddare e inserite un cucchiaio di condimento in ogni tartelletta. Ricoprite con abbondante parmigiano in scaglie. Al momento di servire ripassate in forno a 160 °C per 5-6 minuti, quel tanto che basta per far sciogliere il formaggio in superficie.

    Tartine di pasta briseé con spuma di prosciutto e capperi

    tartine con spuma di prosciutto

    shutterstock.com

    Trovo la pasta briseè una valida alternativa alla frolla salata e spesso la utilizzo per realizzare torte rustiche. In questo caso viene cotta vuota in pirottini e farcita successivamente. Ecco come realizzare queste gustose tartine.

    Ingredienti per 8-10 persone

    • 2 rotoli di pasta briseè
    • 100 g di prosciutto cotto
    • 100 g di formaggio spalmabile
    • 1-2 cucchiai di capperi
    • 6-7 pomodorini

    Procedimento

    1. Lasciate la pasta briseè a temperatura ambiente per almeno 10 minuti. Ritagliate con una formina tagliabiscotti o con un bicchiere capovolto dei cerchi di almeno 8-10 cm e sistemateli nei pirottini. Bucherellate il fondo e sistemate qualche fagiolo sulla superficie per evitare che si gonfino durante la cottura. Portate il forno alla temperatura di 180 °C e infornate per almeno 10 minuti, quindi fate raffreddare.
    2. In un mixer, inserite il prosciutto cotto, il formaggio spalmabile e la metà dei capperi: frullate fino a rendere il composto liscio e omogeneo. Se intendete preparare le tartine il giorno seguente, conservatelo in un contenitore con chiusura ermetica.
    3. Il giorno di Natale inserite il composto in una sac a poche con bocchetta liscia e farcite ogni tartina. Decorate con un paio di capperi e un pezzettino di pomodoro. Conservate in frigorifero fino a mezz’ora prima di servire.

    Tartine di pancarrè con salmone e burro

    Un’idea un po’ più sbrigativa, da realizzare all’ultimo momento ma sempre di bella presentazione.

    Ingredienti per 8-10 persone

    • 5 fette di pancarrè
    • 120 g di salmone affumicato
    • 70 g di burro morbido
    • q.b. di erba cipollina
    • q.b. di pepe rosa in grani

    Procedimento

    1. Con un taglia biscotto rotondo, ritagliate le fette di pancarrè; in alternativa, utilizzate un bicchierino di caffè capovolto. Una volta che avrete ricavato le basi, farcitele con il burro, che deve essere morbido.
    2. Arrotolate ogni fettina di salmone su se stesse, creando una piccola rosa. Con la punta delle dita aprite delicatamente i “petali” e posizionate il salmone sopra il pane. Sistemate le tartine su un piatto da portata e decorate con erba cipollina e qualche bacca di pepe rosa.

    Tris di tartine di pasta sfoglia

    tartine di pasta sfoglia

    karelnoppe/shutterstock.com

    Con la stessa base di pasta sfoglia, cotta in forno vuota, è possibile realizzare tre diversi tipi di tartine che, presentate una accanto all’altra, daranno un aspetto elegante alla vostra tavola di Natale.

    Ingredienti per circa 30 tartine

    per la farcia al formaggio e caviale

    • 1 rotolo di pasta sfoglia
    • 120 g di formaggio spalmabile
    • 80 g di caviale
    • q.b. di erba cipollina

    per la farcia al salmone e formaggio

    • 1 rotolo di pasta sfoglia
    • 80 g di robiola
    • 50 g di salmone affumicato
    • 2-3 foglie di lattuga
    • q.b. di pepe nero

    per la farcia con ricotta e mortadella 

    • 1 rotolo di pasta sfoglia
    • 80 g di ricotta
    • 50 g di mortadella
    • 8-10 cetriolini per decorare

    Procedimento 

    1. Per prima cosa occupatevi delle tartine e procedete tenendo la pasta sfoglia a temperatura ambiente per almeno 10 minuti. Quindi, apritela su un piano di lavoro e ricavate dei cerchi del diametro di 8 cm e inseriteli in pirottini di carta. Bucherellate il fondo e riempitelo con i fagioli per evitare che si gonfino durante la cottura. Cuocete a 180 °C per 10-12 minuti, quindi estraete e occupatevi delle tre farce.
    2. Per la farcia al caviale: mettete il formaggio spalmabile in una ciotola, inserite l’erba cipollina e mescolate accuratamente. Versate un cucchiaio in ogni tartina, quindi prendete una punta di cucchiaino di caviale e decorate la parte superiore della tartina.
    3. Per la farcia al salmone: versate la robiola in una ciotola, inserite il pepe e mescolate accuratamente. Versate il composto in ogni tartina. Prendete un pezzetto di salmone affumicato e inserite un pezzetto di lattuga, arrotolandolo e adagiandola delicatamente su ogni tartina.
    4. Per la farcia alla mortadella: in un mixer mettete la mortadella e frullate fino a ridurla in crema; quindi inserite la ricotta e mescolate fino a rendere il composto liscio e omogeneo. Versate un cucchiaio in ogni tartelletta e decorate con un cetriolo. Tenete in frigo fino a mezz’ora prima di servire.

     

    Che cosa ne pensate di queste tartine per Natale? Non trovate che siano un simpatico modo di preparare un antipasto per le feste?

    Monica Face

    Di origini napoletane, è nata e vive a Roma. In passato ha collaborato con vari settimanali, tra cui "Di più"; "Di piùTv Cucina"; "RadioCorriere Tv"; "Onda Tv"; "Messaggero Tv". Oggi invece si dedica anima e corpo al suo blog, "Che cavolo cucino, oggi?". Il suo piatto preferito è la parmigiana di melanzane, "perché è un ricordo d'infanzia e perché", dice, "quando aspettavo il mio bambino avevo sempre voglia di melanzane". Nella sua cucina non possono mancare il pane (che prepara in casa) la frutta e il caffè, "perché altrimenti... il pasto non è finito".

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *