riciclare brodo verdure

5 idee per riciclare il brodo di verdure avanzato

Monica Face

Se c’è una cosa che mi piace fare in cucina è riciclare gli avanzi. Buttare il cibo proprio non va bene, ed è per questo motivo che ogni volta che preparo qualcosa in più trovo il modo di riutilizzarla al meglio. Dopo avervi parlato di come riciclare la polenta avanzata, il pollo e la pasta, oggi ci soffermeremo su come riciclare  il brodo di verdure avanzato. A volte capita di preparne in eccesso ed è così tanto che proprio non sappiamo cosa farne. Buttarlo via, tanto è solo “acqua”? No davvero! Con questo prezioso liquido possiamo realizzare tantissime idee.

Riciclare il brodo di verdure: 5 semplici idee

Il dado è tratto: congelare il brodo per usarlo di nuovo

brodo verdure avanzato

Se volete riciclare il brodo di verdure, la prima idea pratica è quella di congelarlo. Frullate le verdure assieme al liquido, altrimenti sistemate il brodo nelle vaschette per il ghiaccio. Fate attenzione a non riempirle fino al bordo perchè durante la fase di congelamento il volume aumenta, quindi potrebbe strabordare e sporcare il cassetto del freezer. Una volta che il brodo sarà solidificato, potete estrarlo e conservarlo in una pratica vaschetta con chiusura ermetica.

Ogni volta che avrete bisogno di un dado per fare una minestrina al vostro bambino, estraetene un paio di cubetti e fateli scongelare, magari allungandoli con un po’ di acqua per cuocervi poi la pastina. Se, invece, state preparando un arrosto potete usarne uno o due per insaporirlo, oppure usarlo come fondo di cottura per un risotto.

Minestra con verdure

Con il freddo e la pioggia non c’è niente di più confortevole di una bella minestra.

zuppa verdure brodo

Ingredienti per tre/quattro persone

  • 1 l di brodo di verdure avanzato
  • 1 zucchina già bollita
  • 1 carota già bollita
  • 300 g di pasta corta (ditalini o pasta mista)
  • q.b. di sale
  • q.b. di olio extravergine d’oliva
  • q.b. di parmigiano

Procedimento

  1. Scaldate il brodo di verdure portandolo a bollore. Versate la pasta e fate cuocere a fuoco lento per circa 7-8 minuti, poi assaggiate e aggiustate di sale.
  2. Prendete la carota e la zucchina, e tagliuzzatele. Potete anche schiacciarle grossolanamente con la forchetta, visto che sono già bollite. Inseritele nella pentola solo verso la fine, mescolando e proseguite la cottura per altri 3-4 minuti.
  3. Trascorso il tempo, versate nei piatti e completate servendo con un filo d’olio a crudo e una spolverata di parmigiano.

Polpettine di carne: doppio riciclo

Se oltre al brodo avete anche del pane avanzato questa è la ricetta che fa per voi!

polpette brodo verdure monica face

Ingredienti per 6 persone

  • 1,5 l di brodo vegetale avanzato
  • 500 g di carne macinata
  • 200 g di pane raffermo
  • un uovo
  • q.b. di sale

Procedimento

  1. Per prima cosa mettete a spugnare il pane raffermo in una capiente insalatiera. Quando sarà completamente ammollato versatelo in uno scolapasta, scolatelo e strizzatelo benissimo con le mani.
  2. Per le polpettine, prendete la carne e versatela nell’insalatiera. Aggiungete il pane strizzato, il sale, un uovo e mescolate bene fino a che il composto sarà omogeneo. Prendete pochissimo impasto con le mani e modellatelo in  forma rotonda, senza eccedere nella grandezza.
  3. Portate a bollore il brodo avanzato, versatevi le polpettine, e avviate la cottura a fuoco lento che dovrà continuare per almeno tre quarti d’ora.
  4. Se preparate questo piatto in anticipo, una volta cotte, sollevate le polpettine con una schiumarola e conservatele in una ciotola in frigorifero senza il brodo (si ammollerebbero troppo) e tenete il brodo in una pentola. Al momento della cena, scaldate il brodo e, una volta raggiunto il bollore, versatevi le polpettine e riscaldatele per una decina di minuti. Servitele calde.

Risotto al parmigiano

Un altro modo perfetto per riciclare del brodo di verdure è quello di realizzare un risotto alla parmigiana. Semplice, buono e perfetto per rimettersi in sesto dopo gli eccessi delle feste.

risotto parmigiano

Ingredienti per due persone

  • 1 l di brodo di verdure avanzato
  • 1 cipolla
  • 180 g di riso carnaroli
  • una noce di burro
  • q.b. di parmigiano
  • q.b. di sale

Procedimento

  1. In una pentola scaldate il brodo avanzato, che dovrà rimanere sempre caldo. Affettate una cipolla, seguendo uno dei consigli che vi abbiamo dato per riuscirci senza piangere. Fatela ammorbidire in un dito di acqua.
  2. Quando la cipolla sarà diventata trasparente, versate il riso, fatelo tostare appena un paio di minuti, poi iniziate a versare il brodo un mestolo alla volta.
  3. Come vi abbiamo già suggerito nel nostro articolo sul risotto perfetto, è importante “giocare con il fuoco”: alzate la fiamma quando aggiungete il brodo, e abbassatela quando vi rendete conto che si è assorbito. E poi ricominciate da capo. Questo trucco vi aiuterà a cuocere il riso senza farlo asciugare troppo o, al contrario, dargli l’idea di “bollito”.
  4. Raggiunto il punto di cottura, spegnete la fiamma, aggiungete una noce di burro, il parmigiano, aggiustate di sale e mantecate. Fate riposare qualche minuto prima di impiattare e servire.

Passatelli in brodo

Anche se la ricetta originale vorrebbe brodo di carne, potete prepararne una variante davvero particolare e vegetariana.

passatelli brodo

Ingredienti

  • 150 g di pangrattato
  • 100 g parmigiano
  • 3 uova
  • 1 noce burro
  • 1 litro brodo avanzato
  • q.b. noce moscata
  • q.b. sale
  • q.b. pepe
  • q.b. di olio extravergine d’oliva

Procedimento

  1. Per prima cosa preparate i passatelli. In una ciotola versate il pangrattato, il parmigiano e poi aggiungete il burro ammorbidito a crema. Mescolate in modo omogeneo.
  2. In un piatto fondo sbattete le uova con sale, pepe e noce moscata grattugiata, poi versatele lentamente nella miscela di pane, mescolando con una forchetta.
  3. Una volta che il composto sarà rassodato, rovesciatelo in una spianatoia e continuate a lavorarlo con le mani fino a farlo risultare compatto. Avvolgetelo nella pellicola trasparente e mettetelo in frigo per mezz’ora.
  4. Trascorso questo tempo, toglietelo dal frigo, eliminate la pellicola e dividetelo in più parti inserendolo un po’ alla volta nello schiacciapatate. Premete finché inizieranno ad uscire i passatelli, e tagliateli alla lunghezza di 4-5 cm. Man mano che si formano, sistemateli in un piatto rivestito di carta da forno leggermente infarinata.
  5. A questo punto mettete a riscaldare il brodo di verdure avanzato. Quando bolle, versate delicatamente i passatelli facendoli cuocere per un paio di minuti fino a quando inizieranno a venire a galla.
  6. Scolateli con una schiumarola in un piatto fondo, aggiungendo poi un mestolo di brodo. Completate con parmigiano grattugiato, un filo d’olio a crudo e una spolverata di pepe.

Se vi piacciono le idee del riciclo, oltre a quelle che vi abbiamo già suggerito, vi consigliamo di dare un’occhiata alle ricette per usare il pane raffermo.

Monica Face

Di origini napoletane, è nata e vive a Roma. In passato ha collaborato con vari settimanali, tra cui "Di più"; "Di piùTv Cucina"; "RadioCorriere Tv"; "Onda Tv"; "Messaggero Tv". Oggi invece si dedica anima e corpo al suo blog, "Che cavolo cucino, oggi?". Il suo piatto preferito è la parmigiana di melanzane, "perché è un ricordo d'infanzia e perché", dice, "quando aspettavo il mio bambino avevo sempre voglia di melanzane". Nella sua cucina non possono mancare il pane (che prepara in casa) la frutta e il caffè, "perché altrimenti... il pasto non è finito".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi