Pesce vegano

Il mare in versione vegan-friendly: 3 ricette da provare

Carmela Kia Giambrone
2

Indice

     

    Chi è vegano – ma non vuole rinunciare al gusto del mare – ha presto scoperto come moltissimi alimenti vegetali, strategicamente combinati, siano in grado di regalare alimenti che ricordano il sapore del pesce, come nel caso della salicornia, del fish and chips vegano o dell’asparago di mare.

    Ecco allora che, molti marchi hanno iniziato a commercializzare il famoso “pesce vegano”: dai bastoncini al tonno vegan fino al granchio, dal caviale vegetale ai calamari, simili per consistenza e gusto ai prodotti animali, ma tutti rigorosamente 100% vegetali. Ma chi ama preparare da sé i propri piatti non può esimersi dallo sperimentare le ricette per fare in casa il pesce vegano. Ecco le mie 3 preferite qui per voi!

    Pesce vegano: 3 ricette alternative e cruelty free

    Usate queste tre ricette per preparare 3 piatti alternativi al pesce 100% vegetali. Dai burger di granchio vegano ai canapè con tonno vegan, fino ai “finti” calamari, tutti accomunati da un elemento: il mare nella versione vegan-friendly. Arricchite il pesce vegano con salsa tartara, maionese vegan o tantissimo succo di limone fresco e rimarrete sicuramente stupiti da quanto questi piatti sia capaci di ricordare tutto il gusto del mare!

    Burger di granchio vegano

    Questi burger di granchio vegano con legumi e verdure sono davvero deliziosi e semplicissimi da preparare. Come per altri piatti vegan, dall’uovo vegetale alle salsicce vegane, scoprire anche voi questo alternativa totalmente vegana al pesce, vi stupirà con un gusto fantastico!

    Burger granchio vegano

    Oko Laa/shutterstock.com

    Ingredienti

    • 150 g di fagioli cannellini cotti
    • 150 g di ceci cotti
    • 2 barattoli di cuori di carciofi al naturale
    • 1 cipolla di Tropea tritata
    • 2 spicchi d’aglio, tritati
    • ½ limone (succo)
    • 1 foglio di alga nori tostato e sbriciolato
    • 1 costa di sedano, tritata
    • 2 cucchiaini di senape di Digione
    • 4 cucchiai di prezzemolo fresco tritato
    • 3 cucchiai di aneto tritato
    • 1 tazza di pangrattato
    • 2 cucchiaini di salsa Worcester
    • q.b. di sale integrale marino
    • q.b. di pepe nero macinato fresco
    • una punta di cucchiaino di paprika dolce
    • q.b. di noce moscata
    • 1 chiodo di garofano
    • una punta di cucchiaino di zenzero essiccato
    • 2 foglie di alloro
    • 2 semi di cardamomo
    • q.b. di olio di semi di girasole

    Procedimento

    1. In una padella scaldate l’olio e rosolate la cipolla tritata per qualche minuto.
    2. Aggiungete l’aglio e le spezie, quindi cuocete per un paio di minuti ancora poi, togliete dal fuoco e mettete da parte.
    3. In una bastardella piuttosto ampia, schiacciate i ceci e i fagioli con uno schiacciapatate.
    4. Aggiungete la cipolla cotta con l’aglio e le spezie, i carciofi, il succo di limone, la polvere di nori, il sedano, la senape, il prezzemolo, l’aneto, il pangrattato e la salsa Worcester. Aggiustate di sale e pepe e amalgamate per bene il tutto con le mani.
    5. Ora formate i burger di granchio vegano aiutandovi con una pressina per hamburger.
    6. Quindi scaldate un poco d’olio in una padella ampia e cuocete i burger su ciascun lato a fuoco medio per circa 3-4 minuti per ciascun lato, fino a quando non risulteranno dorati.
    7. Serviteli su un letto di insalata verde con abbondante succo di limone e maionese vegana!

    Canapè con tonno vegano

    Questi canapè con insalata di tonno vegano sono un’ottima alternativa vegetale e sostenibile al tonno animale pesantemente minacciato e a rischio di estinzione. Serviteli con insalata verde freschissima, maionese vegan e pomodori affettati: saranno una vera goduria!

    Canapè tonno vegan

    Oksana Mizina/shutterstock.com

    Ingredienti

    • 250 g di ceci cotti
    • succo di 1 limone
    • q.b. di maionese vegana
    • 1 gambo di sedano tritato
    • 1 cipolla rossa tritata
    • 1 cucchiaino di aglio in polvere
    • q.b. di sale integrale marino
    • q.b. di pepe nero macinato fresco
    • 1 tazzina di alghe dulse in polvere
    • q.b. di canapè di pane di pasta madre integrale
    • q.b. di insalata verde fresca
    • q.b. di aneto
    • q.b. di polvere di alga nori

    Procedimento

    1. Ponete ceci cotti in un mixer, quindi aggiungete il sedano, le alghe dulse in polvere, la cipolla, l’aglio, il sale, il pepe, il succo di limone, 3-4 cucchiai di maionese vegana.
    2. Frullate per qualche secondo in modo da ottenere un composto amalgamato ma non troppo liscio.
    3. Servite su canapè di pane e foglie di insalata verde fresca; cospargete di aneto e polvere di nori… bon appètit!

    Calamari vegani

    Questa ricetta vegana di calamari colpisce anche chi mangia tutti i giorni pesce: riesce a regalare tutto il gusto del mare, ed è facilissima da realizzare!

    Cuori di palma

    Norberto Mario Lauria/shutterstock.com

    Ingredienti

    • 10 cuori di palma piuttosto grandi
    • q.b. di alloro in polvere
    • polvere di nori (2 fogli)
    • 1 tazza di farina di grano tenero integrale
    • 1 tazza d’acqua
    • q.b. di sale integrale marino
    • q.b. di pepe bianco macinato fresco
    • 2 tazza di pangrattato
    • q.b. di olio per friggere

    Per la salsa

    • 3 cucchiai di maionese vegana
    • 2 cucchiaini di aglio in polvere
    • q.b. di sale integrale marino
    • 1 cucchiaio di succo di limone
    • 1 cucchiaino di peperoncino di Cayenna

    Procedimento

    1. Scolate dall’acqua di conservazione i cuori di palma, scegliete quelli più grandi. Sciacquateli in acqua fredda e affettate ogni bastoncino in tocchetti spessi 2 cm.
    2. Rimuovete il centro dei cuori di palma in modo che rimangano come piccole ciambelle, poi mettete da parte.
    3. Dedicatevi alla preparazione della pastella. In una ciotola ampia aggiungete la farina, la polvere di nori, l’alloro, il sale e il pepe. Mescolate il tutto, quindi aggiungete l’acqua e con una frusta realizzate una pastella liscia e senza grumi. Lasciate riposare la pastella in frigorifero per 30 minuti.
    4. Nel frattempo realizzate la salsa: mescolate in una ciotolina la maionese vegana, l’aglio, il sale, il succo di limone e il peperoncino di Cayenna.
    5. Trascorsi i 30 minuti, ponete abbondante olio a scaldare in una pentola a fuoco medio.
    6. Mettete il pane grattugiato in un piatto fondo accanto alla pastella, quindi immergete i calamari vegani nella miscela di pastella di farina con molta delicatezza, avendo cura di non romperli.
    7. Poi passate i calamari vegani nel piatto con il pane grattugiato e gettateli immediatamente in immersione nell’olio bollente!
    8. Friggete i calamari vegani, finché non saranno dorati. Togliete dal fuoco e disponete su un piatto rivestito di carta assorbente per scolare l’olio extra dopo qualche minuto.
    9. Serviteli accompagnandoli con la salsa e abbondante succo di limone. Non dimenticate di riciclare il vostro olio di frittura dopo l’uso in maniera corretta e buon appetito!

     

    Eccovi quindi pronti a inserire pesce vegan di tanto in tanto nel vostro menù e, perché no, trasformare le vostre abitudini, se lo volete, in vegan-friendly! Sperimentate tutte e tre le ricette e scoprite quale amate di più: i pesci vi ringrazieranno!

    Carmela Kia Giambrone

    Carmela è nata a Bergamo e vive poco lontano da Milano. È una giornalista e si occupa da molti anni di alimentazione naturale, autoproduzione, ambiente e sostenibilità, tematiche che tratta anche nel suo blog equoecoevegan.it. "Adoro l’hummus di ceci e le patate, sotto ogni forma possibile", dichiara, mentre gli elementi che non devono assolutamente mancare in cucina per lei sono il coraggio ed un buon frullatore ad immersione, "perché l’improvvisazione necessita certo di idee ma soprattutto di strumenti pratici da utilizzare".

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *