ricette festa del papà

Cosa mangiano gli italiani per la Festa del Papà?

Redazione

Che si abbiano 4, 35 o 52 anni non ha importanza: il papà è sempre il papà, a qualunque età e latitudine. La stragrande maggioranza dei paesi del mondo lo festeggia a Giugno, nei paesi più nordici e freddi d’Europa viene celebrato a Novembre, e poi ci siamo noi, quelli lo festeggiano il 19 marzo: gli italiani, insieme a boliviani, portoghesi, spagnoli, tunisini, albanesi, abitanti dell’Honduras, del Liechtenstein, del Canton Ticino e dell’Andorra.

happy father's day

Noi che identifichiamo la festa del papà con le letterine e i lavoretti che le maestre ci facevano fare all’asilo, con la poesia, con San Giuseppe e con tutte le tradizioni culinarie che il falegname più famoso del calendario si porta dietro. Perché le tavole d’Italia (che ve lo diciamo a fare?) anche in questa occasione, scoppiano di usanze e ricette…

Ricette per la festa del papà: le nostre tradizioni

Zeppole di San Giuseppe

Il 19 marzo in alcune zone dello Stivale per festeggiare tutti i papà, poesie e letterine sono accompagnate dalle Zeppole di San Giuseppe, sorta di bigné ripieni di crema pasticcera, dolce tipico soprattutto dell’Italia centro meridionale dove viene preparato con modalità differenti, vediamo quali.

zeppole di san Giuseppe

Le Zeppole Campane   

Ai piedi del Vesuvio, le Zeppole di San Giuseppe venivano un tempo preparate per le strade dalle abilissime donne di casa. Gli ingredienti principali della ricetta campana sono: farina, uova, zucchero, margarina, crema pasticcera, zucchero a velo e amarene sciroppate per decorare il tutto.

Le Zeppole Reggine

A Reggio Calabria le Zeppole di San Giuseppe sono zippuli ca’ ricotta e vengono preparate con farina, zucchero, uova, vanillina, strutto e farcite con ricotta, zucchero, cannella, limone grattugiato e zucchero a velo. Che dire, più golose di così!

Le Zeppole Siciliane

Andiamo ancora più giù e fermiamoci in Sicilia, dove l’impasto delle zeppole di San Giuseppe è a base di: farina, riso, miele d’arancio e zucchero a velo. Hanno una forma cilindrica e vengono fritte nell’olio bollente per poi essere ricoperte con miele d’arancio, zucchero a velo e cannella.

Non solo Zeppole: altri dolci tipici 

Dopo tutte queste Zeppole, avete le idee confuse e non sapete quali scegliere? Noi continuiamo sempre sulla scia della frittura, e vi parliamo di un altro cult del 19 marzo: le frittelle di riso che si preparano in Toscana, mentre spostandoci ancora un po’ più a nord, in Emilia Romagna, troviamo le raviole di carnevale, croccanti fagottini ripieni di confettura.

Uniti come non mai dalla comune passione per la frittella e i suoi parenti, gli italiani mangiano in Sicilia anche le Sfinci di san Giuseppe, un nome ereditato dal latino spongia, spugna, e imputabile alla  morbidezza del loro impasto.

Sfinci di San Giuseppe

Ma il primato italiano in fatto di tradizioni culinarie per la festa del papà va un assoluto ai salentini, che non si fermano alla frittella, ma preparano le Tavole di San Giuseppe.
Ma il primato italiano in fatto di tradizioni culinarie per la festa del papà va un assoluto ai salentini, che non si fermano alla frittella, ma preparano le Tavole di San Giuseppe.

Le tavole salentine per San Giuseppe 

Un banchetto con 169 piatti 

In Salento, tra le famiglie più devote, il Santo non viene solo celebrato, ma addirittura impersonato da uno dei commensali durante un pasto che segue un rituale ben preciso: quello delle Tavole di San Giuseppe. Usanza vuole che venga preparato un abbondante banchetto, al quale devono essere invitati almeno 3 commensali, fino ad un massimo di 13. I numeri, chiaramente, non sono casuali: il trio simboleggia la presenza di Gesù, Giuseppe e Maria; i 13, invece, rimandano ai componenti dell’ultima cena.

Nella sua versione ortodossa, la tradizione prevede che vengano preparate 13 pietanze per ciascun santo, per un totale di 169 piatti, tra cui gli immancabili massa e ciciri (pasta e ceci), la verdura lessa, la pasta col miele, il pesce fritto e le cosìddette favenette (crema di fave) con pane fritto, e i tortini, ovvero pani a forma di ciambella, il cui peso oscilla tra i 3 e i 5 chili.

Tavola san giuseppe lizzano

“Tavola San Giuseppe Lizzano” di Francesco Pastorelli – lavoro personale. Con licenza GFDL tramite Wikipedia.

Al cospetto di tutto questo ben di dio, in origine, venivano messi i poveri del paese, scelti tra i commensali per spirito di carità. Oggi naturalmente le cose sono un po’ cambiate: dove la tradizione sopravvive, a partecipare al banchetto sono in genere amici e familiari, e il pasto contempla spesso un menù di lampascioni (bulbi poco conosiuti nel resto d’Italia che qui vengono spesso bolliti e conservati sotto’aceto e sott’olio. Ma che possono essere consumati anche in altri modi..), pesce fritto, zeppole e frutta.

Il going di San Giuseppe 

L’usanza vuole che sia San Giuseppe ad aprire e chiudere le danze: ad uno dei commensali viene infatti assegnato il ruolo del Santo, e viene consegnato l’arduo compito di interrompere il pasto ad ogni portata, battendo per tre volte la forchetta sul bordo del piatto. A questo segnale, tutti si fermano lasciando la pietanza che stanno consumando, per poi passare al piatto successivo. Nessuno, chiaramente, butterà mai gli avanzi: i “santi” ospiti porteranno tutto a casa.

Il rituale di massa e ciciri 

massa e ciciri

Per quanto la devozione sia grande, non tutti possono permettersi un banchetto da 169 piatti. Alcune famiglie preparavano (e preparano) pane e massa e ciciri in quantità, da offrire a chi si presentasse a far loro visita in casa.

L’aspetto più curioso, tuttavia, sta nella preparazione delle pietanze, che originariamente veniva scandita dalla preghiera. La massa, ovvero la pasta con i ceci, si faceva cuocere recitando il Pater Noster, e veniva poi fatta riposare in appositi recipienti per il tempo di 10 Ave Maria.

Per quanto oggi possa esser diventata un’occasione a volte solo commerciale, sfruttiamo l’opportunità come buon pretesto per trascorrere del tempo in famiglia e celebrare questo grande dono: i papà.

Ed ora, prima di dare inizio ai festeggiamenti diteci: quali sono le ricette per la festa del papà che si preparano dalle vostre parti?

 

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi