timballo di riso

Timballi di riso: 3 idee gustosissime

Monica Face
2

Indice

     

    Buoni perché ricchi di sapori, belli perché fanno sempre scena e comodi perché si possono preparare in anticipo: non bastano questi motivi per adorare i timballi di riso? Io, di tanto in tanto, mi diverto a crearne qualcuno con quello che ho nel frigo, realizzando ogni volta una cosa diversa e con la speranza… che ne avanzi un pezzetto anche per il giorno dopo! Oggi, dunque, vorrei suggerirvi delle gustose ricette per realizzare dei perfetti timballi di riso.

    Timballi di riso: 3 sfiziose ricette

    Un timballo a forma di vulcano, con “un’esplosione di polpette al sugo” è la prima ricetta che vi presentiamo, seguita da un’altra piuttosto colorata, a base di spinaci, parmigiano e speck, per poi completare con un timballo con prosciutto e zucchine. 

    “Vulcano” di riso e polpette

    timballo polpette

    shutterstock.com

    Cotto in una pirofila alta, il timballo viene poi sformato sottosopra: sembra un vulcano che, invece di lava e lapilli, ci regala… gustossime polpette al sugo! 

    Ingredienti per 6-8 persone

    Per il riso

    • 450 g di riso carnaroli
    • 100 g di piselli surgelati
    • 1 litro di brodo
    • 150 g di scamorza
    • q.b. di parmigiano
    • 1 scalogno
    • q.b. di sale 
    • q.b. di olio extravergine d’oliva
    • q.b. di burro
    • q.b. di pangrattato

    Per le polpette

    • 250 g di macinato
    • 100 g di pane raffermo
    • 1 ciuffetto di prezzemolo
    • q.b. di salsa di pomodoro
    • 1 spicchio di aglio
    • q.b. di olio extravergine d’oliva
    • q.b. di sale

    Procedimento

    1. Per prima cosa occupatevi delle polpette: mettete il pane a spugnare in una casseruola piena di acqua fino a che non sarà completamente ammorbidito; quindi, scolatelo, strizzatelo per bene e riponetelo in una ciotola capiente. Unite la carne, mescolando bene, e aggiungete il prezzemolo tritato e un pizzico di sale.
    2. Formate le polpette e cuocetele in una padella antiaderente, dove avrete fatto scaldare precedentemente un bel po’ d’olio, avendo cura di girarle a metà cottura. Quindi, sollevatele con attenzione e tenetele da parte, in caldo. 
    3. In una pentola, versate un filo d’olio, fate imbiondire uno spicchio di aglio e, poi, eliminatelo. Aggiungete la salsa di pomodoro, salate e fatela cuocere per 15 minuti a fuoco medio, coperto. Trascorso il tempo, immergete le polpette nel sugo e proseguite la cottura per almeno 25 minuti, tenendo coperto e allungando, qualora sia necessario, con un pochino di acqua. Quando saranno pronte, spegnete e fate riposare.
    4. Nel frattempo occupatevi del riso: in una pentola antiaderente, fate dorare uno scalogno sbucciato e tagliato finemente con un filo d’olio, e poi versate il riso e fatelo tostare leggermente. A questo punto, aggiungete un mestolo di brodo caldo e girate continuamente, aggiungendo un pizzico di sale.
    5. Intanto, lessate i piselli in acqua leggermente salata e scolateli quando saranno ancora scrocchiarelli, e uniteli al riso, che deve essere un po’ al dente per poi continuare la cottura in forno. Aggiungete della scamorza in cubetti, il parmigiano e mescolate bene. Infine, prendete un mestolo di sugo e condite il riso.
    6. Prendete una pirofila tonda e alta, imburratela e cospargetela di pangrattato. Versatevi il riso, livellatelo con un cucchiaio e infornate a 180 °C per circa 20 minuti, o comunque fino a che sulla superficie non apparirà una crosticina dorata. Spegnete il forno e fate riposare il riso.
    7. Prendete un piatto piuttosto largo e coprite la pirofila: capovolgetela e lasciate che il timballo scenda da solo sul piatto. Con un cucchiaio, create un incavo nella parte superiore del “vulcano” e sistematevi le polpette, facendo in modo che il sugo fuoriesca creando l’effetto “lava”. Servite caldo. 

    Timballo di riso agli spinaci

    Un ottimo modo per convincere i bambini a mangiare la verdura? Mescolarla con la pasta o, come in questo caso, con il riso. Insaporito poi con del formaggio filante, questa bontà farà felice tutta la famiglia. Ecco come prepararlo. 

    Ingredienti per 4-6 persone

    • 300 g di riso
    • 250 g di spinaci surgelati
    • 200 g di mozzarella
    • 100 g di speck
    • 3-4  cucchiai di olio extra vergine d’oliva 
    • q.b. di parmigiano grattugiato
    • 2 noci di burro (più dell’altro per la pirofila)
    • q.b. di pangrattato 
    • q.b. di sale

    Per la besciamella

    • 25 g di burro
    • 25 g di farina
    • 250 ml di latte
    • q.b. di sale
    • q.b. di pepe
    • q.b. di noce moscata (facoltativo)

    Procedimento

    1. Per prima cosa preparate la besciamella: fate intiepidire il latte in un pentolino senza portarlo a ebollizione. Intanto, in un tegame con un doppio fondo sciogliete il burro: abbassate la fiamma al minimo, versateci la farina e girate energicamente con la frusta fino a far rapprendere il composto. A questo punto, aggiungete il latte tiepido e mescolate finché il tutto non sarà sciolto completamente. Portate nuovamente sul fuoco a fiamma dolce e proseguite la cottura: quando la besciamella comincerà a rapprendersi, aggiungete il sale e il pepe e, se vi piace, anche la noce moscata grattugiata. Continuate a mescolare, poi spegnete e coprite con la pellicola per alimenti a contatto. 
    2. Ora occupatevi degli spinaci: metteteli in una padella antiaderente con un noce di burro e fateli scongelare. Unite sale e un po’ di parmigiano, poi trasferiteli in un mixer e riduceteli in purea
    3. Nel frattempo, cuocete il riso in abbondante acqua salata, scolatelo molto al dente, versatelo in una pirofila, unendo un filo d’olio e mescolando per bene.
    4. Aggiungete la purea di spinaci e girate finché il condimento non sarà ben distribuito. Versate anche un paio di mestoli di besciamella e mescolate accuratamente. Infine, unite lo speck, tenendone da parte qualche pezzetto per la superficie.
    5. Imburrate una terrina e cospargetela con il pangrattato. Versateci dentro metà del riso verde e livellatelo, aggiungendo poi la mozzarella tagliata a dadini e un altro po’ di besciamella; quindi, completate con il resto del riso e livellate ancora. Decorate con la besciamella rimanente, lo speck e il parmigiano e infornate a 180 °C: quando la superficie risulterà dorata, sarà pronto. Lasciatelo riposare e poi servite.

    Timballo con prosciutto e zucchine

    timballo zucchine

    shutterstock.com

    Adoro questo timballo perché, come vi spiegavo all’inizio, è un ottimo svuotafrigo. Io ve lo propongo in questa versione. 

    Ingredienti per 4-6 persone

    • 450 g di riso
    • 200 g di prosciutto cotto in dadini
    • 150 g di mozzarella
    • 2 zucchine medie
    • 1 spicchio di aglio
    • 100 g di parmigiano grattugiato
    • 150 ml di latte
    • 2 noci di burro + altro per la teglia
    • q.b. di pangrattato
    • q.b. di olio
    • q.b. di sale
    • q.b. di pepe

    Procedimento

    1. In una padella, versate un filo d’olio, fate imbiondire uno spicchio di aglio e aggiungete del zucchine tagliate a dadini: fatele cuocere per 5 minuti, salando e lasciandole croccanti; quando saranno pronte, spegnete e mettete da parte.
    2. In una capiente pentola di acqua salata, mettete a lessare il riso e scolatelo molto al dente. Versatelo poi in una insalatiera, aggiungete un paio di noci di burro e mescolate in modo che i chicchi risultino ben staccati. Ora aggiungete un pochino di latte, pepe e parmigiano e continuate a girare. Unite infine il prosciutto cotto tagliato a cubetti e la mozzarella, mescolando tutto.
    3. Versate il riso in una pirofila precedentemente imburrata e cosparsa con il pangrattato, e livellatelo con il dorso di un cucchiaio. Aggiungete mozzarella e parmigiano sulla superficie. 
    4. Cuocete per circa 25 minuti a 180 °C, o comunque fino a che la superficie non avrà una crosticina dorata. Spegnete e fate riposare il timballo per almeno 15 minuti prima di servire. 

    Che cosa ne pensate di questi timballi di riso? Li avete mai preparati?

     

    Monica Face

    Di origini napoletane, è nata e vive a Roma. In passato ha collaborato con vari settimanali, tra cui "Di più"; "Di piùTv Cucina"; "RadioCorriere Tv"; "Onda Tv"; "Messaggero Tv". Oggi invece si dedica anima e corpo al suo blog, "Che cavolo cucino, oggi?". Il suo piatto preferito è la parmigiana di melanzane, "perché è un ricordo d'infanzia e perché", dice, "quando aspettavo il mio bambino avevo sempre voglia di melanzane". Nella sua cucina non possono mancare il pane (che prepara in casa) la frutta e il caffè, "perché altrimenti... il pasto non è finito".

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *