Ricette vegane da preparare con i bambini

3 golose e divertenti ricette vegane da preparare con i vostri bambini

Carmela Kia Giambrone
2

Indice

     

    In questo momento così difficile per tutti noi, scandito da una routine tutta nuova, nelle famiglie con bambini, la preoccupazione non riguarda solo la salute, ma anche come intrattenerli e farli divertire in casa. Per fortuna, la cucina ci viene in soccorso: vi avevamo già dato alcune idee divertenti per cucinare con i bambini, e oggi vi proponiamo altre 3 ricette vegane da preparare con i bambini, creandole proprio grazie al loro preziosissimo aiuto, riscoprendo il piacere dello stare insieme.

    Ricette vegane da preparare con i bambini: 3 golosissime idee a portata di tutti

    Cucinare con i bambini

    shutterstock.com

    Tre ricette da leccarsi i baffi, per innamorarsi non solo a tavola, ma soprattutto per divertirsi e far divertire i piccoli di casa, durante ciascuna preparazione. Ogni ricetta – perfetta per una merenda – sarà corredata dal grado difficoltà e, quindi, in relazione ad esso, alla fascia d’età più adatta: facile per i bimbi più piccoli, fino ai 4 anni, media per i bambini fino agli 8, e difficile per i bambini più grandi, di 10-12 anni. In ogni caso, non lasciateli mai soli, ma cucinate assieme a loro, sia per svago che per garantire naturalmente la loro sicurezza.

    Brownies vegan alla farina di carrube

    Brownies vegan

    shutterstock.com

    Ecco una ricetta per realizzare dei brownie vegan molto speciali: qui, entra in scena la farina di carrube, che ha un’estrema somiglianza al cacao amaro, quindi se non l’avete, potete tranquillamente sostituirla con quello. La ricetta è molto facile e pertanto adatta anche ai bimbi più piccini. Divertitevi con loro!

    Difficoltà: facile (adatta a bimbi dai 4 anni)

    Ingredienti

    • 100 g di sciroppo d’agave
    • 80 g di farina integrale di grano tenero

    • 20 g di farina di Manitoba
    • 30 gr di farina di carrube

    • ½ limone
 biologico scorza
    • 4 cucchiai di olio di semi di girasole

    • 1 cucchiaino di bicarbonato

    • 2 cucchiaini di aceto di mele

    • q.b. di latte di soia

    Per guarnire

    • malto di riso


    Procedimento

    1. Dite ai bimbi di unire in una bastardella le farina, lo sciroppo d’agave, la farina di carrube e la scorza di limone.

    2. Fate mettere l’olio e iniziate ad aggiungere, a poco a poco, il latte vegetale, in modo da ottenere un composto liscio ed omogeneo;
 procedete quindi a far mescolare ai bimbi il composto, mentre voi aggiungerete il bicarbonato e l’aceto di mele, continuando ad amalgamare per bene il tutto.

    3. In una tortiera rettangolare, ponete della carta da forno naturale e fatevi aiutare dai bambini a versare l’impasto che avete preparato.

    4. Nel frattempo, scaldate il forno a 180°C e, quando sarà caldo, cuocete per 30 minuti.

    5. Trascorso il tempo di cottura, togliete dal forno, fate raffreddare e, a quel punto, fatevi aiutare dai bimbi a tagliare i brownie vegan a cubotti; fate spennellare loro la superficie, ancora tiepida, con abbondante malto di riso.
 Sonopronti, gustateli per colazione o come merenda con un bel bicchiere di latte di riso o d’avena!

    Nachos chips con salsa di non-formaggio

    Nachos chips con salsa vegana

    shutterstock.com

    Per soddisfare la voglia di junk food (ma ovviamente in declinazione vegan), ecco questi semplici nachos: pochi gli ingredienti necessari, un pizzico di fantasia e tanto divertimento per realizzare il migliore snack messicano che ci sia. Ecco la ricetta, passo a passo, per realizzarli insieme ai piccoli di casa, da accompagnare a una gustosissima salsa di non-formaggio vegan.

    Difficoltà: media (adatta a bimbi fino agli 8)

    Ingredienti

    Per le tortillas chips

    • 200 g di farina di mais
    • 150 g di farina di grano duro
    • q.b. di acqua declorata
    • q.b. di olio extravergine d’oliva (per friggere)

    Per la salsa di non-formaggio

    • 1 carota
    • 1 cipolla
    • 1 spicchio d’aglio
    • q.b. di brodo vegetale
    • 1 batata (cotta a vapore e schiacciata)
    • 1 tazzina da caffè di anacardi (preammolati in acqua per 30 minuti)
    • ½ bicchiere di acqua declorata
    • ½ bicchiere di latte di soia

    • 4 cucchiai di lievito alimentare

    • 1 cucchiaino di lecitina di soia
    • ½ limone (succo)

    • q.b. di sale integrale marino

    • q.b. di paprika dolce


    • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva

    Procedimento:

    1. Iniziate dalla preparazione dei nachos: in una ciotola, mettete la farina di mais e riempite una brocca con dell’acqua.
 Pian piano, iniziate ad aggiungere lentamente l’acqua e impastate il tutto fino a quando non vi accorgerete che la consistenza inizierà a cambiare, diventando un po’ più soda.
    2. Aggiungete la farina di grano duro e continuate ad amalgamare l’impasto.
    3. Una volta che avrete ottenuto una palla di pasta soda e compatta, ponetela a riposare in frigorifero per 40 minuti, avvolta da una pellicola in cera vegetale, o se non l’avete di un tessuto pulito.
    4. Trascorso questo tempo, siete pronti per realizzare i vostri nachos: fate prelevare ai vostri bambini delle piccole palline di impasto, schiacciare con le mani e stendere con un matterello infarinato.
    5. Ora mostrate ai bimbi come tagliarle: realizzate dei triangoli, come tradizione vuole che siano i nachos. 
    6. Terminato l’impasto, sarà il momento della cottura. Allontanate i bambini e procedete in questa fase da soli: scaldate dell’olio extravergine d’oliva in una padella dai bordi alti e, una volta che sarà ben caldo, friggete i vostri nachos di mais. Pochi minuti e da gialli diventeranno dorati: et voilà, il gioco è fatto. Ricordate di mettere da parte l’olio dopo la frittura e riciclarlo nel modo corretto.
    7. Ponete i nachos in un piatto e, mentre si raffreddano, provvedete a preparare la salsa di non-formaggio. Scaldate una pentola a fuoco medio e aggiungete l’olio, la cipolla, l’aglio e la carota. Soffriggete, quindi sfumate con del brodo vegetale; aggiungete la batata e ripassatela per pochi minuti. 
    8. Ponete il tutto in un mixer, aggiungete gli anacardi, il latte di soia
, il lievito alimentare
, la lecitina di soia, il succo di 
limone, il sale integrale marino
 e la paprika dolce

.
    9. Avviate e frullate fino a che la crema non sarà liscia e omogenea. Ecco pronta la vostra salsa di non-formaggio. Servite nachos e salsa su un grande piatto da portata e gustateli durante i vostri giochi preferiti!

    Croccanti di riso soffiato, nocciole e cioccolato

    Croccanti di riso soffiato

    shutterstock.com

    Un croccante leggero ma goloso, a base di fiocchi di cereali, semi e crema di nocciole che ricorda molto le barrette d’avena: il cioccolato, poi, rende questa ricetta perfetta per i bambini. Divertitevi a realizzarlo insieme a loro e ricordate che, se lo desiderate, come sempre potrete sostituire la crema di nocciole con quella di noccioline o di sesamo, o i semi di chia e lino con quelli di canapa, papavero o sesamo, e il riso soffiato con il farro soffiato o i fiocchi di mais, tutto seguendo i vostri gusti e quelli dei vostri piccoli!

    Difficoltà: difficile (adatta a bimbi di 10-12 anni)

    Ingredienti

    • 4 tazze di cereali di riso soffiato

    • 1 cucchiaio di semi di chia

    • 1 cucchiaio di semi di lino
    • 2 cucchiai di fiocchi d’avena
    • ½ bicchiere di latte vegetale
    • 4 cucchiai di crema di nocciole
    • 50 g di cioccolato fondente

    • 4 cucchiai di malto di riso

    Procedimento

    1. Dite ai bimbi di unire i semi di chia e di lino al latte vegetale in una piccola ciotolina e di mescolare: fate poi mettere da parte per circa 20 minuti.
    2. A bagnomaria, scaldate la crema di nocciole, il cioccolato e il malto di riso, mescolando delicatamente e facendo , amalgamare il tutto. 
    3. Quindi, fate porre ai bimbi il riso soffiato in una bastardella e voi procedete a unire la crema appena realizzata: ai piccoli, fate mescolare velocemente fino a quando tutto il riso soffiato non sarà ricoperto dalla crema.
    4. Rivestite una leccarda con carta da forno naturale
 e versateci sopra il composto. Fatelo spalmare per bene ai bimbi con l’uso di un cucchiaio, poi lasciatelo raffreddare a temperatura ambiente; quando sarà completamente freddo, ponetelo in frigorifero per almeno 3 ore.
    5. Trascorso questo tempo, potrete rimuoverlo e farvi aiutare a tagliarlo in piccoli blocchetti dai bimbi. Gustatelo assieme a loro, accompagnando queste bontà con il latte di mandorla o un bel succo d’arancia fresco!

    Ecco allora come trasformare anche la cucina e l’atto di cucinare in un gioco da condividere tutti assieme, divertendosi sia durante la realizzazione delle ricette che, dopo, gustandone insieme i frutti! Lasciate che i bambini godano di questo tempo ritrovato coi genitori, imparando allo stesso tempo qualcosa di nuovo. 

     

    Voi siete abituati a cucinare con i vostri bambini? In quali preparazioni vi sbizzarrite? 

    Carmela Kia Giambrone

    Carmela è nata a Bergamo e vive poco lontano da Milano. È una giornalista e si occupa da molti anni di alimentazione naturale, autoproduzione, ambiente e sostenibilità, tematiche che tratta anche nel suo blog equoecoevegan.it. "Adoro l’hummus di ceci e le patate, sotto ogni forma possibile", dichiara, mentre gli elementi che non devono assolutamente mancare in cucina per lei sono il coraggio ed un buon frullatore ad immersione, "perché l’improvvisazione necessita certo di idee ma soprattutto di strumenti pratici da utilizzare".

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *