Primi asciutti

Ravioli di ricotta al pecorino di pienza con pesto di favette, nocciole e salame piccante

peppe57
  • Difficoltà: 2
  • Costo: 2
  • Preparazione: 2
  • Dosi: 4

Rivisitazione di un’antica ricetta modicana in chiave Manifesto della Cucina Italiana.Infatti, in questa ricetta sono presenti oltre alla ricotta vaccina (Sicilia), il Pecorino di Pienza (Toscana), le fave fresche tipiche della cucina contadina di un po’ tutta l’Italia, e la salsiccia piccante (Calabria). Originariamente la ricetta prevedeva l’utilizzo solo delle favette verdi, del caciocavallo stagionato e delle mandorle.Ho voluto rielaborare la ricetta anche perché le mandorle cuocendo insieme alle favette rilasciavano nel sugo un certo non so che di rancido, mentre il caciocavallo stagionato appesantiva troppo il sapore dei ravioli. L’altra variante apportata è stata quella di aver creato una sorta di pesto passando al mixer le favette cotte a cui ho aggiunto solo dopo le nocciole che hanno conferito al condimento oltre alla delicatezza del loro sapore, anche una certa croccantezza. Infine a sugo pronto ci ho aggiunto, per dare un tocco di piccantezza, dei dadini di salame piccante calabrese.È un piatto decisamente primaverile, atteso che si avvicina il periodo delle favette fresche, da proporre per il tradizionale pranzo di Pasqua.

Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!

Ingredienti

Istruzioni

Print Recipe

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi