Fungo di carrubo alla «gghiotta»

peppe57
La gghiotta è una sorta di caponata di verdure. In questa prevale il gusto del fungo di carruba. Questa a differenza delle altre è una ricetta che preparava la nonna paterna, la Nonna Grazietta. Dietro questa ricetta c'è un gustoso aneddoto. Mia nonna era golosa dei funghi di carrubo. Mio padre ed i miei zii non li amavano particolarmente. Con questa ricetta, mia nonna mascherava un po' il gusto dei funghi e riusciva a farli mangiare ai figli. Un delizioso contorno per carni arrosto o per frittate.
1.40 da 5 voti
Preparazione 2 h
Tempo totale 2 h
Portata Contorni
Cucina Italia
Porzioni 4 persone

Ingredienti
  

Istruzioni
 

  • Per prima cosa tagliate i peperoni a tocchetti privandoli dei filamenti bianchi e dei semi interni. Teneteli da parte.
  • Lavate e sbucciate la patata e tagliatela a tocchetti piccoli. Infine tritate sottilmente la cipolla.
  • Pulite ora con un panno umido la superficie del fungo ed eliminate la parte legnosa che stava attaccata al tronco del carrubo e tagliatelo a filetti.
  • Fate rosolare la cipolla in un tegame di coccio con 2 cucchiai d'olio, appena comincerà ad imbiondire unite prima le patate e poi, dopo qualche minuto, i peperoni.
  • Fate cuocere per circa 10-12 minuti, quindi unite i funghi. Fate insaporire qualche minuto ed aggiungete la salsa di pomodoro.
  • E - se necessario - ½ bicchiere d'acqua calda. Aggiustate di sale e pepe e fate cuocere a fuoco lento per non più di 30 minuti e comunque fino a quando il sugo non si sia ristretto.
  • A questo punto aggiungete il cucchiaio d'aceto di vino rosso e lasciatelo sfumare. Togliete dal fuoco e lasciate intiepidire prima di servire.