pasta di legumi

3 sfiziose ricette per provare la pasta di legumi

Carmela Kia Giambrone
2

Indice

     

     

    Di lenticchie, piselli, ceci, azuki o borlotti, la pasta di legumi è un primo piatto gustoso e ricco di proteine, una buonissima alternativa a quella classica di grano duro. Scopriamo insieme come si può gustare abbinandola ad altri ingredienti.

    Che cos’è la pasta di legumi 

    Una pasta realizzata con sola farina di legumi ecco che cos’è, in poche parole. A livello di calorie, la pasta di legumi è molto simile alla pasta di grano dura, ma ciò che cambia è il suo tenore proteico, che raggiunge quasi i 20 g su 100; è inoltre molto ricca di fibre. Eecco perché, proprio come le ricette con la spirulina, è amata da chi cerca dei modi sempre nuovi per portare in tavola i legumi e fare incetta delle loro preziose proprietà.

    pasta di lenticchie rosse cruda

    barmalini/shutterstock.com

    Perché scegliere la pasta di legumi

    La pasta di legumi è perfetta per molte ragioni:

    1. è veloce da preparare;
    2. è semplicissima e molto comoda;
    3. permette di mangiare i legumi sotto un’altra forma, utile soprattutto con i bimbi di casa;
    4. è naturalmente senza glutine;
    5. è ottima per chi tiene d’occhio l’indice glicemico.

    Certamente va tenuto presente che, al contrario della classica quantità di 80-100 g della pasta di grano duro, la pasta di legumi è consigliata in una dose inferiore, circa di 65-70 g, visto il suo tenore proteico, appunto.

    Pasta di legumi: 3 ricette tutte da assaggiare

    La pasta di legumi può essere scelta come alternativa alla pasta classica oppure ai legumi secchi, che necessitano di lunga cottura o ammollo preventivo, o ancora ai burger vegetali.

    Buona, semplice e velocissima da preparare, scopriamola in 3 ricette, tutte da sperimentare, per innamorarsi della pasta di legumi fin dal primo boccone!

    pasta di lenticchie cruda

    nito/shutterstock.com

    Pasta di legumi: piselli e sapori della terra

    Una pasta di piselli arricchita da porri, salvia, cavolini di Bruxelles, funghi pleurotus e olio extra vergine di oliva, una vera squisitezza che ameranno grandi e piccini, tutta da leccarsi i baffi!

    Ingredienti per 2 persone:

    • 140 g di pasta di piselli
    • 1 porro medio
    • 8-10 foglie di salvia
    • 1 cucchiaio di burro di soia
    • 10 cavolini di bruxelles
    • 2 funghi pleurotus grigliati e affettati finemente
    • 2-3 noci tritate
    • q.b. di bacon vegano (opzionale)
    • q.b. di olio extra vergine d’oliva
    • q.b. di sale integrale marino

    Procedimento:

    1. Lavate e affettate il porro quindi mettetelo da parte.
    2. Lavate i cavolini e tagliateli ciascuno in 4 parti e metteteli da parte.
    3. In una casseruola sciogliete il burro di soia quindi aggiungete la salvia fresca e fatela diventare croccante ma non bruciata e mettetela da parte.
    4. In una padella dai bordi alti ponete 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva, fatelo scaldare a fiamma media quindi cuocete il porro e quando è appassito aggiungete i cavolini.
    5. Coprite e fate cucinare per 10-15 minuti, se necessario aggiungete un poco d’acqua e un pizzico di sale.
    6. Una volta che i cavolini saranno cotti e verdi brillanti, spegnete il fuoco.
    7. Fate scaldare una pentola di acqua quindi quando bolle, cuocete la pasta di legumi attenedovi ai tempi di cottura. Non preoccupatevi, la pasta di legumi tiene benissimo la cottura, anzi alle volte a seconda del formato, necessita di qualche minuto in più di cottura.
    8. Trascorso il tempo necessario, scolatela e versatela nella padella e ripassatela a fiamma alta, rigirandola per un paio di minuti.
    9. Spegnete il fuoco e aggiungete, alla fine, i funghi affettati, le noci tritate, il bacon vegano e la salvia croccante.
    10. Servite e gustate la vostra pasta di legumi e sapori della terra!

    Pasta di legumi: lenticchie e ragù plant based

    pasta di legumi fatta in casa

    casanisa/shutterstock.com

    Una pasta di lenticchie rosse gustosissima con ragù 100% vegetale e peperoncini jalapeño freschissimi, una ricetta da assaporare in compagnia, perfetta per i pranzi della domenica in famiglia.

    Ingredienti per 2 persone:

    • 140 g di pasta di lenticchie rosse
    • 1 tazza di soia granulare
    • 1 lt di brodo vegetale
    • 1 carota
    • 1 gambo di sedano
    • 1 cipolla rossa piccola di Tropea
    • 1 rametto di rosmarino
    • 5-6 foglie di salvia
    • 2-3 bacche di ginepro
    • q.b. di pepe nero
    • 1 tazza di salsa di pomodoro
    • 3 pelati a cubetti
    • ½ bicchiere di vino bianco di buona qualità
    • 4 cucchiai di shoyu (o q.b. di sale integrale marino)
    • q.b. di basilico fresco
    • 2-3 peperoncini jalapeño
    • q.b. di lievito alimentare secco (opzionale)
    • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

    Procedimento:

    1. Tritate finemente cipolla, sedano, carota e peperoncini,  quindi soffriggeteli insieme in una grande casseruola con l’olio extravergine d’oliva;
    2. Sfumate con il vino bianco, poi aggiungete la salsa di pomodoro, i pelati e metà brodo vegetale;
    3. Aggiungete il rosmarino, la salvia, il ginepro e il pepe nero.
    4. Coprite e fate cuocere per 15 minuti.
    5. Nel frattempo mettete a bagno nel restante brodo, la soia granulare e mettete da parte.
    6. Trascorso il tempo di cottura e quando il sugo sarà pronto, aggiunegete la soia granulare ed il brodo al sugo e coprite nuovamente.
    7. Fate cuocere per altri 10 minuti. Trascorso questo tempo aggiungete il basilico e lo shoyu e lasciate riposare il tempo di cottura della pasta di legumi.
    8. Ponete una pentola di acqua sul fuoco, portate a ebollizione quindi seguite i tempi di cottura per la pasta di lenticchie.
    9. Scolatela e aggiungetela quindi al ragù vegetale.
    10. Ripassatela per qualche minuto a fiamma vivace e servitela bollente, aggiungendo, se lo gradite, una spolverata di lievito alimentare secco!

    Pasta di legumi: fagioli azuki, kale e cipollotto

    Una ricetta molto semplice ma a base di sapori forti, che si sposano perfettamente con il gusto deciso della pasta di fagioli azuki. Se avete il cavolo nero, usate quello, altrimento optate per della classica verza e… bon appétit!

    Ingredienti per 2 persone:

    • 140 g di pasta di fagioli azuki
    • 1 cipollotto
    • 1 spicchio d’aglio in camicia
    • 1 cucchiaio di tamari
    • 1 cucchiaio di lecitina di soia in granuli
    • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
    • 10 foglie di kale (o di verza) tostate (chips di kale tipiche della cucina macrobiotica)
    • q.b. di semi di sesamo tostati
    • q.b. di peperoncino rosso
    • q.b. di prezzemolo fresco

    Procedimento:

    1. In una casseruola rosolate il cipollotto e l’aglio in camicia con l’olio extravergine d’oliva;
    2. Aggiungete il peperoncino quindi spegnete il fuoco, rimuovete l’aglio e mettete da parte.
    3. Portate a bollore una pentola di acqua quindi cuocete come da indicazioni la pasta di legumi di fagioli azuki.
    4. Trascorso il tempo, scolatela quindi versatela nella casseruola contenente il cipollotto e l’aglio.
    5. Ripassatela per un paio di minuti, aggiungendo il cucchiaio di tamari e di lecitina quindi una volta che la lecitina è sciolta bene, potrete spegnere il fuoco e aggiungere i semi di sesamo tostati, il prezzemolo fresco e le chips di kale croccanti sbriciolandole sui piatti e buon appetito!

     

    Quindi, come abbiamo visto, la pasta di legumi si presta benissimo alle ricette più disparate, naturalmente, come sempre, il suggerimento è quello di sperimentare, lasciando che i vostri gusti personali e la vostra fantasia, vi portino a provare gli abbinamenti che più facciano al caso del vostro palato. Assaggiate anche le altre paste di legumi come la pasta di ceci, di fagioli borlotti o di edamame e scoprite le proteine plant based!

    Carmela Kia Giambrone

    Carmela è nata a Bergamo e vive poco lontano da Milano. È una giornalista e si occupa da molti anni di alimentazione naturale, autoproduzione, ambiente e sostenibilità, tematiche che tratta anche nel suo blog equoecoevegan.it. "Adoro l’hummus di ceci e le patate, sotto ogni forma possibile", dichiara, mentre gli elementi che non devono assolutamente mancare in cucina per lei sono il coraggio ed un buon frullatore ad immersione, "perché l’improvvisazione necessita certo di idee ma soprattutto di strumenti pratici da utilizzare".

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *