Macchina per latte vegetale

Macchina per fare in casa il “latte” vegetale: come funziona e quale scegliere

Carmela Kia Giambrone
2

     

    Se anche voi, prima di comprare un nuovo elettrodomestico, vi arrovellate riflettendo sulla vera utilità dell’acquisto, stavolta dormirete sonni tranquilli. Scegliere di arricchire la propria cucina con una macchina per fare il latte vegetale scoprirete che sarà una delle spese più utili che avrete compiuto negli utili anni. Certo, a patto che siate amanti delle bevande a base di soia, riso, mandorla o avena. In questo articolo, infatti, vi parlerò non solo di quanto sia utile, ma anche di come usarla, di quale scegliere e ovviamente dove potrete acquistare la vostra macchina per il latte vegetale perfetta.

    Perché usare la macchina per fare il latte vegetale

    Latte vegetale tipologie

    Geo-grafika/shutterstock.com

    Innanzitutto, è utile ricordare che i prodotti vegetali non possono essere commercializzati con denominazioni come “latte” o simili, ma nell’uso comune il termine latte viene usato  anch ein riferimento alle bevande vegetali, come faremo per semplicità in quetso articolo.
    Per chi, come me, ha scelto un regime alimentare vegan, ovvero privo di qualsivoglia derivato animale, il “latte” vegetale, il tofu, lo yogurt vegetale e più in generale i formaggi vegetali, rappresentano alimenti quotidianamente presenti nella propria alimentazione. Con il tempo quindi, ho scoperto che, scegliere di portare in casa un elettrodomestico capace di realizzare litri e litri di “latte” vegetale al bisogno e di qualunque tipo si desidera, in pochi minuti, è una scelta molto furba.

    Mi sono ovviamente documentata a lungo su quale macchina per fare il “latte” vegetale facesse per me e all’epoca, la mia scelta, ricadde sulla tanto adorata soy milk maker SojaQueen. Ora, dopo tutti questi anni, questo modello ormai è praticamente introvabile, ma, proprio perché dopo 12 anni di utilizzo regolare è ancora perfettamente funzionante nella mia cucina, mi conferma che la mia scelta di allora fu davvero la migliore.

    Ma forse vi starete chiedendo: perché dovrei acquistare questo elettrodomestico? Ecco la mia esperienza: correva l’anno 2008, quando decisi di acquistare la mia prima macchina per fare in casa le bevande vegetali. Immediatamente dopo averla provata, capii che quell’acquisto mi avrebbe permesso un risparmio su più fronti: tempo, rifiuti, denaro i primi che vidi, e un guadagno in salute, zero waste, fatica e trasporti, quelli che sperimentai subito dopo.

    Eviterete in breve di acquistare (e gettare) chili e chili di brick in tetrapack, di far percorrere chilometri di viaggio ai camion per portare il vostro “latte” vegetale a destinazione. Insomma, scoprirete che questa macchina può essere davvero una grande rivoluzione. Sono qui oggi quindi a supportarvi nella scelta della vostra macchina per fare il latte vegetale, non solo per il miglior rapporto qualità prezzo ma anche per la semplicità di acquisto.

    Macchina per fare il latte vegetale: come scegliere

    Macchina latte vegetale

    John Kasawa/shutterstock.com

    Quando io acquistai la mia, dopo una settimana dall’ordine mi arrivò a casa, completa di libretto delle istruzioni, spazzolina e spugnetta di metallo per pulirla, e fin dal primo utilizzo il suo uso parve intuitivo e pratico.

    Questo è solo uno dei punti essenziali da tener presente nella scelta di un elettrodomestico che utilizzerete se non tutti i giorni, certamente almeno 1 o 2 volte a settimana. Ecco gli altri 3 che a me, paiono importantissimi:

    1.   deve poter essere semplice da pulire;
    2.   deve avere garanzia italiana e libretto almeno in inglese se non in italiano;
    3.   deve poter realizzare “latte” vegetale sia da semi secchi che ammollati.

    3 (+1) macchine per fare il latte vegetale: a ciascuno la sua

    Negli anni, molte macchine sono scomparse, mentre altre, più innovative, si sono affacciate sul mercato. Certamente le 3 (+1) – che non è propriamente un macchina ma un oggetto ingenoso più amate ad oggi sono quelle che vi sto per illustrare.

    Scegliete quella più adatta alle vostre esigenze.

    1. Soyabella di Bavicchi 

    Soyabella Bavicchi

    Soyabella – Bavicchi s.p.a.

    Con Soyabella di Bavicchi, marchio italiano, di Perugia, che si occupa di sementi dal 1896, si può in pochi minuti produrre in casa latte di soia, riso, arachidi, mandorle. Con meno di 100 grammi di semi di soia in soli 15 minuti è possibile produrre fino a 1,3 litri di latte. Soyabella è realizzata, nella parte a contatto con gli alimenti, in acciaio inox. Inoltre per sicurezza la serpentina di riscaldamento si trova all’interno della camera di ebollizione, così da evitare qualunque contatto. Soyabella comprende il corpo macchina, filtro per latte, filtro per porridge e pasta, contenitore per macinare, misurino, spazzolino di pulizia e panno. Ha un consumo 750 Watts e una capacità massima di 1,3 lt. Ottimo servizio di assistenza. Sul libretto di istruzioni della Soyabella ci sono le indicazioni per effettuare i vari tipi di latte.

    4 “pro” di Soyabella

    1. Il funzionamento è totalmente automatico;
    2. è dotata di un accessorio che al bisogno la trasforma anche in macinacaffè che può essere quindi usato anche per semi di lino o sesamo;
    3. perfetta con tutti i tipi di semi (crudi e cotti);
    4. Facilissima la pulizia.

    2. Vegan Star active

    Vegan Star Active

    Vegan Star

    Vegan Star active è una macchina completamente automatica, sempre con un corpo in acciaio inox, resistente, facile e veloce da pulire, e ha un interruttore e piedini antiscivolo. Ha una potenza motore di 200 W e una capacità dell’acqua massima 1,3 lt.

    4 “pro” di Vegan Star Active

    1. La brocca possiede una doppia parete che non permette al calore di passare sulla parete esterna rimanendo costante;
    2. possiede 6 programmi (Per tutti i tipi di cereali, Solo per la soia imbevuti, SOLO per non inzuppato soia, per le bevande e zuppe – riscaldamento a 70 gradi, Per Bevande di riso, zuppe spesse ecc. Con programma di cottura, per bevande – senza riscaldamento, agitatore e frullatore);
    3. è facile da pulire;
    4. è molto resistente.

    3. Soyafacile di Midzu

    Soyafacile Mizdu

    Soyafacile – Midzu

    Anch’esso un elettrodomestico multifunzione come le due precedenti: potrete preparare latte vegetale di molti tipi diversi, soia, mandorle, nocciole, avena, riso, quinoa, ma sempre con semi pre-ammollati. Corpo in acciaio inox la rende duratura nel tempo. Possiede 6 programmi in totale, per preparare non solo latte ma anche zuppe, purea, succhi e frullati. Le tempistiche delle preparazioni del latte variano in base al programma. Viene venduta con misurino, filtro, retina, accessorio per mettere in ammollo i grani, spazzola (per pulire), cavo di alimentazione, manuale in quattro lingue. Ha una garanzia di 2 anni e una potenza del motore di 200 W e una capacità massima di 1.5 L.

    4 “pro” di Soyafacile

    1. Pulizia veloce (possiede anche un programma di Self-cleaning);
    2. possiede il manuale anche in italiano;
    3. prevede molti accessori;
    4. ha 6 programmi utili anche per zuppe, succhi, frullati.

    (+1) Vegan Milker di chufamix

    Non è una macchina ma un’invenzione brevettata da Chufamix, marchio spagnolo, che vi permetterà di preparare il vostro latte vegetale in pochissimo tempo. Consta di 4 pezzi: un filtro, una brocca, un coperchio e un mortaio. I materiali utilizzati sono acciaio inox e plastica priva di BPA, PVC e Formaldeide. Ha 2 anni di garanzia e è fabbricata in Spagna. Il vegan milker va associato al vostro frullatore ad immersione: il mortaio di Chufamix si adatterà perfettamente, trasformando il frullatore in una vera e propria macchina per il latte vegetale. Chufamix permette di preparare latte di mandorla, di nocciola o avena e dichiara che 3 minuti sono il tempo necessario per: fare 1 litro di qualsiasi latte vegetale, spremere la polpa col mortaio e pulire l’attrezzo.

    4 pro del Vegan milker

    1. Perfetto per i crudisti perché non prevede la cottura degli alimenti;
    2. ottimo per chi ha poco spazio perché ingombra pochissimo;
    3. utilissimo anche nei viaggi;
    4. costo ridottissimo.

    Come usare la macchina per fare il latte vegetale

    latte-vegetale-macchina

    Foto di Carmela Kia Giambrone

    Se è vero che è possibile realizzare con le proprie mani il “latte” di soia o di riso, avena o mandorla anche senza macchina apposita è anche vero che, come per lavare il nostro bucato amiamo utilizzare la lavatrice, allo stesso modo, alcuni elettrodomestici facilitano il compito e abbreviano i tempi. Le macchine per fare il latte vegetale permettono infatti, in un tempo che varia tra i 15 ed i 20 minuti di ottenere:

    • “latte” vegetale, ma non solo, anche zuppe e frullati;
    • Okara, ovvero i fagioli di soia gialla cotti e sminuzzati che restano dopo la bollitura e il filtraggio della bevanda vegetale che la macchina stessa effettua, o polpa di cereale;
    • la temperatura perfetta del “latte” per realizzare tofu in casa (a partire da soia gialla)

    Sembrerà banale ma, chi ama il tofu, potrà realizzarlo facilmente con le proprie mani immediatamente dopo aver preparato il “latte” con questa macchina. Con 50 g di fagioli di soia gialla secchi (ma non tutte le macchine permettono di usare quelli secchi, e poi se si ammollano per una notte il “latte” è più buono!) e poco meno di 1 lt e mezzo di acqua, a cui io aggiungo anche un paio di cm di baccello di vaniglia, in poco più di 15 minuti ottengo latte vegetale fresco, sufficiente per 4-6 giorni. Una volta che avrete fatto la vostra scelta, ecco la procedura generale di funzionamento delle macchine per fare il latte vegetale, naturalmente che sarà personalizzato a seconda della vostra macchina.

    1. Mettete l’acqua nel contenitore metallico fino alla linea interna che indica proprio il livello di acqua.
    2. Inserite il corpo macchina e, dall’apposita fessura posta sulla parte alta, mettete i fagioli di soia (o qualunque altro seme) ammollato e scolato.
    3. Avviate la macchina con il programma adeguato: in un tempo variabile (15-20 minuti) si ottiene il “latte” di soia (o di qualunque altro vegetale).

    Dove acquistare la vostra nuova macchina per fare il latte vegetale

    Sono diversi i siti e anche alcune catene di negozi di alimentazione naturale in cui potrete trovarle. Oltre ad Amazon, ecco i siti utili delle case produttrici delle quattro macchine di cui vi ho appena parlato, dove certamente troverete anche piccoli nuovi alimenti tutti da sperimentare:

    1. www.bavicchi.it
    2. www.veganstar.eu/it
    3. www.midzu.it

    Non vi resta che scegliere quella che pensate sia più adatta alle vostre esigenze e iniziare a realizzare in casa vostra il vostro latte vegetale preferito a costo (anche per il pianeta!) ridottissimo.

     

    Conoscevate la macchina per realizzare le bevande vegetali?

    Carmela è nata a Bergamo e vive poco lontano da Milano. È una giornalista e si occupa da molti anni di alimentazione naturale, autoproduzione, ambiente e sostenibilità, tematiche che tratta anche nel suo blog equoecoevegan.it. "Adoro l’hummus di ceci e le patate, sotto ogni forma possibile", dichiara, mentre gli elementi che non devono assolutamente mancare in cucina per lei sono il coraggio ed un buon frullatore ad immersione, "perché l’improvvisazione necessita certo di idee ma soprattutto di strumenti pratici da utilizzare".

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *