Il cuciniere imperfetto

Adriana Angelieri


A chi mi accusa di essere un perfezionista in cucina rispondo che questo è l’unico modo per ottenere un piatto sopportabilmente imperfetto. Cucinare è, fra le altre cose, un atto scientifico di trasformazione chimico-fisica di un alimento dipendente da molte variabili e gli errori sono sempre in agguato.

Per alterare pesantemente il risultato è sufficiente un po’ di fiamma in più o in meno, una sparuta manciata di secondi in più o in meno, pochissimi grammi sale, pochissimi millimetri di peperoncino, sparute gocce di acqua aggiunte o negate, un coperchio messo o tolto nel momento sbagliato, una sola grattata di noce moscata e una sola foglia di salvia e così via. Tutto fa la differenza! Passando dal problema “giuste quantità” a quello “qualità opportune” il discorso si amplia a dismisura. A parità di ricetta, usare la tal marca di pasta oppure la tal altra può fare variare il risultato dall’insufficiente all’ottimo. Ed è così con tutti gli ingredienti. I cucinieri che scelgono materie prime di qualità, usano la bilancia, sorvegliano continuamente la fiamma, usano il coperchio a ragion veduta e individuano nel cellulare il peggior nemico, sono perfezionisti e possono risultare pedanti, ma si mettono sulla strada della però buona riuscita. Quasi mai perfetta, quasi sempre accettabile.

di Martino Ragusa

Siciliana trasferita a Bologna per i tortellini e per il lavoro. Per Il Giornale del Cibo revisiona e crea contenuti. Il suo piatto preferito può essere un qualunque risotto, purché sia fatto bene! In cucina non devono mancare: basilico e olio buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *