Dalgona coffee

Dalgona coffee, il cappuccino sottosopra che ha conquistato i social

Alessia Rossi
2

Indice

     

    Questi tempi nuovi richiedono una grande immaginazione. Durante il periodo di lockdown, ci siamo ritrovati con nuovo tempo libero a disposizione, e ciascuno si è reinventato a modo suo, molti dedicandosi alla cucina, magari provando quelle ricette lunghe in cui non si ha mai il tempo di cimentarsi, o sperimentando aperitivi casalinghi alternativi. Ebbene, è proprio così che è esploso uno dei trend della quarantena, un po’ per noia, un po’ per curiosità, un po’ per divertimento. Prima è sbarcato su YouTube grazie ad alcuni videotutorial, poi ha conquistato i giovanissimi di Tik Tok e, infine, è approdato sul social delle immagini per eccellenza, Instagram, soprattutto tramite gli influencers che mostravano la loro nuova routine quotidiana, e su Pinterest: stiamo parlando del dalgona coffee. Nei mesi di quarantena, è nata anche una vera e propria challenge, la #dalgonacoffeechallenge, in cui ci si sfidava a colpi di questa preparazione. Vi è capitato di vederlo tra le stories di qualche personaggio famoso? No? Be’, allora questo articolo fa al caso vostro: andiamo a scoprire che cos’è questa bevanda che, in pochissimo tempo, è rimbalzata da un social all’altro, facendo il giro del mondo e imponendosi come nuovo trend del lockdown e, perché no, anche dell’estate.

    Dalgona coffee coreano

    Anastasia Turshina/shutterstock.com

    Dalgona coffee: cos’è il cappuccino capovolto

    Che cos’è, quindi, il dalgona coffee? Come suggerisce il nome stesso, si tratta di una bevanda a base di caffè istantaneo montato insieme all’acqua e allo zucchero, per ottenere una crema estremamente schiumosa e voluttuosa. Questa viene poi aggiunta al latte freddo (ma anche caldo, per chi lo preferisce), ottenendo un effetto simile in tutto e per tutto a quello di un cappuccino sottosopra, al punto che in Italia si è diffuso con questo nome. Nel classico cappuccino, infatti, abbiamo due strati, quello più scuro sotto e quello bianco ottenuto dalla schiuma di latte sopra; nel dalgona coffee, invece, è esattamente il contrario. Il risultato è un’estetica gradevolissima e invitante, simile a quella dei frappuccini di Starbucks, che ben si presta a essere fotografata e condivisa sui social.

    Dal Dalgona Candy al Dalgona Coffee: le origini di una tendenza made in Corea

    Forse, vi sorprenderà sapere che il Dalgona Coffee ha origini sud-coreane. Ma da dove è partita questa moda? Sembra che il cappuccino sottosopra abbia iniziato a diffondersi in Corea all’inizio di gennaio, quando in uno show televisivo chiamato Star’s Top Recipe at Fun-Staurant viene mostrato l’attore Jung Il-woo sedersi in un locale di Macao e ordinare un caffè. Nel video, si vede un uomo che inizia a preparare un caffè davvero particolare, che viene montato in un rapporto due a due di caffè istantaneo e zucchero (e girato 400 volte, almeno secondo il video), trasformandosi in una miscela marrone-chiaro. Quando Jung Il-woo  assaggia quella bevanda doppio strato, ecco l’illuminazione: gli ricorda il sapore del dalgona, che significa “caramella al nido d’ape”, una sorta di biscotto/lecca lecca coreano

    Dalgona candy

    nuu_jeed/shutterstock.com

    Pare, infatti, che il dalgona originario – ben lontano dall’essere una delle più instagrammate bevande di oggi – sia stato creato dopo la guerra di Corea, all’inizio degli anni ‘50, quando il personale dell’esercito americano cominciò a distribuire dolciumi ai bambini del luogo. I genitori, tuttavia, non avendo i soldi per poterli comprare, decisero di crearsi da sé delle proprie varianti di queste prelibatezze straniere per accontentare i figli e venderle a dei prezzi più accessibili. Mescolarono zucchero e acqua e scaldarono il tutto finché il composto non ottenne una colorazione tendente al giallo, a cui venne poi aggiunto il bicarbonato di sodio. Il risultato fu una specie di biscotto-caramella arioso e croccante, dolce all’inizio e con un retrogusto leggermente amaro verso la fine. Il dalgona cominciò a essere venduto per le strade come lecca-lecca, oppure come dolcificante per tè o caffè.

    C’è da chiedersi, tuttavia, come ha fatto questa sorta di biscotto di zucchero a diventare uno dei trend del 2020: per questo, dobbiamo tornare al nostro attore Jung Il-woo. L’abbiamo lasciato in quel bar di Macao ad assaggiare un caffè particolarissimo, che gli ha ricordato la sua infanzia, ed è proprio per questo che ha deciso di chiamare questa creazione “Macau Dalgona Coffee”. Ma non è finita qui: in un secondo momento, tenta di ricrearla a casa, mostrando tutto il procedimento in un video su YouTube. È così, quindi, che il dalgona coffee inizia a diventare popolare, e la sua preparazione diventa un modo per alleggerire le giornate di quarantena in tutto il mondo, al punto che tantissime persone si sono lanciate nella challenge (uno dei video sulla preparazione del Dalgona ha più di 4 milioni di visualizzazioni).

    Ricetta del Dalgona coffee

    Gli italiani forse storceranno il naso, perché la ricetta originale prevede che la cremosissima schiuma si realizzi con acqua, zucchero e, come abbiamo detto all’inizio, caffè solubile! A chi di voi ha smesso di respirare di fronte a “caffè solubile”, diciamo subito: sì, potete realizzare la schiuma anche con il caffè espresso, ma dovrete eliminare l’acqua dalla lista degli ingredienti; ci guadagnerete in gusto, sì, ma il risultato non sarà così spumoso. Detto questo, noi vi proponiamo ovviamente la ricetta originale, usando quindi il caffè istantaneo. Pronti a unirvi alla #dalgonacoffeechallenge?

    Dalgona coffee ricetta

    Ruslan Galiullin/shutterstcok.com

    Ingredienti

    • 2 cucchiai di zucchero
    • 3 cucchiai di acqua bollente
    • 2 cucchiai di caffè solubile
    • 1 bicchiere di latte (o un’altra bevanda vegetale a scelta)
    • 2-3 cubetti di ghiaccio

     

    Procedimento

    • In una ciotola, mettete il caffè solubile, lo zucchero e l’acqua bollente e iniziate a montare con una frusta a mano (ma tenete conto che nella ricetta originale bisogna girare fino a 400 volte, quindi, se siete già stanchi, potete sempre usare quelle elettriche).
    • Montate il tutto finché si formerà una schiuma soda e spumosa e il colore inizierà a cambiare, diventando di un bel marrone-chiaro.
    • Prendete un bicchiere in vetro (consigliato per mostrare bene il doppio strato), mettete i cubetti di ghiaccio e poi il latte freddo. 
    • Infine, aiutandovi con un cucchiaio, completate aggiungendo la vostra crema di caffè. Ecco servito il vostro dalgona coffee! Pronti, foto e… postate!

    #PinkDalgonaCoffe, The Dalgona Matcha e altre colorate varianti

    Sui social, non fa in tempo a nascere un trend, che già subito cominciano ad apparire tantissime varianti. La food star del web con oltre 478.514 post, ad esempio, si è vestita con mille colori, e una delle versioni più “acchiappa like” è senz’altro quella total #pink. Inventata dalla londinese Ayesha Rasak, la fondatrice del blog My Big Fat Halal Blog, questa variante è senza caffeina, perché si sostituisce il caffè con una tazza di panna e con 5 cucchiai di sciroppo di rosa: per il resto, il procedimento è lo stesso, ma ecco che vi sembrerà di bere il drink preferito degli unicorni! 

    Pink Dalgona Coffee

    ET Tisomboon/shutterstcok.com

    Un’altra variante decisamente instagrammabile e “green” è quella con il tè matcha: in questo caso, si usano gli albumi montati a neve con lo zucchero insieme, ovviamente, a questo tipo di tè, ottenendo una schiuma verde come un prato. Una delle ultime tendenze, invece, è quella in versione Blue Matcha, una polvere di tè matcha dal naturale colore blu per una sofficissima crema color cielo. O ancora, per chi vuole sbizzarrirsi, può provare il Dalgona Mocha, con il cacao in polvere per un risultato davvero goloso. Per una versione decisamente estiva e gialla come il sole, invece, perché non provare il Mango Dalgona, con panna e purea di mango? Insomma, le possibilità sono mille per questa bevanda coloratissima, fresca, divertente e – giurano gli influencers – pure molto buona. L’importante, in questi casi, è avere sempre la macchina fotografica a portata di mano e… scattare!

    Conoscevate questo trend? Siete curiosi di provare anche voi la realizzazione del dalgona coffee?

    Alessia Rossi

    È nata vicino a Bologna, ma dopo l'università si è trasferita a Torino per due anni, dove ha frequentato la Scuola Holden. Adesso è tornata a casa e lavora come ghost e web writer. Non ha molta pazienza in cucina, a parte per i dolci, che adora preparare insieme alla madre: ciambelle, plumcake e torte della nonna non hanno segreti per lei. Sta imparando a tirare la sfoglia come una vera azdora (o almeno, ci prova).

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *