Risultati della ricerca per: formaggio di fossa

Formaggio di Fossa di Sogliano

Sulle tracce del Formaggio di Fossa di Sogliano DOP: storia e caratteristiche

  Il formaggio di fossa è una specialità dell’arte casearia nostrana dalla storia secolare e dalle radici ben salde nella tradizione popolare. Orgoglio della Romagna e delle Marche, ha il suo elemento più caratteristico nella fase finale di stagionatura, che avviene in apposite grotte di tufo sotterranee, chiamate per l’appunto “fosse”. È qui che le

Pastificio Battistini: sapori di Romagna tra modernità e tradizione

  C’è un piccolo laboratorio nel cuore di Cervia, dove i sapori della cucina romagnola prendono forma: è il Pastificio Battistini, ideale punto d’incontro tra modernità e tradizione. Qui, infatti, si tirano ogni giorno metri e metri di sfoglia fresca, producendo pasta, piadine e dolci sia per la ristorazione che per la vendita diretta. Ma

crescenza o stracchino

Squacquerone, crescenza o stracchino: quali sono le differenze?

  “Dla tevla an t’alvèr mai se la baca la ‘n sà ‘d furmaj” – ovvero “da tavola non ti alzare mai se la bocca non sa di formaggio”, recita un proverbio diffuso nella valle Padana, ma che potrebbe benissimo avere corrispondenti espressioni in ogni dialetto d’Italia. Sì, perché, chissà in quale remota epoca il

cosa mangiare in romagna

Romagna mia, alla scoperta dell’enogastronomia di una terra generosa

La mia bisnonna Angelina era romagnola, di Meldola, in provincia di Forlì e diceva sempre: “qualsiasi sia il tuo problema, mangia che ti passa”. Per lei il cibo era una panacea di ogni male, tanto che una volta guarì la pleurite di mio nonno con il suo zabaione di uovo sbattuto, zucchero, caffè e marsala

produttori italiani di formaggio

Produttori italiani di formaggio: un viaggio tra le regioni

Quanti tipi di formaggi italiani si producono? Non c’è un numero preciso che fornisca una risposta esauriente ma dire centinaia è corretto. Le varianti per classificarli sono tante: tipo di latte (vaccino, pecorino, caprino, bufalino), periodo di stagionatura, dai freschi agli stravecchi, tecnologia di produzione (paste crude o cotte) e soprattutto l’universo del gusto che

feste e sagre di novembre

Feste e Sagre di Novembre: dove si va questo mese?

Entriamo nel vivo dell’autunno con l’intensificarsi del freddo e le giornate di pioggia battente che fanno venire voglia di rintanarsi in casa davanti al camino e una cioccolata calda. Ma perché non accompagnare questa atmosfera avvolgente guardando le foto delle gite fuori porta e magari gustando le prelibatezze assaggiate durante le feste e sagre di

Parmigiano

Luca Ponzi su Italian sounding: “Ecco i rischi che corre il Made in Italy”

“In Italia non si fanno scelte di sistema”. E questo, nell’analisi di Luca Ponzi, vale anche di più dei poderosi numeri prodotti dal sistema agromafia e dalla persistenza del fenomeno Italian sounding. Il giornalista Rai, autore insieme alla collega del Sole 24 ore Mara Monti di “Cibo criminale”, una rassegna di casi giudiziari nel settore

Romagna: la dieta mediterranea la trovi al nord

Come gustare il meglio della Riviera di Martino Ragusa.  Distinguere la cucina romagnola dall’emiliana è il primo passo di chi vuole affrontare in modo gastronomicamente corretto la riviera. Chi varca il fiume Sillaro lascia la cucina del burro e del maiale per approdare a quella dell’olio e del pesce. Scorretto, quindi, cercare i tortellini e

Formaggi italiani

La mappa dei formaggi italiani: le migliori eccellenze da Nord a Sud

  Parlare di formaggi italiani significa fare riferimento alla cultura di un Paese che nell’arte casearia trova spesso un elemento identificativo del territorio. Praticamente ogni regione d’Italia ha almeno un formaggio che ben la rappresenta. In molti casi si tratta di prodotti che vantano anche una denominazione d’origine riconosciuta a livello europeo (DOP e IGP),

Dove mangiare nell'entroterra romagnolo

Tra borghi e sapori autentici: dove mangiare nell’entroterra romagnolo (secondo noi)

  La Romagna è terra di tradizioni e di sapori che sono espressione sincera della sua cultura: dalla vocazione marittima della riviera alle radici rurali delle campagne e dei colli, dov’è forte l’impronta contadina. Proprio qui vogliamo portarvi oggi, in quell’entroterra romagnolo, culla di specialità e piatti che ben rispecchiano il carattere sanguigno del suo

piatti tipici natalizi italiani

Regione che vai, Natale che trovi: i piatti tipici italiani

“Passato il ponte dell’Immacolata, la domanda, anzi le domande, diventano d’obbligo: che prepariamo il giorno di Natale? E per la vigilia? Quanti siamo a tavola? Da nord a sud le tradizioni si tramandano, i piatti si differenziano, ma la regola d’oro è solo una: mangiare bene. Del resto in Italia, paese della buona cucina, non

anisetta marchigiana

Tutti pazzi per l’Anisetta marchigiana, Liquore nobile

Le Marche sono una regione italiana dalle mille sorprese paesaggistiche, storiche ed enogastronomiche. Non solo si bevono ottimi vini naturali e biodinamici, si produce un paradisiaco prosciutto del Montefeltro e lo stuzzicante formaggio di fossa. Qui nasce anche un liquore che oggi è amato in tutto il mondo. È l’Anisetta marchigiana, liquore simbolo di Ascoli

Summit della Compagnia del Cibo Sincero!

Tra divertimento e lavoro si è svolta felicemente la riunione dei Presidenti delle compagnie comunali del Cibo Sincero! di Giuditta Lagonigro. A qualche giorno dalla conclusione della 1° Riunione dei Presidenti Comunali delle Compagnie del Cibo Sincero posso affermare, con soddisfazione, che tutto si è svolto quasi alla perfezione. Vi confesso che ho trascorso le

Osteria del cucco

Ebbene si sono ritornato all’Osteria dl Cucco ad Urbania. Peccato di gola? Non solo! Tutti i sensi vengono esaltati. Gia la prenotazione telefonica ti mette a tuo agio, mi risponde una signora che mi dice ciao e ti chiede il nome mentre il cognome è bandito. Il locale è minuscolo ma piacevole, con tante cose

Cugnà

di Caterina C. La Cugnà, o co^gnà, è una prelibatezza che ho avuto la fortuna di assaggiare in Piemonte, durante una edizione di Cantine Aperte (per chi non vi avesse mai partecipato, si accosta alla degustazione di vini in alcune cantine aperte al grande pubblico per assaggi e visite guidate, quella di prodotti tipici locali).

Le copertelle

Il ristorante prende il nome dal camminamento coperto situato sulle mura di cinta di Serra San Quirico, paesino medievale poco distante dalle Grotte di Frasassi. Proprio nell’immenso parcheggio di queste ultime, il proprietario del locale ci è venuto incontro lasciandoci il suo biglietto da visita e spiegandoci la strada per raggiungerlo, senza insistere e senza

Formaggi erborinati

Viaggio nel favoloso mondo dei formaggi erborinati

  Inconfondibili nell’aspetto, con la pasta interna solcata da occhielli o venature verde-grigio, in molti casi tendenti al blu, e spesso caratterizzati da un odore penetrante e un gusto deciso: sono i formaggi erborinati. Se il principale esponente di questa categoria è il Gorgonzola, scopriremo che la grande tradizione casearia italiana conta di tante specialità.

dove mangiare la cacio e pepe a roma

5 locali dove mangiare una buona Cacio e Pepe a Roma

La semplicità è la miglior arma di seduzione. No, non stiamo parlando di una donna ma di una cacio e pepe. Questa ricetta della tradizione romana unisce trattorie, ristoranti e osterie, in un unico grande amore per il cibo, senza tralasciare la cucina delle mamme e delle nonne. Chiunque passi per Roma, oltre a vedere

Marche: martino turista per formaggi nelle marche

di Martino Ragusa. Le Marche hanno vissuto in maniera traumatica, se non disastrosa, le conseguenze socioculturali dell’abolizione della mezzadria negli anni cinquanta. Con la conseguente perdita d’identità del contadino, che si è trasformato in operaio-emigrante nei nuovi poli industriali del paese nei successivi anni sessanta.La forte crisi della civiltà agricola a metà del secolo scorso ha