Non è la prima volta che vi parliamo di metalli negli alimenti. Già nel 2015 la Coldiretti aveva descritto una situazione preoccupante basata su un sistema di allerta europeo (Rasff) e nel mirino erano finite anche grandi marche del settore alimentare e diversi tipi di alimenti. Tra questi i prodotti ittici, in particolare tonno e pesce spada provenienti dalla Spagna e il tanto discusso pangasio inquinato del Vietnam, di cui ci siamo occupati anche recentemente. Ieri il Ministero della Salute italiano ha diffuso un avviso con il quale segnala un eccessivo livello di mercurio nel pesce spada di alcuni lotti, ora ritirati. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Mercurio nel pesce: ritirati lotti di surgelati

Fonte: www.salute.gov.it

Il Ministero parla di rischio chimico, dovuto alla presenza di mercurio oltre i limiti in 10 lotti di trance di pesce spada di origine coreana della Effeti Surgelati Srl, azienda toscana.
La segnalazione sul sito ministeriale fa parte di un nuovo sistema di informazione ai consumatori, entrato in vigore a gennaio 2017 per cui il Ministero ha reso disponibile una specifica area del portale per la pubblicazione dei richiami degli OSA, ovvero gli operatori del settore alimentare responsabili della sicurezza degli alimenti. I lotti ritirati presentavano una concentrazione di mercurio superiore a 1 mg/kg peso fresco e questo, secondo la procedura, ha fatto scattare le misure di ritiro e di richiamo.

Metalli pesanti: una forte esposizione

Parlando di intossicazione da metalli pesanti e del caso pilota di Caserta, vi abbiamo raccontato di come siamo soggetti ad un forte accumulo perché essi si trovano non solo in molti alimenti, ma anche nelle falde acquifere e nell’aria. Le conseguenze in alcune zone fortemente contaminate, come accade nella cosiddetta “Terra dei fuochi”, sono a carico della salute, con la comparsa di disturbi diversi, tra cui anche tumori. Dopo i casi che hanno riguardato fette biscottate, croissant, surgelati e merendine, i cui resti metallici avevano mandato all’ospedale una bimba nel salernitano, ora è il mercurio nel pesce a riportare alla cronaca il tema.

mercurio pesce spada

I metalli pesanti sono ampiamente utilizzati nei farmaci, in agricoltura e nell’industria, nonostante in dosi elevate siano considerati tossici. In particolare, il pesce può contenere metalli pesanti, per cui il consiglio dei medici che hanno condotto lo studio di Caserta per disintossicarsi attraverso la dieta, è quello di prediligere pesce azzurro di piccola taglia, come sardine, sgombro e alici, in linea con quanto hanno scelto di fare molti comuni delle Marche nelle loro mense scolastiche con il progetto “PappaFish”.

Intossicazione da mercurio: i rischi

La forma organica del mercurio, ovvero il metilmercurio è quella maggiormente assorbita dall’uomo, attraverso il consumo di prodotti ittici e anche la più tossica. In Italia avviene abbastanza spesso che vengano ritirati lotti fuori legge per l’eccessiva concentrazione di mercurio, rischiosa per la salute. Si tratta soprattutto di specie o tipologie di grandi dimensioni di tonno, smeriglio, palombo e pesce spada, spesso proveniente dalla Spagna, pescato nel Mediterraneo e molto utilizzato nelle regioni del Nord Italia. L’intossicazione da mercurio può causare:

  • tremori
  • dolori muscolari
  • disturbi digestivi
  • problemi a livello renale e neurologico

per cui spesso ci si è chiesti come regolarsi, soprattutto con donne in gravidanza o bambini, se si vuole beneficiare dei preziosi grassi polinsaturi Omega-3 presenti nel pesce, senza incorrere in effetti nocivi. Vediamo a riguardo il parere di due voci autorevoli.

Mercurio nel pesce: cosa dice la comunità scientifica?

Il parere dell’Autorità per la Sicurezza Alimentare Europea (EFSA)

efsa

Per valutare i rischi e i benefici del consumo di pesce, che continua a essere consigliato in molte diete salutari in tutta Europa, l’EFSA nel 2015 ha dichiarato che è sufficiente limitare quelle specie ittiche ad alto contenuto di metilmercurio (pesce spada, luccio, merluzzo, o tonno di grande dimensione, come quello pinna rossa). Inoltre, in altri suoi pareri l’organismo europeo ha indicato come dosi settimanali tollerabili (WTI) di metilmercurio un valore pari a 1,3 microgrammi per Kg di peso corporeo, continuando a indirizzare i cittadini europei a consumare pesce dalle 2 alle 4 volte alla settimana, per beneficiare degli effetti positivi sul sistema neurologico e cardiovascolare, anche perché sembrerebbe che l’effetto degli Omega-3 contrasti quello del metilmercurio. Inoltre l’EFSA in una nota del 2012 sostiene che “l’esposizione nelle donne in età fertile è stata oggetto di particolare considerazione, ma non sono state riscontrate differenze rispetto agli adulti in generale. L’esposizione al mercurio attraverso gli alimenti nelle persone con consumo elevato e frequente di pesce è risultata, in generale, circa doppia rispetto alla popolazione totale”. A tal proposito si è espressa anche la Fondazione Veronesi.

Cosa ne pensa la Fondazione Umberto Veronesi

La Fondazione, che si occupa di ricerca in campo scientifico, con particolare attenzione alla prevenzione oncologica, in passato si era posta il problema se fosse più utile beneficiare degli effetti positivi del consumo di prodotti ittici, o se non bisognasse limitarli per via degli effetti negativi dei metalli contaminanti. Intervistando per il loro portale Patrizia Cattaneo, direttore della scuola di specializzazione in ispezione degli alimenti di origine animale all’università di Milano, la risposta era stata che effettivamente i pesci che contengono più “grassi buoni” Omega-3, sono gli stessi con maggiori concentrazioni di mercurio. Tuttavia, un consumo saltuario non espone a intossicazione e, comunque, l’indicazione è sempre quella di scegliere pesce azzurro di piccola taglia, consiglio rivolto soprattutto alle donne in gravidanza, per scongiurare rischi per il feto.

Dieta detox

Rispetto al tema del mercurio nel pesce, generalmente, quello d’allevamento risulta più sicuro e meno contaminato, tuttavia per stare più tranquilli può essere utile anche ricordare l’importanza di una dieta per disintossicarsi dai metalli pesanti, basata su:

  • prodotti biologici (non contaminati da pesticidi o prodotti chimici)
  • spezie, dal potere antiossidante
  • olio extravergine di oliva, depurativo e antiossidante.

Se oltre al tema del mercurio nel pesce vi interessa sapere come difendervi dalle frodi ittiche, potrebbe interessarvi leggere il nostro articolo su come riconoscere il pesce fresco. Diversamente, per depurarvi non sottovalutate le proprietà della curcuma o i benefici di acqua e limone.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Elena Rizzo Nervo

Elena è nata a Bologna, dove vive e lavora. Per Il Giornale del Cibo si occupa di attualità, nutrizione e alimentazione e illegalità alimentare. Il suo piatto preferito é il Gateau di Patate, "perché unisce gusto e semplicità e conquista tutti". Per lei in cucina non può mancare una bottiglia di vino, "perché se c'è il vino c'è anche la compagnia..."

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata