coniglio-alla-cacciatora

Coniglio alla cacciatora

Dario Pierazzuoli
Il coniglio alla cacciatora rientra tra le ricette tradizionali italiane sviluppate maggiormente nei primi anni del dopoguerra, dove la carna bianca era abbastanza economica e di facile allevamento. “Alla Cacciatora” indica uno stile di cottura studiato per “impreziosire” il sapore e il gusto della carne di coniglio, sfumandolo con del buon vino e aggiungendo un po' di aromi freschi (come il rosmarino), pomodori e olive sotto sale (varietà leccine). Oggigiorno a causa della lunga preparazione è diventato il piatto tipico per i giorni di festa.
Nessuna valutazione
Preparazione 35 min
Cottura 1 min
Tempo totale 38 min
Portata Carne
Cucina Italia
Porzioni 4 persone

Ingredienti
  

Istruzioni
 

  • Spezzate il coniglio in 12 parti (eliminando testa e zampe): dividete in 2 le cosce, mentre fate delle spalle e del busto 6 parti.
  • Preparate un battuto di cipolla, sedano, carota e rosmarino, fatelo rosolare in olio assieme all'aglio.
  • Quando la cipolla comincia a prendere colore unite i pezzi del coniglio, fateli insaporire e colorire e poi sfumare con il vino.
  • Una volta evaporato, unire i pelati e 1 cucchiaio di farina setacciata.
  • Aggiustare di sale e pepe, unite le olive e far cuocere per 1 ora bagnando di tanto in tanto con il brodo.