pollo alla cacciatora

Come cucinare il pollo alla cacciatora: i consigli e le ricette

Monica Face
2

     

    Il pollo fa sempre festa: è l’emblema del pranzo della domenica, fatto al forno con le patate. Ma cosa ne dite di quello fritto, accompagnato da una insalatina? E grigliato sulla brace? Insomma, quando si tratta di pollo non c’è che l’imbarazzo della scelta. Ma oggi vorrei soffermarmi su una preparazione tipica della cucina italiana: il pollo alla cacciatora. Partiamo dal nome: viene chiamato così per la combinazione di aglio e rosmarino, i due ingredienti con cui i cacciatori erano soliti insaporire le prede dal momento della cattura, fino a quando arrivavano nelle cucine. Come spesso accade, oggi ogni regione rivendica la paternità della ricetta e ha la sua versione: c’è chi lo prepara in bianco, chi al pomodoro, chi aggiunge olive, pinoli o alici; chi prevede la cottura in tegame e chi in forno. Prima di proporvi alcune di queste ricette, però, vediamo quali sono i trucchi da seguire per ottenere un ottimo pollo alla cacciatora.

    Come cucinare il pollo alla cacciatora: 7 suggerimenti per farlo alla perfezione

    La scelta dei pezzi, la decisione se lasciare o meno la pelle, l’abbinamento con gli altri ingredienti, come sfumare, quanto tempo cuocere e persino il riposo prima e dopo la cottura: ecco i suggerimenti validi per ottenere un ottimo risultato quando si prepara il pollo alla cacciatora.

    Pollo: meglio se in pezzi

    Per quanto sia appetibile vedere il pollo tutto intero, quella è una versione più adatta alla cottura in forno. Per realizzare il pollo alla cacciatora, invece, è preferibile scegliere quello in pezzi, prediligendo il coscio e il sovracoscio, più ricchi di carne.

    Pelle sì, pelle no

    Molte ricette suggeriscono di eliminare la pelle perché grassa, ma questo passaggio non è obbligatorio. Io lo preferisco senza, ma sta a voi decidere se avere un prodotto più leggero o uno più ricco di gusto. In caso facciate la mia scelta, potete acquistarlo già spellato dal macellaio, oppure eliminarla facilmente una volta a casa.

    Gli altri ingredienti

    ingredienti pollo alla cacciatora

    gkrphoto/shutterstock.com

    Che lo vogliate in bianco o al pomodoro per fare un buon pollo alla cacciatora dovrete avere a disposizione carota, sedano, cipolla e qualche spicchio di aglio. Potete anche  aggiungere rosmarino, salvia, prezzemolo o basilico in base ai vostri gusti, mentre le olive bianche o nere vengono aggiunte a secondo della ricetta che state seguendo. Se si tratta della versione “laziale” immancabile è l’aggiunta di alici dissalate.

    L’importanza della rosolatura

    Come già spiegato parlando della differenza tra brasato e stufato, la rosolatura è un fase fondamentale per cuocere la carne a puntino. A prescindere dal fatto che abbiate di preparare il vostro pollo alla cacciatora in tegame, in padella o in forno è importante che la carne venga rosolata nell’olio prima di iniziare la cottura vera e propria. Scaldate quindi un filo d’olio e adagiate il pollo in pezzi facendolo rosolare su tutti i lati. In questo modo l’esterno verrà sigillato, creando una sorta di protezione che consentirà alla carne di restare morbida e succosa all’interno.

    Sfumare sempre

    Un altro trucco importante per realizzare un buon pollo alla cacciatora è quello di sfumare con il vino, bianco o rosso, e farlo evaporare subito dopo aver rosolato la carne. Qualora fosse necessario allungare il sughetto con acqua, è fondamentale che questa sia inserita già calda per evitare che la carne subisca uno shock termico.

    I tempi di cottura

    Le tempistiche possono variare anche a seconda della quantità di carne da preparare. In linea generale, tenete presente che occorrono da un minimo di 25-30 minuti fino a un massimo di 40-45 minuti, in base alla tipologia di cottura che avete scelto e se preferite mettere il coscio intero o a pezzi.

    Riposo prima e dopo

    Per fare in modo che le fibre della carne si rilassino, lasciate il pollo a temperatura ambiente per almeno mezz’ora prima di iniziare la cottura. Al termine, prima di servire, lasciate riposare per almeno 10 minuti con coperchio sollevato e servite caldo.

    Ora che abbiamo visto alcune indicazioni generali per preparare il pollo alla cacciatora andiamo a vedere qualche succulenta ricetta.

    Quattro ricette per fare il pollo alla cacciatora

    In bianco nella versione più semplice, cotto in forno, con aggiunta di alici  “alla romana” o con i pinoli nella ricetta ligure: ecco quattro diverse tipologie di preparazioni che vi consentiranno di portare in tavola un ottimo pollo alla cacciatora.

    Pollo alla cacciatora in bianco 

    Olive verdi e nere, una sfumatura con vino bianco e una cottura lenta in pentola per mezz’ora: la ricetta da seguire è molto semplice, ma lascerà soddisfatti tutti i commensali.

    pollo alla cacciatora in bianco

    Alessio Orru/shutterstock.com

    Ingredienti per 4 persone

    • 1,2 kg di pollo in pezzi
    • 25 g di olive verdi
    • 25 g di olive nere
    • 2 spicchi di aglio
    • 2 rametti di rosmarino
    • 5-6 foglie di salvia
    • 1 bicchiere di vino bianco
    • q.b. di olio extravergine di oliva
    • q.b. di sale

    Procedimento

    1. Lasciate riposare il pollo a temperatura ambiente per mezz’ora prima della cottura;  quindi, in un tegame ampio scaldate l’olio con due spicchi di aglio sbucciati e schiacciati. Appena saranno imbionditi eliminateli.
    2. Adagiate i pezzi di pollo e fateli rosolare per 5 minuti girandoli spesso. Quando la superficie esterna sarà cicatrizzata, sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare.
    3. Unite il rosmarino, la salvia spezzettata e le olive, meglio se denocciolate. Se occorre, aggiungete un po’ di acqua, salate e fate cuocere semicoperto per almeno 30 minuti. Terminata la cottura, spegnete e lasciate riposare per almeno dieci minuti, tenendo il coperchio sollevato.

    Polla alla cacciatora al forno  

    Prima di infornare è opportuno sigillare la carne rosolandola sul fuoco in un tegame. Successivamente potrete inserirla in una pirofila e procedere alla cottura al forno: in questo modo il pollo resterà morbido all’interno con un goloso sughetto.

    pollo alla cacciatora al forno

    AS Food studio/shutterstock.com

    Ingredienti per 4 persone

    • 1,2 kg di coscia e sovracoscia di pollo
    • 1 cipolla
    • 1 carota
    • una manciata di olive verdi
    • 5-6 pomodorini pachino
    • 1 costa di sedano
    • 1 spicchio di aglio
    • q.b. di sale
    • q.b. di pepe
    • q.b. di olio extravergine d’oliva
    • q.b. di rosmarino
    • q.b. di prezzemolo

    Procedimento

    1. Per prima cosa sbucciate la cipolla, pelate la carota, eliminate i filamenti del sedano e tritate tutti gli odori. Lavate i pomodorini e tagliateli in due. Mettete in una pirofila il trito, i pomodori sul fondo e condite con un filo d’olio.
    2. Prendete una padella, ungetela e mettete uno spicchio di aglio. Adagiatevi il pollo in pezzi e fate cuocere per 5 minuti, quel tanto che basta per dorare l’esterno.
    3. Trasferitelo quindi nella pirofila, aggiungete sale, olio, pepe, rosmarino e prezzemolo. Unite anche le olive verdi e infornate a forno caldo a 180 °C per circa 30 minuti. Terminata la cottura fate riposare con lo sportello del forno semiaperto e servite ben caldo.

    Pollo alla cacciatora: la ricetta ligure

    Così come per la ricetta del coniglio alla cacciatora, anche il pollo alla ligure ha come caratteristica quella di essere condito con i pinoli e le olive taggiasche, vino bianco o rosso a seconda delle zone. In alcuni casi vengono aggiunte anche le noci. Il sughetto che ne vien fuori diventa un intingolo goloso in cui intingere un po’ di pane.

    pollo alla cacciatora ligure

    AS Food studio/shutterstock.com

    Ingredienti per 4-6 persone

    • 1,5 kg pollo in pezzi (preferibilmente cosce e sovracosce)
    • 300 g di polpa di pomodoro
    • 1 manciata di pinoli
    • 1 aglio
    • 1 bicchiere di vino
    • q.b. di sale
    • q.b. di olio d’oliva extravergine
    • 1 rametto di rosmarino
    • olive nere (facoltative)
    • qualche foglia di basilico (facoltativo)

    Procedimento

    1. In un tegame mettete a soffriggere nell’olio l’aglio e il rametto di rosmarino. Unite il pollo e fatelo rosolare su tutti i lati a fiamma vivace. Sfumate con il vino e lasciate evaporare.
    2. Unite quindi la polpa di pomodoro, salate e, se occorre, versate un po’ di acqua calda. Coprite e lasciate cuocere a fiamma media per almeno 30 minuti, mescolando di tanto in tanto e controllando che il fondo di cottura non si asciughi troppo. Qualora dovesse succedere, versate ancora un pochino di acqua calda.
    3. A tre quarti della cottura aggiungetei pinoli e le olive e fate insaporire. Spegnete e lasciate riposare qualche minuto prima di servire, decorando con qualche foglia di basilico.

    Pollo alla cacciatora: la versione romana 

    Ogni romano che si rispetti ha la “propria” ricetta originale che ovviamente è personalizzata in base ai gusti e alle tradizioni di famiglia. La particolarità di questa ricetta sta nell’insaporire il pollo con due acciughe sott’olio.

    pollo alla cacciatora romano

    Wiktory/shutterstock.com

    Ingredienti per 4 persone

    • 1 pollo ruspante in pezzi (circa 1,2 kg)
    • 2-3 acciughe sott’olio
    • 300 g di pomodorini
    • 2 spicchi di aglio
    • 1 carota
    • 1 costa di sedano
    • 1 rametto di rosmarino
    • 1 bicchiere di vino bianco
    • q.b. di sale
    • q.b. di olio extravergine di oliva

    Procedimento

    1. Scaldate un filo d’olio, unite l’aglio sbucciato e schiacciato e il rosmarino. Quindi, aggiungete la carota e il sedano, mondati e tritati finemente, e le acciughe, lasciando insaporire.
    2. Aggiungete i pezzi di pollo e fateli rosolare su tutti i lati. Sfumate con il vino, lasciate evaporare e unite i pomodorini. Salate e coprite facendo cuocere a fiamma media per almeno 25-30 minuti, prolungando se occorre.
    3. Durante la cottura verificate che il fondo non si sia asciugato. Qualora avvenisse versate mezzo bicchiere di acqua calda. Al termine spegnete e lasciate riposare almeno 10 minuti, con coperchio sollevato, prima di servire.

     

    Cosa ne pensate di queste idee per fare il pollo alla cacciatora? Preferite la versione in bianco o quella al pomodoro?

    Di origini napoletane, è nata e vive a Roma. In passato ha collaborato con vari settimanali, tra cui "Di più"; "Di piùTv Cucina"; "RadioCorriere Tv"; "Onda Tv"; "Messaggero Tv". Oggi invece si dedica anima e corpo al suo blog, "Che cavolo cucino, oggi?". Il suo piatto preferito è la parmigiana di melanzane, "perché è un ricordo d'infanzia e perché", dice, "quando aspettavo il mio bambino avevo sempre voglia di melanzane". Nella sua cucina non possono mancare il pane (che prepara in casa) la frutta e il caffè, "perché altrimenti... il pasto non è finito".

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *