petto di pollo ricette

Come cucinare a puntino il petto di pollo? Ecco 3 ricette gustose

Monica Face

Diciamoci la verità, il petto di pollo è economico, leggero, facile da cucinare, tra le carni più indicate da assumere e piace anche ai bambini. Adatto a chi fa sport e indicato per le diete, il petto di pollo mette d’accordo proprio tutti. Eppure, non di rado, capita durante la cottura che rimanga secco. Oppure, più semplicemente, ci si stanca di prepararlo sempre nei soliti modi, grigliato o in padella.

Come fare, allora, a cucinare il petto di pollo senza errori e rendendolo sempre gustoso? Vi svelo i miei segreti e tre ricette che non vi deluderanno.

Gli errori da evitare per cucinare bene il petto di pollo

petto di pollo crudo

Come dicevamo, sbagliare la cottura porta questa carne, già di per sé poco grassa, a diventare facilmente secca e stoppacciosa. Come evitarlo?  

Accelerare la cottura impostando una fiamma alta è senz’altro una delle cose che contribuisce a far diventare la carne, come spesso si dice, una “suola di scarpa”. Al contrario, la fiamma media rende la cottura uniforme. L’altezza disomogenea della carne, inoltre, può causare delle bruciacchiature delle estremità, lasciando cruda la parte centrale; cosa particolarmente pericolosa perché, al contrario delle bistecche, il petto di pollo non può essere mangiato al sangue, in quanto contiene microrganismi, come Salmonella, Cam­pylobacter ed Escherichia coli, pericolosi per l’uomo e che vengono completamente debellati con una cottura prolungata. Schiacciare, allora, la fetta con un coltello o un batticarne per fare in modo di avere la stessa altezza può far ovviare a questo problema.

Se scegliete una cottura in forno, sappiate che proprio per l’assenza dei grassi, il petto di pollo tenderà a seccarsi e attaccarsi al fondo della pirofila. Ecco perchè è utile mettere uno strato di carta forno ed, eventualmente, coprire la pentola con la stagnola prima di cuocere.

Questi sono solo alcuni dei rimedi agli errori più comuni che capita di fare. Ora vogliamo darvi delle ricette per cucinare questa carne in maniera variegata per avere dei secondi eccellenti e sfiziosi.

Petto di pollo: 3 ricette deliziose tutte da provare

Quelle che stiamo per darvi non sono ricette dietetiche, ma gustosi piatti da assaporare.

Siete abituati a preparare il petto di pollo solo alla griglia o in padella? Ecco qui tre ricette per voi per arricchire il vostro ricettario.

Insalata di petto di pollo con salsa allo yogurt

Partiamo proprio dalla griglia per mostrarvi come un semplice petto di pollo grigliato possa in realtà trasformarsi in un piatto unico e gustoso con l’aggiunta di una salsa fatta in casa.

insalata pollo

Ingredienti per l’insalata

  • 4/5 foglie di insalata iceberg (o lattuga)
  • 1 petto di pollo tagliato alto
  • 10/12 crostini di pane
  • q.b. di sale
  • q.b. di olio extravergine di oliva

Per la salsa allo yogurt:

  • un vasetto di yogurt magro
  • un cucchiaino di olio extravergine di oliva
  • due cucchiaini di limone
  • un pizzico di sale
  • un pizzico di pepe (facoltativo)
  • erba cipollina

Procedimento

  1. Tagliate e lavate l’insalata, scolatela bene nella centrifuga. Poi mettetela in una ciotola capiente. Accendete la piastra e fatela scaldare. Quando sarà ben calda, adagiatevi sopra i petti di pollo e fate cuocere da entrambi i lati per 3/4 minuti.
  2. Nel frattempo, preparate la salsa: prendete lo yogurt e versatelo in una ciotolina dove potete mischiare più comodamente. Aggiungete uno o due cucchiaini di limone, avendo cura di eliminare i semi, e mescolate bene. Versate l’olio e girate ancora. Aggiungete un pizzico di sale e un po’ di pepe, continuando a mescolare. Infine mettete nella salsa l’erba cipollina, meglio ancora se fresca, ma va benissimo anche secca. Mischiate ed assaggiate, aggiustando, se ritenete, di sale e limone in base ai vostri gusti.
  3. Quando il petto di pollo sarà cotto, mettetelo in un piatto e tagliatelo a dadini: non occorre condirlo perchè il condimento è già tutto nella salsa allo yogurt, ma se vi piace potete aggiungere un po’ di olio e limone. Aggiungetelo all’insalata e girate un po’ in modo che i pezzetti di petto di pollo vadano a distribuirsi bene. Versate un pochino di salsa allo yogurt e mischiate ancora. Unite i crostini di pane e continuate a mescolare. Fate in modo di girare bene: in questo modo potrete fare a meno di mettere dell’altro condimento. Quello che verrà fuori sarà non una semplice insalata, ma un piatto unico a tutti gli effetti: carne, insalata e crostini che potrete usare al posto del pane.

Arrosto di petto di pollo

Chi lo dice che un arrosto debba essere per forza di vitella? Con questa ricetta vi ricrederete.

arrosto di petto di pollo

Ingredienti per 4/5 persone

  • quattro fette di petto di pollo
  • 150 gr di macinato di maiale
  • 2 carote
  • 1 costa di sedano
  • 1 cipolla
  • 1 rametto di rosmarino
  • mezzo bicchiere di vino
  • q.b. olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale
  • un pizzico di pepe (facoltativo)

Procedimento

  1. Sistemate le fette di petto di pollo sul piano di lavoro, in modo che formino un unico grande rettangolo. Prendete la carne macinata e distribuitela su tutta la superficie, lasciando liberi i bordi. Arrotolate i petti di pollo su se stessi cercando di tenerli più stretti possibile.
  2. Con l’aiuto del filo da cucina create due nodi alle estremità per chiudere subito i bordi. Poi procedete legando tutto l’arrosto con nodi, l’uno a distanza di un paio di dita dal precedente. Inserite il rametto di rosmarino tra i nodi del filo. Conditelo esternamente con poco sale e, se vi piace, del pepe.
  3. Lavate e pelate le carote e tagliatele a rondelle. Eliminate i filamenti dalla costa di sedano e tagliatelo a dadini. Sbucciate e tagliate la cipolla. Mettete un filo di olio su un tegame con il fondo spesso e iniziate a rosolare gli odori. Poi aggiungetevi l’arrosto e fatelo rosolare per cinque minuti.
  4. Appena la carne sarà cicatrizzata, versate il vino, fate evaporare e coprite con il coperchio proseguendo la cottura a fuoco lento per almeno 25 minuti. Per verificare che sia pronto, provate a bucare con una forchetta nel punto più alto dell’arrosto. Se esce sangue ha bisogno di ancora qualche minuto di cottura. In caso contrario, spegnete e lasciate stiepidire prima di tagliare: affettando l’arrosto quando è ancora caldo, infatti, correreste il rischio di sbriciolare troppo la carne. Prima di servire mettete le fettine di arrosto nel tegame e scaldate.

Involtini di petto di pollo

Come trasformare un petto di pollo in un involtino succulento? È presto detto.

involtini petto di pollo

 

Ingredienti per 4 persone

  • 300 gr di petti di pollo
  • 50 gr di prosciutto cotto
  • 2/3 fettine di fontina o altro formaggio
  • 2/3 cucchiai di farina
  • due noci di burro
  • mezzo bicchiere di vino bianco

Procedimento

  1. Su un piano di lavoro, stendete le fette di petto di pollo. Sistemate su ognuna il prosciutto e la fontina. Arrotolate e chiudeteli con un paio di stuzzicadenti.
  2. Infarinate gli involtini. Prendete una padella dal fondo antiaderente e fate sciogliere due noci di burro. Adagiate gli involtini, salate e fate cicatrizzare tutta la superficie. Se occorre, aggiungete un’altra noce di burro. Sfumate con il vino bianco, coprite e lasciate cuocere per altri 5/8 minuti.
  3. Terminato il tempo, spegnete, lasciate intiepidire, eliminate gli stuzzicadenti e servite accompagnato dal sughetto di cottura che si è formato.

Se vi è piaciuto questo articolo forse potreste trovare interessante anche i trucchi per cucinare il coniglio.

Monica Face

Di origini napoletane, è nata e vive a Roma. In passato ha collaborato con vari settimanali, tra cui "Di più"; "Di piùTv Cucina"; "RadioCorriere Tv"; "Onda Tv"; "Messaggero Tv". Oggi invece si dedica anima e corpo al suo blog, "Che cavolo cucino, oggi?". Il suo piatto preferito è la parmigiana di melanzane, "perché è un ricordo d'infanzia e perché", dice, "quando aspettavo il mio bambino avevo sempre voglia di melanzane". Nella sua cucina non possono mancare il pane (che prepara in casa) la frutta e il caffè, "perché altrimenti... il pasto non è finito".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *