olive da tavola

Antiossidanti, amiche del cuore e dell’intestino: ecco le proprietà delle olive

Angela Caporale
2

Indice

     

     

    Taggiasche, ascolane, Giaraffa, consumate al naturale o in insalata. Stiamo parlando delle olive, drupe carnose con nocciolo, di cui esistono numerose tipologie e coltivata in tutte le regioni meridionali d’Italia, ma non solo. È forte la tradizione di olivicoltura anche in Liguria e in Toscana, caratteristica che fa dell’oliva uno dei simboli della tradizione culinaria italiana. Conosciamo, però, quali sono le caratteristiche nutrizionali delle olive e le proprietà? Per rispondere a questa domanda abbiamo intervistato la dottoressa Francesca Evangelisti, biologa nutrizionista.

    Olive: caratteristiche e composizione

    L’oliva è il frutto dell’olivo (Olea europea), pianta originaria del Caucaso, diffusa da millenni in tutto il Medio Oriente e nel bacino del Mediterraneo. Come anticipato, si tratta di una drupa carnosa con nocciolo, di forma ovoidale più o meno allungata, con buccia liscia, di colore dapprima verdastro e poi nero/violaceo a maturazione avvenuta.

    La produzione in Italia è concentrata in particolare nelle regioni meridionali, Sicilia, Calabria, Puglia e, anche se in misura minore, Liguria e Toscana. Si distinguono varietà per olio, spesso di piccole dimensioni ma dall’elevata resa, e varietà da tavola, più grandi e carnose.

    diversi tipi di olive

    Manuel Alvarez/shutterstock.com

    “Le olive da tavola – specifica l’intervistata – possono essere verdi e nere, differenti anche nel gusto e nell’aroma”. Tra quelle da olio, le più note sono la coratina pugliese, la frantoio, diffusa in Toscana, Umbria e Puglia, la leccina, quasi esclusivamente toscana, la taggiasca, ligure, e le varietà locali moraiolo, pendolino, cellina e rosciola.

    Tra le olive verdi, delicate e quindi adatte come antipasto o ingrediente di pane e focacce, le più note sono la pugliese, di colore verde brillante e l’ascolana, grande e dal gusto dolce. Tra le olive nere, di gusto più forte e quindi adatte a insaporire pietanze calde, dai primi piatti ai contorni, abbiamo la grande baresana, la kalamata, di colore molto scuro, le piccole di Gaeta, bruno/violacee, la taggiasca, dal profumo tenue e gusto dolce delicato e la leccina, dall’aroma intenso e gusto leggermente piccante.

    La composizione in macronutrienti varia leggermente tra oliva nera e verde.

    Oliva nera (100 g):

    • 69 g circa di acqua;
    • 25 g di grassi;
    • 1,6 g di proteine;
    • 0,8 g di carboidrati;
    • 3,9 g di fibra.

    Oliva verde (100 g):

    • 77 g circa di acqua;
    • 15 g di grassi;
    • 0,8 g di proteine;
    • 1 g di carboidrati;
    • 3 g di fibra.

    Più simile, invece, la composizione dal punto di vista dei minerali (potassio, sodio, ferro, calcio, magnesio, fosforo, zinco, rame) e delle vitamine (A e E). “Le olive contengono anche numerosi antiossidanti, tra cui: quercetina, oleuropeina, tirosolo, idrossitirosolo, e diversi acidi e amminoacidi”. L’apporto calorico è di circa 115 kcal per 100 g.

    olive in vendita al mercato

    Maor_Winetrob/shutterstock.com

    Olive, le proprietà benefiche per l’organismo

    Le olive hanno importanti proprietà antiossidanti, grazie alla presenza di numerose sostanze tra cui la vitamina E e diversi fitonutrienti, in grado di contrastare i radicali liberi e prevenire l’invecchiamento cellulare. “Tali proprietà – aggiunge la dottoressa Evangelisti – assumono particolare rilevanza nella prevenzione di alcuni tumori quali quello a colon, seno e stomaco”.

    Inoltre, contengono grassi monoinsaturi che contribuiscono a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, prevenendo diverse malattie a carico dell’apparato cardio-circolatorio. Tra i numerosi sali minerali presenti, il potassio e il calcio risultano particolarmente abbondanti, utili rispettivamente per la salute del cuore e delle ossa. “Per queste ultime risultano di aiuto anche altri due composti, l’idrossitirosolo e l’oleuropeina, che sembrano favorire il deposito di calcio nelle ossa e la loro crescita”.

    Energetiche e amiche dell’intestino

    Le olive sono un alimento energetico, indicato in caso di magrezza e inappetenza, mentre il buon contenuto di ferro sostiene la produzione di globuli rossi, apportando benefici alla sistema circolatorio e prevenendo le anemie. La presenza di vitamina A rende invece l’oliva un ottimo alleato per la salute di pelle e vista, e la fibra presente consente una buona funzionalità intestinale: “le olive sono pertanto utili in caso di stitichezza e al processo digestivo”.

    La nutrizionista aggiunge che sono rinomate sono anche le proprietà antivirali delle olive, grazie alla presenza di oleuropeina, in grado di ostacolare in particolare l’attività del virus dell’epatite, il rotavirus e il rinovirus bovino. “Note sono anche le proprietà antimicrobiche, che possono aiutare specificatamente, in caso di ulcere gastriche, e quelle antinfiammatorie, grazie alla presenza di un composto, l’oleocanthal, che pare imitare l’azione dell’ibuprofene”.

    Come consumare le olive

    Le olive si consumano conservate in salamoia o sott’aceto, sotto forma di pasta da spalmare, con gli aperitivi o con gli antipasti, in salse, insalate, zuppe o piatti di pesce: sono, di fatto, un alimento molto versatile e facile da inserire nella dieta.

    Le olive da tavola, prima di essere commercializzate, oltre a diverse fasi di controllo, selezione e pulizia, vengono sottoposte a deamarizzazione, un processo che ne elimina l’originario sapore amaro. “Questa lavorazione può essere chimica – ci spiega l’intervistata – tramite lavaggi con soluzioni di acqua e soda, o biologica, per mezzo di bagni in acqua o salamoia, e può essere più e meno lunga e articolata a seconda delle varietà e del livello di maturazione del prodotto trattato”. Al momento dell’acquisto è bene scegliere olive non troppo molli e dalla superficie non opaca; la salamoia deve essere limpida, senza tracce di muffa e non torbida. Una volta aperta la confezione, le olive si mantengono in frigorifero per circa 1 mese.

    Le olive hanno controindicazioni?

    Chiediamo alla dottoressa Evangelisti, in conclusione, se le olive hanno delle controindicazioni. La nutrizionista raccomanda, a tal proposito, di consumarle con moderazione in caso di obesità, diabete, gastroenterocolite e arteriosclerosi, mentre solo quelle  in salamoia sono controindicate in caso di ipertensione arteriosa.

     

    Conoscevate le proprietà delle olive?

    Angela Caporale

    Nata a Udine, vive e lavora a Bologna come giornalista freelance. Il suo piatto preferito è la pasta alla carbonara, perché le viene proprio bene in tutte le sue varianti. In cucina, per lei, non può mai mancare una compagnia ciarliera, un dolce da condividere e un buon bicchiere di vino bianco.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *