Patatine o ovetto Kinder?

Redazione

Scenetta appena vista in un Autogrill siciliano. La mamma era una giovane obesa stipata in un paio di minishort che gridavano vendetta. Sopra aveva un top corto sopra l’ombelico stiracchiato al limite della rottura. I rotoli rotolavano dappertutto ma lei, giustamente, se ne fregava. Aveva il diritto di vestirsi come le pare e lo esercitava. Ho però avuto il sospetto che non si vedesse grassa. Confermato dall’enorme brioche con gelato che stava mangiando con serenità. Il figlio aveva circa cinque anni ed era sovrappeso anche lui. “Deciditi!” urla spazientita la mamma tra una leccata e l’altra  “Vuoi le patatine o l’ovetto Kinder?”. “Non voglio niente” risponde il bambino. La mamma insiste “Deciditi, ho detto. Ovetto o patatine? Guarda che dopo ti viene fame”. “Non voglio niente”. “Vabbè. Te li prendo tutti e due, così dopo non rompi le palle”.  “Ti ho detto che non li voglio”. “Allora me li mangio io”.
Da uno studio condotto dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS), i bambini mangerebbero meglio di quanto fanno se fossero loro a decidere come alimentarsi.

di Martino Ragusa

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi