burrata

Storia e degustazione della burrata pugliese

Marco Bini

“Come si può governare un paese che ha 246 varietà differenti di formaggio?“ pare abbia domandato Charles De Gaulle a proposito delle difficoltà incontrate nella guida della Francia. Chissà cosa avrebbe detto allora, monsieur le général, di fronte alle ben 487 varietà conosciute in Italia – senza contare quelle che sicuramente sfuggono alle maglie delle statistiche. Tra formaggi stagionati, molli, filanti e così via, le lavorazioni casearie hanno una storia lunghissima e ricca nel nostro Paese.

Se però tanti formaggi vantano appunto lunghe tradizioni e sono stati assaggiati da re, regine e signori nel corso del tempo, ce ne sono altri dalla storia più recente, ma che hanno comunque raggiunto alti vertici di qualità e sono ormai largamente apprezzati, in Patria e all’estero: il segno più evidente di come il genius loci italiano in cucina non si spenga mai. È esattamente il caso di un particolare formaggio a pasta filata, la burrata pugliese. Ottenuta dal latte vaccino intero, crudo o pastorizzato, la burrata è composta da un involucro esterno di pasta solida di mozzarella riempito con panna fresca o burro e ha una consistenza più soffice rispetto a quella della mozzarella stessa, soprattutto nella parte interna. Nei prossimi paragrafi scopriremo la storia della nascita della burrata, il suo metodo rigoroso di produzione e vi daremo qualche consiglio su come gustarla al suo meglio.

burrata pane

Burrata pugliese: la storia e i luoghi d’origine

Caso più unico che raro in un settore, quello alimentare, fatto di stratificazioni e saperi condivisi nei quali è quasi sempre impossibile districarsi fino a risalire alla fonte da cui un prodotto specifico è scaturito, per la burrata pugliese siamo in grado invece di riportare nome e cognome dell’inventore. Si tratterebbe di Lorenzo Bianchino – nomen omen – casaro della masseria di Piana Padula, all’interno dell’odierno Parco Nazionale dell’Alta Murgia nella provincia di Barletta-Andria-Trani.

Meno concordi si è sulla data di nascita: chi la colloca negli anni ‘20 del Novecento, chi negli anni ‘30, chi la spinge più avanti, addirittura a metà degli anni ‘50. Fatto sta che l’ingegnoso casaro avrebbe inventato questo goloso formaggio in occasione di un’abbondante nevicata che lo aveva isolato all’interno della masseria, impedendogli di trasportare il latte in città. E, come sempre quando si parla di produzione agricola e sostentamento, lasciare andare a male il latte non era un’opzione. Bianchino si sarebbe allora messo all’opera, recuperando la panna che affiorava naturalmente dal latte e, come nel procedimento per la conservazione del burro, creò un involucro con la pasta per la mozzarella per tentare di conservarvi all’interno il prodotto fresco. All’interno dell’involucro, poi, oltre alla panna, infilò anche altri residui di pasta filata. E da lì, il resto è una storia di successo, che ha portato la burrata a diventare un ingrediente importante nel già ricco paniere della cucina pugliese e a entrare nelle grazie degli chef.

Oggi la burrata di Andria vanta il marchio IGP, un consorzio di tutela nato nel 2017 e un disciplinare di produzione che prescrive con precisione le regole per una lavorazione che, se correttamente eseguita, può essere fatta in tutta la Puglia, e non solo nell’andriese.

Il metodo di produzione

burrata adria

Fonte: facebook.com/burratadiandria

La burrata pugliese osserva un procedimento di produzione totalmente manuale e artigianale, che si articola in diverse fasi, le prime delle quali non sono diverse da quelle per fare la mozzarella:

  • il latte viene riscaldato fino alla sua acidificazione, per poi essere miscelato al caglio per ricavare la cagliata;
  • la cagliata viene poi immersa nel siero o in acqua calda leggermente salata;
  • impasto e tiraggio: attraverso questa particolare e sapiente manipolazione si sviluppano le fibre elastiche della pasta della mozzarella e della burrata;
  • con ulteriori manipolazioni, la pasta filata viene ridotta alla forma di un involucro simile a un fagotto;
  • il fagotto viene farcito con avanzi di mozzarella (detti “stracci”) e crema di latte;
  • chiusura del fagotto con un legaccio o con l’acqua bollente e avvolgimento nelle foglie verdi di asfodelo – che indicano la freschezza e la qualità del prodotto al momento di essere servito.

La conservazione del prodotto avviene tra i 4 °C e 6 °C. La burrata pugliese, per la presenza della panna fresca, è un prodotto abbastanza delicato, che risente di sbalzi termici e del trasporto, e che non dura a lungo. Solo recentemente si è iniziato a ovviare a questo problema – e a supportare l’esportazione del prodotto fuori dal territorio di origine – con la vendita all’interno di buste o contenitori rigidi in plastica.

Come si consuma la burrata pugliese?

burrata e noci

Gli amici pugliesi saranno d’accordo che la risposta migliore è: così com’è. Questo perché si tratta di un formaggio già perfetto se assaggiato da solo. Tuttavia, per rendere onore alle sue origini mediterranee, possiamo guarnirla con un filo d’olio extravergine d’oliva o consumarla in abbinamento con i pomodori oppure in insalata.

Tuttavia, si tratta di un prodotto che stuzzica la fantasia anche in cucina, per cui il repertorio gastronomico si è ormai arricchito di molte ricette con la burrata pugliese, dove il nostro formaggio a pasta filante viene utilizzato per dare un tocco unico di sapore e delicatezza. Infatti la burrata può essere utilizzata per rendere ancora più invitanti il risotto o per creare fantastici condimenti per la pasta.

Tra i 400 e più formaggi d’Italia, qual è il vostro preferito?

Marco Bini

Nato a Vignola vive e lavora tra Modena e Bologna Per il Giornale del Cibo si occupa di cibo e cultura e approfondimenti. Il suo piatto preferito sono i tortellini in brodo, “perché come li fa mia nonna non li ho trovati da nessuna parte” Per lui In cucina non può mancare “la voglia e il tempo per cucinare, altrimenti moriremmo di surgelati”

2 responses to “Storia e degustazione della burrata pugliese”

  1. Luca says:

    Molto interessante. io adoro la burrata di Andria! Ma recentenente mi è capitato di acquistarne due, da 500 grammi ciascuna, che alla degustazione erano salatissime. Significa che la salatura eccessiva è stata sicuramente fatta per conservarla di più. Confezione in carta plasticata e senza foglie di asfodelo originali, bensì di plastica. Si deve considerare frode alimentare? oppure una semplice precauzione per allungarne la scadenza? C’è Il marchio di garanzia e c’è la scadenza al 25/08/2918 ed è stata acquistata lunedì scorso, 13/08/18. Mi fa sapere, per favore?

    • Marco Bini says:

      Ciao Luca,
      grazie.
      Per quanto riguarda la salatura, credo sia come dici: aiuta il prodotto a conservarsi un po’ di più, e probabilmente ogni produttore usa più o meno sale in base a proprie scelte.
      Per quanto riguarda le foglie, per i prodotti confezionati destinati al commercio sono fatte di plastica alimentare, come riporta anche il sito del consorzio:
      http://www.burratadiandria.it/blog.php?id=1&n=10-cose-da-sapere-sulla-burrata-di-andria
      Sulla confezione, non riesco bene a capire a quale tipo di involucro ti riferisci, ma sembrerebbe qualcosa di simile a una busta, che è tra i metodi di confezionamento previsti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi