Formaggi e Latticini

In fatto di Formaggi e Latticini, la lista di eccellenze alimentari italiane è veramente lunga: dal Parmigiano Reggiano alla Burrata, passando per il Taleggio, Il Caciocavallo e il Fiore Sardo, i prodotti nostrani ci regalano davvero l’imbarazzo della scelta. Ma se il nostro Paese, in questo campo, può vantare un’offerta di altissima qualità, va detto che quella francese, inglese, spagnola e svizzera non è da meno. Abbiamo quindi pensato di dedicare una sezione per conoscere più da vicino i migliori formaggi e latticini italiani e stranieri: Brie, Pont-l’eveque, Reblochon e Livarot sono alcuni dei nomi che troverete in questa rubrica.

Castelmagno DOP: il re dei formaggi italiani

  Vi avevamo già parlato della ricchezza di sapori, storia e tradizioni che possiamo trovare dentro un solo prodotto, come nel caso del Pecorino sardo DOP. Adesso però, in questo viaggio alla scoperta delle eccellenze nostrane, ci spostiamo più a nord, tra i verdi pascoli piemontesi… Perciò, se vi dico risotti, gnocchi, polenta o flan,

montasio dop

Il Montasio: il formaggio alpino con la DOP

    Tantissimi prodotti gastronomici del nostro bel paese sono dei veri e propri tesori, che racchiudono dentro di sé una quantità di storia, di sapori e di valori nutritivi che neanche immaginiamo. È il caso del Montasio DOP, un formaggio dall’indiscussa ricchezza, tanto da essere utilizzato come ingrediente da molti chef per le loro

pecorino sardo dop

La DOP più saporita: il pecorino sardo

    I prodotti che portiamo a casa dai supermercati e che imbastiscono le nostre tavole, prima di essere i protagonisti di ricette sfiziose e creative, sono soprattutto i testimoni di un tempo che non c’è più: in quei cibi, ritroviamo l’eredità di tradizioni antichissime che si sono trasmesse di generazione in generazione e che

formaggi molisani

Treccia di Santa Croce, Pecorino, Caciocavallo PAT: i formaggi molisani

    Oltre alla tradizione dei salumi, di cui vi abbiamo parlato di recente, il Molise vanta anche degli ottimi formaggi locali, prodotti con latte vaccino, ovino o di capra, sia nelle zone di montagna che in collina. Alcuni hanno ottenuto il riconoscimento P.A.T., sono cioè dei Prodotti Alimentari Tradizionali, come per esempio il Caciocavallo

tipi di ricotta

Di bufala, vaccina, di capra: come abbinare le diverse tipologie di ricotta

  Salata, al forno, condita, fresca, di mucca, di pecora o mista: la ricotta è un latticino che, a seconda delle tipologie, può essere consumata al naturale o utilizzata per farcire e condire piatti salati e dolci. Vi basti pensare che la lasagna napoletana si fa con un ripieno di ricotta e che questa può

frico friulano

Scopriamo il Frico, piatto povero e gustoso della tradizione friulana

    Non è la prima volta che ci dedichiamo alla scoperta e al racconto delle specialità enogastronomiche del Nord Est. In particolare vi abbiamo già suggerito ben 20 prodotti tipici da assaggiare in Friuli Venezia Giulia, nonché svelato le nostre osterie e trattorie preferite dove fare una sosta a base di frico. E proprio

crescenza o stracchino

Squacquerone, crescenza o stracchino: quali sono le differenze?

  “Dla tevla an t’alvèr mai se la baca la ‘n sà ‘d furmaj” – ovvero “da tavola non ti alzare mai se la bocca non sa di formaggio”, recita un proverbio diffuso nella valle Padana, ma che potrebbe benissimo avere corrispondenti espressioni in ogni dialetto d’Italia. Sì, perché, chissà in quale remota epoca il

vacca cinisara

La Vacca Cinisara: una razza siciliana unica

Ci sono terre che sembrano destinate a gravitare su stesse, con storie troppo vivide per essere passate, ma allo stesso tempo così allontanate da non sentirle presenti. Siamo a Cinisi, il paese di Peppino Impastato, dove sono state girate quasi tutte le scene de I Cento Passi, a pochi chilometri da Capaci e dal fumo

burrata

Storia e degustazione della burrata pugliese

“Come si può governare un paese che ha 246 varietà differenti di formaggio?“ pare abbia domandato Charles De Gaulle a proposito delle difficoltà incontrate nella guida della Francia. Chissà cosa avrebbe detto allora, monsieur le général, di fronte alle ben 487 varietà conosciute in Italia – senza contare quelle che sicuramente sfuggono alle maglie delle

gorgonzola dop disciplinare

Gorgonzola DOP e il disciplinare che ne tutela le caratteristiche

Il 2017 si conferma un anno di grande successo per il gorgonzola che possiamo definire come il “re degli erborinati” dell’Unione Europea, un titolo ottenuto grazie al successo di questo formaggio molto amato, confermato da una recente indagine proprio dell’UE. Infatti, sette dei 15 formaggi DOP più diffusi in Europa sono italiani e il podio

gorgonzola

La produzione artigianale del Gorgonzola DOP

Una pallina di polenta con un po’ di gorgonzola dentro. Così si scaldavano le mani i piccoli lombardi, per poi divorarsi questi due simboli dell’enogastronomia regionale, ovvero la polenta e il gorgonzola. Questo formaggio, lo stesso che ha fatto inorridire la signora Volpe del celebre film Benvenuti al Sud, è originario dell’omonima cittadina della Martesana,

grana padano e parmigiano reggiano

Grana Padano e Parmigiano Reggiano: quali sono le differenze?

Grana Padano o Parmigiano Reggiano: voi, cari lettori, cosa preferite? Quale dei due formaggi scegliete per accompagnare i vostri primi piatti preferiti o  per arricchire le verdure? Avete capito bene, abbiamo deciso di sederci a tavola e affrontare una delle più annose rivalità culinarie della penisola. Quella tra i due formaggi stagionati, entrambi insigniti del

Taleggio

Taleggio D.O.P.: una bontà che stupisce ad ogni morso

Profumo intenso, con aromi di frutta secca, nocciole e persino tartufo. Di cosa stiamo parlando? Del taleggio, naturalmente. Ma non di un taleggio qualsiasi, bensì del Taleggio D.O.P. Un gusto intenso e un sapore inimitabile che derivano dal caratteristico microclima, creato dalle correnti di aria boschiva e dalla presenza di una microflora naturale sviluppatasi nel tempo.  Ma anche da un

Formaggi Irlandesi

Sono tutti da scoprire gli squisiti formaggi irlandesi che oggi vivono un momento di vero e proprio rinascimento. Nella contea di Tipperary è prodotto il Cashel blue, formaggio blu di latte vaccino, saporito ma non forte. A pasta morbida è anche il Millens, di latte vaccino crudo e prodotto nella magnifica penisola di Beara, nella

percorsi-di-degustazione-giovanni-ferrari

Percorsi di degustazione giovanni ferrari

Parmigiano Reggiano DOP (600g) – Prodotto di Montagna – Ferrari stagionato oltre 30 mesi con birre artigianali Baladin al doppio malto Il “Parmigiano Reggiano DOP – Prodotto di Montagna – Ferrari” è prodotto nel caseificio di Bedonia (PR) proprietà della famiglia Ferrari, utilizzando solo latte raccolto nei 5 comuni dell’alta Valtaro ad una latitudine media

Caciocavallo Ragusano E Palermitano

Il caciocavallo è il parmigiano dei siciliani, versatile e immancabile in tutte le case. E’ ottimo per gli spuntini, alla fine del pasto, per grattarlo sulla pasta e per un’infinità di impieghi in cucina. I tipi sono due, il palermitano e il ragusano entrambi a pasta filata e dalla medesima forma di parallelepipedo, chiamato in

Caso Pruto (formaggio Ammuffito)

E’ fatto col formaggio di pecora che si fa essiccare. Dopo averlo lavato con acqua calda ed asciugato si unge con un composto di olio d’oliva e buon aceto di vino sbattuti. Si mette in un barattolo e va unto una volta alla settimana finchè non diventi di nuovo morbido. A questo punto la superficie

fontina-dop-bio

Fontina Dop Bio

I veri “artefici” della Fontina Dop Bio sono i pascoli montani della Valle d’Aosta e le bovine di razza autoctona: la Pezzata rossa, la Pezzata nera e la castana che assumono un ruolo insostituibile, grazie alla loro capacità di valorizzare l’erba dei pascoli alpini e i fi eni provenienti dei prati naturali di questo territorio. Il rapporto tra animali

brie

Brie

Dalla piana del Brie, a circa cinquanta km ad est di Parigi, viene prodotto uno dei formaggi più famosi della Francia, il Brie, che nel 1980 ha ottenuto la certificazione AOC (Appellation d’origine contrôlée). Nel 1814 durante il Congresso di Vienna venne definito il “Re dei formaggi e formaggio dei Re” poiché già in precedenza