Almeno una volta alla settimana cucina insieme ai tuoi figli

Redazione

Vanno a scuola, a sport, a musica, a inglese, a danza, a catechismo, con gli scout, e chissà dove ancora. Benissimo! Ma l’educazione alimentare e gastronomica chi gliela fa? Forse a scuola qualcuno si prende la briga di insegnargli che le patatine fritte fanno male e il minestrone fa bene. ma i discorsi senza la pratica hanno un impatto lieve in questo campo e  di certo sono pochissime le scuole che si prendono la briga di mettere su una cucina e cucinare i piatti della nostra tradizione. E poi che c’entra? I tuoi figli dovrebbero imparare anzitutto la cucina della loro famiglia! 

Care mamme e cari papà, mi sa che questo sia compito vostro! Lo so bene che avete un sacco di cose da fare e anche i vostri figli sono super impegnati. Ugualmente, però, vi invito a non considerare superfluo questo mio consiglio. Sono sicuro che anche a voi è scappato detto “l’uomo è ciò che mangia”. Proprio così, alimentazione e cucina hanno a che fare con le zone profonde e delicatissime dell’identità. Vi sembra poco? Nessuno, guarda caso, dice “L’uomo è lo sport che fa o l’uomo è la danza che balla”.

Perciò datemi retta: almeno una volta alla settimana mettetevi in cucina assieme ai vostri figli. Grazie a voi avranno anche una identità, oltre alle tante competenze che gli avranno dato gli altri.

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi