Ahi ahi ahi Alitalia!

Redazione

Ti ringrazio del taralluccio in omaggio, ma non lo voglio.

di Martino Ragusa

Ma che brava Alitalia! Ci fa sentire ancora privilegiati offrendoci  gratis il mini rinfreschino di benvenuto. Tra tanti tagli delle low cost, la domanda “snack dolce o salato” resiste ancora, accarezzando l’orecchio a favore di hostess. “Salato” Rispondo. E mi arrivano i taralli di Nonna Mariangela. Un bel nome che sa di cose buone del bel tempo che fu. E poi, sono stati sfornati proprio ad Alberobello. Chissà… magari in un forno a forma di trullo.

Cosa nasconde l’etichetta?

L’etichetta è tranquillizzante: data di scadenza lontana. no OGM… no conservanti… no colesterolo… potrebbe contenere solfiti, ma a quanto pare non è sicuro. Tutto a posto, con il solo rammarico che Nonna Mariangela abbia usato un olio di oliva non extravergine. Vabbè, non siamo pignoli, è perdonata anche se, sinceramente, da un come lei non me l’aspettavo. Dove è cascato, anzi scivolato l’asino e con lui nonnina, è sul solito olio di palma inopinatamente infiltrato nei taralli. Lo scivolone, di conseguenza, l’ha preso anche Alitalia alla quale dico: “Grazie per lo snack gratis, ma te lo puoi tenere! “

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi