ristorazione aziendale valyouness

Benessere in azienda dal ristorante alla gestione del tempo: nasce Valyouness

Matteo Garuti
2

     

    Come abbiamo avuto modo di raccontarvi nelle ultime settimane, occupandoci di nuove idee per la ripresa del pasto fuori casa, la situazione lavorativa e sociale dettata dalla pandemia, nella sua drammaticità, ha rappresentato un forte acceleratore all’innovazione, in particolare volta a migliorare l’esperienza delle persone. Infatti, mai come in questo periodo, servizi personalizzati e welfare aziendale propongono di elevare la qualità della vita, rispondendo ai nuovi bisogni degli individui e delle famiglie.

    In questo contesto, anche il benessere dei dipendenti in azienda rappresenta un valore fondamentale, portatore di numerosi vantaggi per le imprese e per i lavoratori, nonché un concetto sempre più condiviso nell’ambito delle politiche e della gestione del lavoro.

    In risposta a queste nuove esigenze, CIRFOOD, impresa reggiana leader nella ristorazione collettiva, ha creato Valyouness, nuova società di servizi di welfare, in grado di accompagnare aziende pubbliche e private, enti, organizzazioni sociali e territori nella costruzione di piani di welfare su misura. Un approccio a 360°, dove la ristorazione è una delle proposte cardine, all’interno di un sistema integrato, unico nel suo genere. Vediamo di cosa si tratta.

    Progetto Valyouness: di cosa si tratta?

    Con un’offerta ampia e diversificata e che include naturalmente anche la ristorazione, Valyouness propone iniziative volte a valorizzare il tempo libero, la qualità della vita e la salute, a favore di un miglioramento dell’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata.

    Tutto questo è possibile grazie a un percorso maturato dall’esperienza di CIRFOOD in oltre mezzo secolo di attività nel settore dei servizi alla persona. Come ha affermato la Presidente Chiara Nasi, “ancor più nel contesto attuale dettato dalla pandemia e dall’impatto che questa ha sul mondo del lavoro, il welfare svolge un ruolo fondamentale per i dipendenti e per tutte le organizzazioni che vogliono migliorare la qualità della vita dei propri lavoratori. Per questo crediamo che Valyouness sia la risposta concreta a queste specifiche necessità”.

    valyounees

    Più nel dettaglio, il concetto di welfare proposto prevede la realizzazione di un hub di servizi che riporta al centro i bisogni del beneficiario, rivolgendosi alle aziende pubbliche, private e agli enti. Questo è uno dei tratti distintivi della proposta, poiché Valyouness supera i canoni di un semplice welfare provider, con una gamma variegata di proposte a carattere sociale, servizi food, wellbeing e care management, beneficiando dell’esperienza e delle relazioni costruite nel tempo da CIRFOOD.

    Il valore delle soluzioni offerte

    Seguendo questa linea d’indirizzo, CIRFOOD ha fatto ricorso alla sua rete territoriale, coniugando la capacità di ascolto dei bisogni delle comunità con la tecnologia, per costruire un’offerta distintiva e personalizzabile, per supportare i clienti nell’implementazione di piani su misura, con differenti soluzioni di welfare, proposte da Valyouness:

    • aziendale e pubblico, per contribuire a incrementare il benessere dei dipendenti di enti pubblici e imprese;
    • sociale, supportando gli enti pubblici ed erogando diverse forme di servizio in ambito di istruzione, assistenza e beni di prima necessità;
    • territoriale, al fine di fornire prestazioni e servizi ai soggetti vulnerabili, grazie a interventi finanziati da risorse pubbliche e/o private.
    welfare cirfood

    pixelfit/gettyimages.it

    Il Welfare aziendale è anche una Buona Pausa Pranzo

    Il benessere dei dipendenti si realizza grazie a un insieme di diversi aspetti legati alla vita lavorativa, a partire da un’occasione preziosa di socialità e relax come la pausa pranzo. Il tema ci è particolarmente caro, e infatti l’obiettivo degli approfondimenti pubblicati in occasione della nostra campagna Buona Pausa Pranzo era proprio sensibilizzare gli utenti sull’importanza di questo momento, ai fini di un’alimentazione sana, varia e bilanciata, prestando attenzione al benessere psico-fisico. Per un anno abbiamo raccolto i pareri di centinaia di utenti e lettori del Giornale del Cibo, indagando le abitudini alimentari di chi pranza abitualmente fuori casa, attraverso sondaggi, quiz e test proposti sui nostri canali web e social.

    Grazie a questi preziosi contributi – hanno partecipato 1.200 persone in tutta Italia, tra i 18 e i 55 anni – supportati da una ricerca nazionale condotta da Nomisma per CIRFOOD – è stato possibile rilevare una panoramica completa sulle tendenze che riguardano il pasto fuori casa.

    mangiare in pausa pranzo

    mavo/shutterstock.com

    È emerso quanto sia importante il luogo in cui si trascorre la pausa pranzo e, in particolare, il rapporto dei lavoratori con il servizio di ristorazione aziendale, considerato un aspetto fondamentale. I vantaggi per i lavoratori sono rappresentati sia dalla comodità di fruizione, sia dalla possibilità di conoscere ingredienti, ricette e preparazioni nuove, avendo a disposizione un’ampia scelta di proposte e potendo contare sul rapporto di fiducia e conoscenza che si instaura con il personale addetto alla ristorazione, come nel caso virtuoso di IFOM. In sostanza, la condivisione del pasto e le relazioni da essa favorite confermano il valore culturale di questo momento: mangiare sano significa perseguire equilibrio e benessere, ma anche gusto e piacere di stare insieme.

    In questo senso, Valyouness raccoglie la sfida, abbinando un’offerta ricca e varia a una profonda attenzione per la salute dei dipendenti, proponendo, ad esempio, una vasta gamma di programmi e progetti di consulenza nutrizionale, andando incontro alle esigenze di chi pranza fuori casa, come emerso dal nostro approfondimento sui dati della campagna Buona Pausa Pranzo.

    Ristorazione e wellbeing per migliorare la vita sul lavoro

    A partire dall’esperienza maturata e dall’ascolto di queste esigenze, Valyouness nasce con una proposta innovativa e unica nel suo genere: infatti, la ristorazione diventa parte di un sistema integrato di welfare che mette al centro il benessere delle persone. Come ha dichiarato Alessio Bordone, Sales Executive Director di CIRFOOD e Presidente di Valyouness: “diversi studi dimostrano che la capacità di un’azienda di rispondere alle esigenze dei lavoratori incrementa il ‘wellbeing’ personale e collettivo, con conseguenti benefici sul clima lavorativo e sulla produttività. Siamo pronti, quindi, a rispondere a nuove e crescenti richieste di servizi da parte delle persone, da un lato, e dall’altro a sostenere le aziende, che sempre più integreranno politiche di ‘people care’ con le strategie aziendali”.

     

    E per voi quali aspetti sono importanti per migliorare la vita lavorativa?

    Matteo Garuti

    Matteo è nato a Bologna e vive a San Giorgio di Piano (Bo), è giornalista, sommelier e assaggiatore di olio d'oliva, ha collaborato con il Dipartimento di Scienze e Tecnologie agro-alimentari dell'Università di Bologna. Per Il Giornale del Cibo si occupa di attualità, salute, cultura e politica alimentare. Apprezza i cibi e le bevande dai gusti autentici, decisi e di carattere. A tavola ama la tradizione ma gli piace anche sperimentare: per lui in cucina non può mancare la creatività, "perché è impossibile farne a meno!"

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *