ristoranti di pesce a Milano

I 5 migliori ristoranti di pesce a Milano

Giovanni Angelucci

Dopo aver fatto un primo viaggio tra i migliori ristoranti di Milano dove mangiare è cosa seria, avervi fornito gli indirizzi giusti per la colazione, e suggerito i locali per l’aperitivo, è il turno dei migliori ristoranti di pesce a Milano. A differenza di quanto si possa pensare, non essendo propriamente sul mare, la città meneghina è il centro di smistamento e reperimento del pesce nel nord Italia; ulteriore motivo per cui in molti hanno deciso di investire qui aprendo il proprio ristorante. È ormai chiaro, inoltre, come Milano permetta a chiunque abbia un’idea originale di concretizzarla, infatti è la città in cui pare non esserci limite per le nuove aperture, ma solo chi lo merita riceverà il successo nella capitale gastronomica italiana.

Abbiamo già constatato quanto la città meneghina possa essere variegata e generosa tuttavia come sempre c’è bisogno di sapere dove rivolgersi. Di seguito 5 consigli di ristoranti molto diversi tra loro, che non completano la panoramica ittica cittadina, ma aiutano ad orientarsi.

Ristoranti di pesce a Milano: 5 indirizzi da provare

Olei

olei-milano

È un piacere pranzare da Olei, perché permette di perdere temporaneamente la percezione dell’esterno e i colori tenui e chiari sono il miglior accompagnamento alle portate. Se il merito è da attribuire al proprietario Luca Ferrarini, i piatti sono firmati dal cuoco campano Francesco Pontrelli: l’assaggio di crudi è reso del tutto originale dalle sperimentazioni dello chef e la capasanta scottata che vi verrà servita fa sognare. Tra i primi vincono le linguine con scampi, calamari, cozze vongole. Olei è l’indirizzo per chi cerca le buone ricette di pesce in cui l’ingrediente principale e costante è la qualità. Disponibile anche la formula bistrot.

Bianca

ristorante-bianca

Dal 2007 questo indirizzo propone buoni piatti di pesce con ottima qualità di materia prima e poche lavorazioni, da Bianca ci si preoccupa maggiormente della bontà del piatto. E quindi nel bel localino milanese si inizia con una quindicina di antipasti in cui compaiono ostriche, crudità varie e i lecca lecca di gamberi con bacon e salsa allo zenzero e pomodoro. Al timone il navigato Luciano Rozzi mentre al mixologist Federico Pouchain è affidata la preparazione dei drink da abbinare ai piatti, o da sorseggiare nel giardino d’inverno aperto tutto l’anno.

Langosteria

nissa

 

Un ristorantino che tanto piace ai milanesi. Indossa abiti da bistrot ed è rinomato per la squisita offerta basata unicamente sulle eccellenti materie prime ittiche. La selezione dei crudi è tra le migliori in città, e la giusta importanza è riservata all’aragosta: preparata alla catalana, alla brace, al vapore e non solo. Il milanese Enrico Buonocore, di chiare origini campane (e meno male), è l’artefice di un locale tanto in voga quanto meritevole. Sceglietelo anche soltanto per divertirvi con ostriche e le centinaia di etichette di champagne. Occhio al conto.

A’Riccione

riccione-ristorante

Storico ristorante di pesce che propone anche un recente bistrot in zona Sempione. “A’Riccione dal 1955” riporta l’insegna, tante cose sono cambiate negli anni ma non il ricco e buon menù del ristorante. Accomodatevi in una delle sale che sanno di classico e ordinate per iniziare le tartare di mare al coltello: di scampi, salmone, branzino, spada e tonno. I ravioli di aragosta sono ottimi ma se volete provare qualcosa di inconsueto ordiante la degustazione di caviale.

Nassa

L’osteria di mare tanto voluta da Gabriele Tasinato, e finalmente aperta nel 2013, è nelle mani dell’ex sous chef di Claudio Sadler, Maurizio Di Prima, a cui è affidato il compito di mantenere alta la costante qualitativa delle ricette di pesce. Un posticino niente male in cui circola il miglior pescato della piazza. Il plateau di crudo è ampio e variegato, tra le proposte anche i gamberi con granita al bloodymary. Risotto di mare con ombrina e gallinella tra i più valevoli piatti, insieme alla ricciola marinata con mandarino.

Come avete visto anche l’offerta di ristoranti di pesce a Milano non vi lascerà insoddisfatti, ce n’è per tutti i gusti. Se però avete voglia di qualcosa di diverso come la cucina straniera che tanto è apprezzata a Milano, allora leggete i nostri consigli riguardo i migliori ristoranti etnici della città. Buon appetito!

Giovanni Angelucci

Giornalista e gastronomo, collabora con numerose riviste e quotidiani che si occupano di cibo e viaggi tra le quali spiccano La Stampa, Dove e la Gazzetta dello Sport. I suoi piatti preferiti sono gli arrosticini (ma che siano di vera pecora abruzzese) e gli agnolotti del plin con sugo di carne arrosto. Dice che in tavola non può mai mancare il vino (preferibilmente Trebbiano Valentini o Barbaresco Sottimano).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *