ricette con semolino

4 ricette 100% vegetali per gustare il semolino

Carmela Kia Giambrone
2

Indice

     

    Il semolino è un ingrediente tra i più bistrattati, che non viene quasi mai preso in considerazione nella nostra cucina tradizionale: ecco invece come sfatare il mito del semolino insapore e poco utile, grazie a 4 ricette con il semolino tutte vegetali, che vi permetteranno di gustarlo in un menù completo, scopritele con noi!

    4 ricette vegan con il semolino tutte da scoprire

    Dalla colazione, passando per gli snack, per giungere al primo piatto e infine al dolce, un intero menù grazie proprio a questo semplicissimo ingrediente: il semolino! Seguite passo a passo queste 4 ricette, semplici e deliziose, tutte vegan friendly.

    Gnocchi di semolino

    gnocchi semolino

    Stefano Carocci Ph/shutterstock.com

    Gnocchi dal sapore delicato, molto digeribili, 100% vegetali e che possono essere conditi con il condimento che preferite: da un sugo a base di pomodoro, aglio e basilico fresco a una salsa più elaborata con funghi e prezzemolo. Sbizzarritevi e sperimentate ciò che i vostri palati amano di più grazie a questi semplicissimi gnocchi realizzati con il semolino!

    Ingredienti (per gli gnocchi):

    • 1 ½  tazza di latte di soia al naturale
    • un pizzico di sale
    • ½ tazza di semolino
    • 2 cucchiai di lievito alimentare
    • 2 cucchiai di fecola di patata
    • 1 cucchiaio di farina di farina di yucca o tapioca (o amido di mais)
    • 2 cucchiai di burro di soia

    Procedimento:

    1. In una casseruola, versate il latte vegetale e il pizzico di sale e portate a ebollizione; a quel punto, aggiungete il semolino, la fecola e la farina di tapioca mescolando delicatamente. 
    2. Spegnete il fuoco e lasciate addensare, poi aggiungete il burro di soia e il lievito alimentare, continuando a mescolare.
    3. Rimettete sul fornello e fate cuocere a fuoco basso per 5 minuti, quindi spegnete il fuoco.
    4. Nel frattempo, rivestite una teglia con carta da forno naturale:

    versate il composto e con un coltello rendetela liscia, con uno spessore pari a 1,5 cm – 2 cm circa. 

    1. Mettetela da parte per 30 minuti in modo che si raffreddi, quindi riponetela in frigorifero per 2 ore circa.
    2. Trascorso questo tempo, preriscaldate il forno a 180°C, rimuovete la teglia dal frigorifero e con un coppapasta ritagliate 16 cerchi, facendo attenzione a bagnare in acqua il coppapasta tra un taglio e l’altro, in modo che l’impasto non si attacchi ai bordi.
    3. Ponete i cerchi su una nuova teglia, sempre foderata con carta da forno naturale. Infornate in forno ben caldo per per circa 20-25 minuti, rigirando gli gnocchi a metà cottura: saranno cotti quando avranno una crosticina croccante all’esterno. Spegnete il forno e serviteli nei piatti, condendoli con la salsa che avrete scelto.

    Pancakes di semolino e avena

    pancakes semolino

    shutterstock.com

    Pancakes tipici della cucina marocchina, soffici e perfetti da gustare conditi con marmellata o sciroppo d’acero: la ricetta perfetta per una colazione dolcissima, che vi darà il giusto sprint per una giornata coi fiocchi!

    Ingredienti:

    • 2 tazze di latte di riso (o d’avena)
    • 1 cucchiaio di lievito per dolci
    • 1 tazza di semolino
    • 1/2 tazza di farina di avena
    • 2 cucchiai di semi di canapa
    • un cucchiaino di zenzero fresco
    • q.b. di olio di semi di girasole
    • un pizzico di sale

    Procedimento:

    1. In un mixer unite il latte vegetale, il lievito, la farina, il semolino, lo zenzero, i semi di canapa e il pizzico di sale, quindi frullate per qualche secondo. Poi,mettete da parte l’impasto per i pancake a base di semolino e fate riposare per 15-20 minuti.
    2. Trascorso questo tempo, scaldate una padella antiaderente e ungetela con un tovagliolo di carta leggermente intriso con dell’olio di semi di girasole;quando sarà ben calda, versate la pastella aiutandovi con un mestolo. 
    3. Cuocete per qualche minuto, quindi rivoltate il pancake sull’altro lato e cuocete per un paio di minuti anche su questo lato.
    4. Quando saranno pronti, serviteli: gustateli caldi, condendoli con ciò che preferite, da frutta fresca a marmellata fino a burro di noccioline o cioccolato fondente!

    Budino di semolino

    Un budino dolce e digeribile, una ricetta per una colazione nutriente e molto divertente da cucinare con i bambini. Perfetto anche come dessert sano e piacevole che può essere gustato sia caldo che freddo, delizioso, cremosissimo e, come sempre, 100% vegetale!

    Ingredienti:

    • 1 ½  tazza di latte di cocco
    • 1 cucchiaino di burro di soia
    • un pizzico di sale
    • 2 cucchiai di semolino
    • un pizzico di cannella
    • 1 cucchiaino di sciroppo di riso

    Procedimento:

    1. Unite il latte di cocco, il burro e il pizzico di sale in una casseruola,  ponetela sul fuoco e portate a ebollizione, mescolando delicatamente.
    2. Raggiunto il bollore, ogliete dal fuoco, versate il semolino, rigirando il composto con una frusta in modo da evitare l’eventuale formazione di grumi.
    3. Riposizionate la casseruola sul fuoco, mescolando costantemente con un cucchiaio di legno e fate raggiungere il bollore.
    4. Cuocete quindi per qualche minuto poi, abbassate la fiamma, coprite e continuate a cuocere per circa 15-20 minuti, in modo che lentamente raggiunga la densità desiderata. Di tanto in tanto rigirate il composto con il cucchiaio di legno.
    5. Una volta terminate la cottura (lo capirete dalla densità simile ad una crema), spegnete il fuoco, aggiungete lo sciroppo e la cannella, rimestate e fate riposare qualche minuto prima di servire.
    6. Se lo desiderate, gustatelo con frutta fresca di stagione, oppure con un purea di asimina fresca o con composta di frutta.

    Biscotti di semolino e carruba

    biscotti semolino

    SoniaDigital/shutterstock.com

    Molto leggeri, ecco dei biscotti diversi dai soliti grazie al semolino e alla farina di carruba, che, se avete difficoltà a trovare, potrete sostituire con cacao amaro. Se desiderate arricchirli, aggiungete anche dell’uvetta sultanina o delle scaglie di cocco e ammorbidite in un poco di latte vegetale. Biscotti perfetti come snack o per colazione, ma anche ideali da servire per il tè (o le tisane) delle cinque!

    Ingredienti:

    • 1 tazza di semola
    • ½ tazza di farina d’avena
    • ½ tazza di farina di carruba
    • ½ tazza di zucchero mascobado
    • 2 cucchiai di burro di soia ammorbidito
    • un pizzico di sale
    • q.b. di latte di soia al naturale
    • 1 cucchiaio di lievito per dolci

    Procedimento:

    1. In una bastardella ampia, mescolate il semolino, la farina d’avena, la farina di carruba, il lievito per dolci, lo zucchero mascobado, il burro di soia ammorbidito, il pizzico di sale e sufficiente latte di soia così da ottenere un impasto liscio, sodo e omogeneo.
    2. Mettetelo da parte per una decina di minuti, quindi stendetelo con un mattarello sul vostro piano di lavoro precedentemente infarinato, e tagliatelo con le vostre formine per biscotti.
    3. Rivestite una leccarda con della carta da forno naturale e ponetevi i vostri biscotti.
    4. Cuoceteli in forno ben caldo ventilato a 180°C per 15-20 minuti a seconda dello spessore, poi sfornateli e fateli raffreddare prima di servirli!

    Queste quattro ricette 100% vegetali che hanno avuto come ingrediente comune il semolino, come sempre, ci hanno mostrato quanto la cucina vegan sia semplice e allo stesso tempo anche molto gustosa. Dimenticate insalatine o zucchine grigliate e lasciate spazio a gnocchi, biscotti, budini e pancake, ma sempre vegan-semolino friendly!

     

    Carmela Kia Giambrone

    Carmela è nata a Bergamo e vive poco lontano da Milano. È una giornalista e si occupa da molti anni di alimentazione naturale, autoproduzione, ambiente e sostenibilità, tematiche che tratta anche nel suo blog equoecoevegan.it. "Adoro l’hummus di ceci e le patate, sotto ogni forma possibile", dichiara, mentre gli elementi che non devono assolutamente mancare in cucina per lei sono il coraggio ed un buon frullatore ad immersione, "perché l’improvvisazione necessita certo di idee ma soprattutto di strumenti pratici da utilizzare".

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *