Ciavarro di Ripatransone
Primi in brodo

Ciavarro di Ripatransone

Ullix

    Questa minestra marchigiana è tradizionalmente legata alla primavera. Una volta, quando ormai i raccolti primaverili erano pronti, si dava fondo ai prodotti ancora esistenti e conservati per dare fondo a quelli più freschi. A Ripatransone si preparava questa gustosa minestra chiamata, appunto, ciavarro, e il I° maggio era il giorno prescelto.

    Il Paese, posto sul doso di una collina, è uno dei luoghi più significativi della civiltà picena che raggiunse il suo splendore nel III secolo a.C. e venne chiamato il “belvedere del Piceno” per la vista mozzafiato di cui si gode e in quella che papa Pio V elevò a rango di città e sede vescovile. Da qui i primi conventi che hanno conservato e garantito la continuità, e da qui le nostre (bis) nonne hanno saputo carpire i sapori originali della tradizione.

     

    Voti: 3
    Valutazione: 2.33
    You:
    Rate this recipe!

    Ingredienti

    Istruzioni

    1. Mettete a bagno 48 ore prima i ceci e 12 ore prima gli altri legumi, i fagioli con le lenticchie.
    2. Prendete le cotenne e tagliatele in tante striscioline.
    3. Lavate e scolate i legumi e metteteli in una capace pentola di coccio assieme al farro, alle cotenne; versatevi 3 l di acqua, salate e fate cuocere a fuoco basso per circa 2 ore.
    4. Lavate i pomodori, tagliateli in 4 parti ed eliminate i semi.
    5. Versate l’olio extravergine d’oliva in una piccola casseruola e fatevi rosolare l’aglio schiacciato, poi aggiungete i pomodori, l’alloro e il pepe.
    6. Fate cuocere la salsa per circa 15 minuti a fuoco moderato.
    7. Prendete la salsa, una volta che sarà completamente cotta e aggiungetela al minestrone con i legumi.
    8. Eliminate a fine cottura la foglia di alloro cotta con i legumi e togliete il recipiente dal fuoco.
    9. Accomodate ora le fette di pane nelle scodelle individuali. Ricoprite ogni scodella con la zuppa, lasciando che il pane si imbibisca bene.
    10. Grattugiate il pecorino e poi spolverate la zuppa in ogni scodella.
    11. Portate subito in tavola e servite ben caldo. Vino consigliato: Montepulciano d’Abruzzo; Rosso Conero
    Print Recipe