ricetta tronchetto di natale

Tradizionale, senza cottura, salato: 3 varianti del Tronchetto di Natale

Monica Face
2

Indice

     

    Durante le feste è un classico, e la cosa bella è che si può realizzare in più versioni: sto parlando del tronchetto di Natale, un dolce tipico delle feste. Si tratta di un impasto morbido farcito di marmellata e poi ricoperto da una glassa. Come spesso accade, nel corso del tempo ha subito numerose trasformazioni, come il cambiamento del ripieno fatto con crema, panna, ricotta o cioccolato fino a arrivare alla versione salata. Ciò che conta, però, è che quando arriva su una tavola gli “ooooh” saranno assicurati! E se pensate che la preparazione possa risultare complicata, vi sbagliate di grosso. Oggi, oltre alla ricetta del tronchetto di Natale tradizionale, infatti, vorrei suggerirvi ache delle alternative più semplici per realizzare il Bûche de Noël con e senza cottura. Ma prima un po’ di storia.

    Le origini di questo dolce

    La leggenda vuole che la sera della Vigilia il capofamiglia dovesse bruciare un ceppo di legna nel camino che doveva, almeno idealmente, ardere fino al giorno dell’Epifania. Alle braci restanti venivano attribute poi doti propiziatorie, come un abbondante raccolto nella stagione successiva o la fertilità di una sposa. In tempi più moderni, in Francia, si ebbe l’idea di riprodurre il ceppo “portarfortuna” in un dolce, realizzato con un impasto morbido, la pasta biscuit, a cui dare la forma del ceppo.

    La ricetta del tronchetto di Natale: 3 varianti golose

    Vi propongo, dunque, tre ricette a partire dalla più tradizionale, quella del Bûche de Noël realizzata  con la pasta biscuit, passando per una versione rivisitata senza cottura, più semplice e veloce da realizzare, fino ad arrivare al tronchetto preparato nella versione salata.

    Il tronchetto di Natale con pasta biscuit

    tronchetto classico ricetta

    margouillat photo/shutterstock.com

    La versione classica del tronchetto di Natale prevede la realizzazione di un impasto morbido che, con l’eventuale aggiunta di cacao, potrà risultare più scuro.

    Ingredienti per 6-8 persone

    Per la pasta biscuit

    • 3 uova
    • 120 g di zucchero
    • 80 g di farina setacciata
    • 1-2 cucchiai di miele
    • 2 cucchiai di cacao amaro (facoltativo)

    Per la farcia

    • 250 g di marmellata a vostro gusto

    Per il rivestimento

    • 250 g di cioccolato fondente
    • 250 g di panna fresca
    • q.b. di zucchero a velo
    • 6/8 lamponi

    Procedimento

    1. Per realizzare la pasta biscuit versate lo zucchero e le uova in una capiente ciotola e iniziate a montarle con l’aiuto di una frusta elettrica. Proseguite fino a rendere il composto spumoso, poi aggiungete il miele e mescolate ancora per pochi minuti.
    2. Setacciate la farina e inseritela un po’ per volta, mescolando dall’alto verso il basso per evitare la formazione di grumi. Se avete scelto di realizzare l’impasto scuro, versate anche il cacao, continuando a girare fino rendere il colore omogeneo.
    3. Stendete l’impasto su una teglia di 30×25 cm rivestita di carta forno e cuocete a forno caldo a 180° C per 12-15 minuti.Terminata la cottura, ribaltate la base su un altro foglio e staccate il precedente con delicatezza per evitare di rompere il biscotto.
    4. Arrotolatelo delicatamente su sé stesso, coprite con la pellicola e lasciate riposare un quarto d’ora.Trascorso il tempo srotolatelo e farcitelo con la marmellata, poi chiudetelo e fatelo riposare. Nel frattempo preparate la copertura facendo fondere il cioccolato e aggiungendo la panna. Aprite il rotolo e tagliatene due pezzi, in senso obliquo sistemandoli ai lati, uno a destra e uno a sinistra ad altezze diverse, in modo da simulare un ramo spezzato.
    5. Fate colare il cioccolato fuso, coprendo tutta la superficie, e poi rigatelo con i rebbi di una forchetta. Sistemate in frigo e fate riposare per un paio d’ore. Al momento di servire spolverizzate con zucchero a velo e decorate con qualche frutto rosso, come lamponi.

    Il tronchetto senza cottura

    tronchetto alla nocciola

    kobeza/shutterstock.com

    Vi avevo già dato un’idea di come realizzare il tronchetto con il panettone avanzato, ma questa volta proviamo a farlo in maniera differente.

    Ingredienti per 6-8 persone

    • 5 fette di pancarrè senza bordi
    • 200 g di panna fresca
    • 200 g di cioccolato fondente
    • 150 g di crema alla nocciola
    • 50 g di granella di nocciola
    • q.b. di zucchero a velo

    Procedimento

    1. Sistemate le fette di pancarrè una accanto all’altra, sovrapponendole. Schiacciatele con un matterello fino a creare un unico grande rettangolo. Spalmate la crema alla nocciola e arrotolate il tronchetto, sigillando con la pellicola ben stretta. Fate riposare in frigo per mezz’ora.
    2. Nel frattempo, fate scaldare la panna e, poco prima che raggiunga il bollore, aggiungete il cioccolato fondente. Continuate a girare fino a quando sarà diventato tutto omogeneo, poi spegnete e lasciate freddare per qualche minuto.
    3. Eliminate la pellicola dal rotolo, tagliate due pezzi e sistemateli creando la forma di un tronco. Fate colare la cioccolata e livellate la superficie con una spatola. Spargete la granella di nocciola sopra. Fate riposare in frigo per almeno un’ora e al momento di servire decorate con zucchero a velo.

    Tronchetto di Natale salato

    tronchetto salato

    geniuscook_com/shutterstock.com

    L’ultima ricetta che vi suggerisco sul tema è la rivisitazione in chiave salata e senza cottura del tronchetto. Un’idea molto simpatica per portare sulla vostra tavola di Natale un antipasto d’effetto senza troppa fatica.

    Ingredienti per 6-8 persone

    • 250 g di pane bianco per tramezzini
    • 250 g di salmone affumicato
    • 100 g di rughetta
    • 50 g di maionese
    • 100 g di formaggio spalmabile

    Procedimento

    1. Sistemate le fette di pane per tramezzini tutte vicine, sovrapponendo i bordi. Prendete un mattarello e stendete fino a creare un unico grande rettangolo. Spalmate uno strato di maionese, sistemate il salmone affumicato e a seguire la rucola. Arrotolate il pane fino a dare forma cilindrica e poi sigillate con pellicola trasparente facendo riposare in frigo almeno un’ora.
    2. Trascorso il tempo, estraete e scartate il cilindro di tramezzini. Tagliate due estremità ed effettuate un taglio in obliquo. Sistemate una delle due al fianco destro, l’altra sul lato opposto adagiando tutto su un vassoio o un piatto da portata.
    3. Rivestite l’esterno con un abbondante strato di formaggio spalmabile fino a coprire la superficie che andrete poi a rigare con una forchetta. Coprite e tenete in frigorifero per almeno mezz’ora.
    4. Al momento di servire, decorate con qualche foglia di rughetta e una fettina di salmone arrotolato, come ad anticipare il contenuto del ripieno.

     

    Vi sono piaciute queste idee per realizzare il tronchetto di Natale? Preferite la versione dolce o quella salata? Fatemi sapere cosa ne pensate.

    Monica Face

    Di origini napoletane, è nata e vive a Roma. In passato ha collaborato con vari settimanali, tra cui "Di più"; "Di piùTv Cucina"; "RadioCorriere Tv"; "Onda Tv"; "Messaggero Tv". Oggi invece si dedica anima e corpo al suo blog, "Che cavolo cucino, oggi?". Il suo piatto preferito è la parmigiana di melanzane, "perché è un ricordo d'infanzia e perché", dice, "quando aspettavo il mio bambino avevo sempre voglia di melanzane". Nella sua cucina non possono mancare il pane (che prepara in casa) la frutta e il caffè, "perché altrimenti... il pasto non è finito".

    2 responses to “Tradizionale, senza cottura, salato: 3 varianti del Tronchetto di Natale”

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *