La bufala del tonno radioattivo

Redazione

Ogni tanto la nostra serenità alimentare viene turbata da allarmi più che giustificati: mucca pazza, frutti di bosco, virus dell’epatite, mozzarelle blu, salmonelle varie, sono tristi esempi di tentativi di intossicarci perpetrati dall’industria alimentare. Poi ci sono le bufale, che sono inventate non si sa bene da chi e non si sa bene perché, che vengono a turbare ingiustificatamente la nostra quotidianità producendo contemporaneamente danni a produttori corretti.  Gran parte della responsabilità dei falsi allarmi va alla rete che per la sua capacità di diffondere notizie in tempi strettissimi e per l’intervento di “operatori dell’informazione” non professionisti quindi non allenati  all’etica professionale, impone il controllo più rigoroso possibile della veridicità di quanto comunicato, poiché ciò da luogo a spiacevolissimi episodi di allarmismo ingiustificato. Ultima vittima è il tonno Coop presunto radioattivo, accusato di essere pescato nelle acque vicine a Fukushima. Notizia che non corrisponde al vero come è dimostrato in un bell’articolo pubblicato sul sito www.ilfattoalimentare.it cui va il nostro plauso e… quello del tonno Coop.

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi