irish-whiskey

Irlanda Whiskey

Redazione

Si scrive whisky o whiskey? In tutti e due i modi, ma non indifferentemente. Il whiskey è quello irlandese, e quella “e” inserita nella grafia della parola la dice lunga su quanto gli irlandesi ci tengano a marcare le distanze dallo “scoth”. E poiché è questo il whiskey diffuso negli Stati Uniti durante l’ondata migratoria irlandese del XIX secolo, anche i bourbon americani mantengono quella “e” in più.
Ovviamente le differenze sono anche sostanziali, le principali sono tre:
1. Il whiskey di malto irlandese viene distillato tre volte, lo scozzese due volte, il bourbon una volta. E’ poi invecchiato per molti anni in botti di rovere che abbiamo contenuto sherry. Grazie a questo trattamento, il liquore assume un colore ambrato più scuro e una maggiore morbidezza.
distilleria irlandese2. Non ha sapore di affumicato.  In Scozia l’orzo maltato (è l’orzo che ha iniziato il processo di germinazione, chiamato anche “malto”) viene fatto asciugare in fornaci alimentate da torba. Il fumo prodotto durante la combustione conferisce un sapore decisamente affumicato al prodotto finale.
3. In Irlanda il malto viene fatto asciugare in forni chiusi, così da non venire a contatto  con il fumo di torba. La mancanza del gusto affumicato consente di apprezzare l’aroma di miele proprio del malto.

Le principali marche storiche sono: Tullamore Dew, prodotto per tripla distillazione da malto mescolato ad altri cereali pregiati (blended Whiskey). Ha un colore piuttosto chiaro, gusto speziato con note piccanti. Paddy, il più amato dai giovani Blended con note floreali e fruttate, sentori di vaniglia.Hewiss nut, con aroma di noce.  Jameson 1780 eccezionalmente morbido.Connemara, dal gusto fortemente torbato; Bushmills, morbido, piuttosto dolce con aromi fruttati.

Le distillerie sono visitabili. Consiglio Bushmills Distillery, 2 Distillery Road Bushmills BT57 8XH, Irlanda del Nord ; Old Midleton Distillery, Midleton, Cork, Irlanda; Old Jameson Distillery, Bow St., Smithfield Village, Dublino 7.

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi