Il lavoro in carcere è rieducativo

Redazione

Il detenuto che lavora in carcere tende a non delinquere più.

Al Cibus di Parma si fa notare uno stand con la parola “carcere” nell’insegna. È quello della cooperativa Giotto, che ha un laboratorio di pasticceria all’interno della casa di reclusione di Padova.
Ho parlato con Matteo Florean responsabile di produzione dell’area ristorazione, che mi ha fornito un dato impressionante: la recidiva degli ex detenuti che hanno lavorato durante la reclusione è del 4% contro il 70 % di quelli che hanno scontato la pena in modo purtroppo convenzionale per il sistema italiano, cioè a farsi massacrare dalla noia per scelta sicuramente non personale.

Articolo di Martino Ragusa

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi