Dialogo Nel Buio: Un Convegno E Una Mostra

Redazione

Giovedì 13 ottobre dalle ore 14 all’Auditorium G. Verdi dell’Istituto Chiossone di Genova (Corso Armellini 11) si terrà il convegno ‘Dialogo nel buio’, alla riscoperta dei sensi e della parola. Un interessante momento di incontro e dibattito sullo sviluppo e l’uso dei sensi nelle persone diversamente abili. I temi affrontati durante il convegno da psicologi e psicoterapeuti saranno: La vista – Un altro modo di vedere; l’udito – Esplorare lo spazio con l’ascolto; il tatto – Comunicazione tra tatto e vista; l’olfatto – Senso ritrovato; il gusto – Il buon-senso del gusto; la mente e i sensi; la costruzione del sè e del mondo circostante nel disabile visivo. C’è anche il nostro Martino Ragusa -psichiatra prima ancora che enogastronomo- ovviamente coinvolto nella disamina del Gusto.Scarica l’invito con il programma completo del convegnoA seguire, dal 14 ottobre, non perdete l’occasione di visitare anche la mostra multisensoriale ‘Dialogo nel buio’, in Piazza Caricamento fino a luglio del prossimo anno: una mostra dove non c’è niente da vedere, ma molto da imparare e da capire… Un percorso da esplorare affidandosi esclusivamente ai sensi del tatto, dell’udito, dell’olfatto, del gusto. Guide non vedenti accompagneranno piccoli gruppi di persone attraverso spazi senza luce che riproducono ambienti e situazioni reali dove occorre imparare un ‘altro vedere’. Non si tratta di scoprire una realtà differente, ma di riscoprire in modo diverso il mondo che già conosciamo. Non è una simulazione della cecità, ma un’invito a sperimentare la percezione della realtà in modo più profondo!Noi del Giornale del Cibo siamo particolarmente sensibili al tema: abbiamo cercato (e cerchiamo giorno dopo giorno) di mantenere il nostro sito accessibile, convinti che abbattere le barriere -informatiche quanto architettoniche- torni a vantaggio di tutti quanti!

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *