cucina veneta

Radicchio fritto, risi e verze, polenta con aringhe: la cucina veneta tradizionale

Luca Sessa
2

Indice

     

     

    Una regione conosciuta nel mondo per la bellezza delle sue città, da Venezia a Verona passando per Padova, per i rinomati aperitivi, ma anche naturalmente per la sua cucina tradizionale. Il Veneto, terra del Tiramisù e del saor, della polenta e del “risi e bisi”, offre una cucina che prende spunto dal mare e dalla terra, che tramanda ricette e piatti di antica origine grazie ai quali  scoprire sapori intensi, diretti, che conquistano il palato. Un insieme di ingredienti, cotture, tecniche e lavorazioni che rendono unica la cucina veneta tradizionale, e che oggi vi racconteremo attraverso tre ricette da poter preparare a casa.

    Cucina veneta tradizionale: tre ricette da preparare a casa

    cucina tradizionale veneta

    Radicchio, verza, luganega, aringhe e polenta: abbiamo scelto ricette preparate con ingredienti tipici, che identificano immediatamente la cucina tradizionale veneta e che possano portare in casa sapori, profumi e aromi di una terra ricca di fascino. L’apertura è dedicata al radicchio, la famosa “Rosa d’inverno”, un prodotto particolarmente apprezzato ormai anche al di fuori dei confini della regione. Si passa poi a un primo piatto, un risotto, i “Risi, verza e luganega”, ricetta che unisce riso, verdura e carne. Infine, la chiusura affidata alle aringhe impreziosite dall’abbinamento con la polenta, per un risultato davvero avvolgente per il palato.

    Radicchio rosso fritto

    La “rosa d’inverno”, uno dei prodotti più tipici e conosciuti della regione, verrà utilizzato per un goloso antipasto reso irresistibile dalla frittura.

    Ingredienti

    • 12 ciuffi di radicchio rosso
    • 100 g di farina 00
    • 100 g di pangrattato
    • 1 uovo
    • q.b. di olio di semi di arachidi
    • q.b. di sale

    radicchio rosso

    Procedimento

    1. Pulite il radicchio, eliminando le foglie più esterne (più dure e magari leggermente rovinate) e spuntate il cuore centrale.
    2. Dividete i cespi ottenuti a spicchi, lavateli con acqua corrente, asciugateli con carta da cucina, quindi passateli prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e infine nel pangrattato.
    3. Scaldate abbondante olio in una padella dai bordi alti, quindi una volta giunto a temperatura versate il radicchio e friggete gli spicchi per alcuni minuti.
    4. Scolateli, adagiateli su carta assorbente, regolate con un pizzico di sale e servite caldi.

    Risi, verze e luganega

    risi verza luganega

    Riso, verdura e carne: un piatto completo, una ricetta che unisce molti ingredienti tipici e che consente di portare in tavola sapori unici.

    Ingredienti

    • 240 g di riso Carnaroli
    • 10 foglie di verza
    • 2 salsicce
    • 1 scalogno
    • q.b. di brodo vegetale
    • q.b. di vino bianco secco
    • q.b. di parmigiano grattugiato
    • q.b. di burro
    • q.b. di sale
    • q.b. di pepe

    Procedimento

    1. Pulite la verza, eliminando le foglie esterne, quindi tagliate le altre foglie prima a striscioline e successivamente a quadretti. Tagliate un paio di foglie alla julienne e tenetele da parte. Sbucciate lo scalogno e tritatelo al coltello.
    2. Versate in una padella dai bordi alti la verza e lo scalogno con alcuni cucchiai di olio extravergine e poco brodo vegetale, quindi regolate con sale e pepe.
    3. Tostate il riso in una pentola con poco olio extravergine, sfumate con il vino bianco, poi unite poco alla volta il brodo vegetale per cuocere il riso. A metà cottura unite anche la verza saltata in padella.
    4. Bucate le salsicce con una forchetta, rosolatele in una padella ben calda e fate uscire il grasso, poi eliminate il budello esterno e rompetele in pezzi grossolani.
    5. Terminate la cottura del riso, quindi mantecate con burro e parmigiano, unite la salsiccia, spolverate con un po’ di pepe nero macinato fresco e completate con la verza cruda tagliata alla julienne.

    Polenta e aringhe

    polenta e aringhe ricetta

    Un tipico prodotto del mare presentato in tutta la sua freschezza e abbinato a una classica preparazione di questa terra, la polenta.

    Ingredienti

    • 100 g di polenta
    • q.b. acqua
    • 4 aringhe fresche
    • q.b. di olio extravergine
    • q.b. di aceto
    • q.b. di sale

    Procedimento

    1. Preparate la polenta, mettendo a bollire dell’acqua in una pentola ed unendo poco alla volta, a pioggia, la polenta, avendo cura di mescolare continuamente. Una volta pronta, togliete dalla pentola, versate in una teglia e fate raffreddare.
    2. Pulite le aringhe, eliminando le viscere e spinandole, quindi dividetele in due parti, adagiatele su una teglia rivestita con carta da forno e grigliatele per alcuni minuti, per poi condirle con un filo di olio extravergine e qualche goccia di aceto.
    3. Tagliate la polenta a fette, abbrustolitele sotto il grill del forno, adagiatene un paio in ogni piatto, completate con le aringhe e servite.

    Il particolare sapore del radicchio, l’avvolgente bontà di un risotto ed infine la nota sapida ed acide delle aringhe condite con l’aceto: tre piatti della cucina tradizionale veneta da preparare a casa. Avete già preparato ricette tipiche di questa regione? Qual è la vostra preferita?

    Luca Sessa

    Nato a Napoli, vive e lavora a Roma come food writer e food blogger. Nel 2011 ha aperto il Food Blog "Per un pugno di capperi" che, nato per essere una vetrina dei suoi piatti, è diventato un luogo di confronto tra appassionati. Il suo piatto preferito è la Torta caprese perché: "amo il cioccolato ed è da sempre la torta del mio compleanno. Dice che in cucina non possono mancare la pasta, una padella ampia e la passione. Ha collaborato con Dissapore, iFood, Excellence, Scatti di Gusto ed ora scrive per The Fork.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *