Per un secondo a base di pesce degno di un vero menu delle feste ecco la ricetta per realizzare un gustoso filetto di pesce in crosta. Utilizzate il pesce san pietro e seguite le mie indicazioni. Buon divertimento e buon appetito!

filetto di pesce in crosta
FILETTO DI SAN PIETRO IN CROSTA DI PATATE SU LETTO DI SPINACINI NOVELLI, UVETTA E PINOLI TOSTATI
Porzioni
4persone
Porzioni
4persone
filetto di pesce in crosta
FILETTO DI SAN PIETRO IN CROSTA DI PATATE SU LETTO DI SPINACINI NOVELLI, UVETTA E PINOLI TOSTATI
Porzioni
4persone
Porzioni
4persone
Gli Ingredienti
Le Istruzioni
  1. Mettere i filetti di San Pietro in un piatto a marinare per circa un'ora con olio, sale, pepe e le erbe aromatiche (timo, maggiorana e alloro).
  2. Lessare le patate per circa 8 minuti, passarle in un Moulinex in modo da creare una sorta di purè. Salare e pepare.
  3. Adagiare il filetto di pesce su una teglia rivestita di carta da forno, togliere la marinatura in eccesso, spolverare con del prezzemolo tritato e coprire l’intero filetto con le patate.
  4. Condire con un cucchiaio d’olio e infornare a 200°C per 25 minuti circa. Il piatto sarà pronto non appena si sarà creata una crosta in superficie e il pesce risulterà cotto.
  5. Tostare i pinoli in un padella per alcuni secondi e ammollare l’uvetta per 5 minuti in un bicchiere di vino bianco.
  6. Cuocere in un tegame le foglie di spinacini con solo qualche goccia d’acqua e del sale grosso.
  7. Comporre il piatto con le foglie di spinacini sul fondo, qualche manciata di uvetta ammollata, il pesce sfornato e infine i pinoli tostati e un trito di erbe aromatiche fresche.

CONDIVIDI QUESTA RICETTA CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuta questa ricetta?

Vuoi ricevere le migliori ricette del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Daniele Ciocci

Nato a Castelfranco Emilia, vive a San Cesario sul Panaro. Per CIR food è Chef e responsabile di cucina del ristorante aziendale di un’importante impresa di Bologna. Il suo piatto preferito sono i tortellini in brodo di carne: li mangerebbe anche il 15 di agosto, “perchè sono un piatto che non conosce rivali né stagione”. Per lui in cucina non possono mai mancare i fondi: sedano carote e cipolla sono indispensabili, “perché il segreto di un sugo o di un ragù sta nel trito di verdure, che arricchisce il condimento”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata