Uliveto e Rocchetta sono veramente acque della salute?

Redazione

Con buona pace dell’uccellino di Del Piero e di miss plin plin, Uliveto e Rocchetta non possono essere pubblicizzate come “acque della salute” perché lo slogan è ingannevole.
Lo stabilisce una sentenza dell’Antitrust che ha condannato la Co.ge.di International, proprietaria dei due marchi, a sborsare una multa di 100 mila euro.  Il divieto è stato ignorato e non è una novità, si somma al divieto arrivato dal Giurì dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria già nel 2004. A stringere d’assedio “le acque della salute” è il Fatto Alimentare, che finora ha visto accolte le sue denunce dalle autorità e disattesi i divieti da queste pronunciati. Benché pesantemente censurati, mister passerotto e miss plin plin continuano imperterriti a prometter benefici per la salute solo presunti dal venditore.

Articolo di Martino Ragusa

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi