tonno vegan

Tonno Vegan: la nuova alternativa vegetale

Ivana De Innocentis

Come più volte ho sottolineato sono vegetariana al 100%, quindi non mi nutro dei nostri amici animali, che siano uccelli, pesci o crostacei, mammiferi, insetti o rettili, ma solo e limitatamente dei loro derivati. Cerco di essere il più possibile eticamente corretta, scelgo solo formaggi che utilizzino caglio vegetale, uova esclusivamente provenienti da galline allevate a terra e prodotti perlopiù biologici ed ecosostenibili. Non è facile, anche per via di uno stile di vita frenetico e di un lavoro che mi porta a viaggiare tanto, ma faccio del mio meglio. Esistono varie tipologie di vegetariani e varie tipologie di dieta senza carne ma raramente si parla di coloro che non riescono a rinunciare al pesce. Ammettiamolo, se tanto è stato fatto per accomunare e sostituire gli alimenti per carnivori, poco o nulla, almeno fino a pochi anni fa, si è fatto per gli amanti del pesce ma che comunque non vogliono essere complici indiretti delle vere e proprie mattanze esercitate nei confronti degli abitanti del mare.

Povero Tonno

tonno rosso

Basta guardare qualche video o fare qualche ricerca su Internet per scoprire quanto implacabile e crudele sia la pesca del tonno, dietro alla quale si cela un giro di affari che ha dell’incredibile. Vi imbatterete in immagini brutali, paragonabili ai più cruenti film splatter, delle tonnare, in cui migliaia di tonni, ed anche alcuni ignari e indifesi delfini, squali e quant’altro, finiscono intrappolati in questa rete mortale, soccombendo tra atroci sofferenze. Una realtà ancora più agghiacciante coesiste, ed è quella del tonno rosso.

Infatti il tonno rosso (Thunnus thynnus), essendo la specie più pregiata della categoria, è soggetto a una pesca se possibile ancora più accanita per quanto “meno” brutale, ma solo per conservarne le carni vendute a peso d’oro. Pensate che qualche tempo fa l’asta del pesce di Tokyo ha venduto un tonno rosso di 232 chili per la cifra record di 120.000 euro.

Diverse associazioni ambientaliste hanno giustamente focalizzato l’attenzione sui pericoli di estinzione della specie e solo da pochi anni il problema è stato affrontato dall’Unione Europea. L’ICCAT (Commissione Internazionale per la Conservazione del Tonno Atlantico) nel 2009 ha stabilito regole precise per ridurre lo sforzo di pesca e per permettere il riequilibrio tra le quantità di tonno rosso pescato e la capacità riproduttiva.

tonno

Tonno Vegan: un’alternativa esiste

Il tonno, e quello rosso in particolare, è così richiesto proprio per l’eccelsa qualità e bontà della carne, e anche per questo largamente utilizzata nella cucina giapponese, in particolare per la preparazione del sushi. Anche in Occidente, questo piatto ha spopolato sempre di più negli ultimi anni, diventando un must degli appuntamenti mondani e persino degli incontri di lavoro.

Amici vegani e vegetariano che troppo spesso avete dovuto rinunciare o limitare questo modo di mangiare e socializzare, un’intrigante e originale offerta ve la propone Fresh&Co, che già offre validissime alternative 100% vegetali, e che ora mette sul mercato questa nuova proposta che pare entrerà di diritto tra le mirabilia degli alimenti sostenibili e golosi.

tomato sushi

Fonte immagine: tomatosushi.com 

In partnership con il brand TomatoSushi hanno infatti creato questa ricetta a base di pomodoro, anzi si tratta essenzialmente di pomodoro che grazie a una lavorazione quasi alchemica riesce ed emulare il sapore e la consistenza del tonno rosso

Il creatore di questa leccornia, James Corwell, dice di aver avuto l’illuminazione dopo aver visto la mostruosa fiera del mercato del pesce di Tokio, dove si è reso conto dell’impressionante quantità di pesce che viene quotidianamente smerciato.
Da qui è seguita una presa di coscienza, avallata dai numerosi e convincenti studi, che trattano il tema e che stimano ormai in una riduzione del 90% dei grandi predatori del mare, di cui il tonno è un principale rappresentante e dalla cui pesca a catena si sommano altri disastri quali inquinamento, impoverimento dell’habitat, collasso delle barriere coralline e chi più ne ha più ne metta.

vegan

Fonte immagine: inhabitat.com

Confidando quindi che questo prodotto invada il mercato e riesca a scalzare retaggi e convinzioni, spero il tonno, come tutti gli altri abitanti degli oceani, tornino presto a nuotare felici. Qualora voleste provarlo anche voi vi consiglio di sperimentare una di queste ricette, sostituendo al tonno rosso la nuova alternativa veggy: Tonno subito, tonno in camicia di papavero e tonno alla provenzale. Buon appetito e se lo provate fateci sapere cosa ne pensate!

Ivana De Innocentis

E'Nata,vive e lavora a Roma. Per "Il Giornale del Cibo" segue le rubriche Cibo & Cultura e Food 2.0Il suo piatto preferito sono le fettuccine ai funghi porcini o un classico abbinamento pizza & birra. Alla domanda cosa non può mancare in cucina, risponde "spezie, verdure e creatività".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi