Tocai

g.lagonigro
illustrazione di un grappolo d'uvadi Giuditta Lagonigro.
Vitigno di bacca bianca, il Tocai presenta grappoli a forma cilindrica o conico-piramidale, buccia di media consistenza e ricca di pruina.
Il vino ha un colore giallo paglierino, ha sentori floreali (fiori di campo), secco, moderatamente alcolico, abbastanza morbido e con una media acidità. La sua peculiarità è rappresentata dal deciso sapore di mandorla amara che lo identifica appieno.
E’ il vino per antonomasia del Fiuli Venezi Giulia; lo si ritrova nelle Doc Collio, Collio Isonzo, Collio Grave, Collio Aquileia, Colli Orientali del Friuli, Friuli Annia.
L’abbinamento consigliato, a seconda della struttura del vino, è con affettati (mitico quanto introvabile il prosciutto D’Osvaldo), primi piatti e carni bianche.
Un classico in osteria, all’ora dell’aperitvo ante e post meridiem, è la tartina (pane e prosciutto) con un taj (in friulano bicchiere) di Tocai.
Purtroppo da quest’anno, dopo lunghissime vicende giudiaziarie tra l’Italia e l’Ungheria che difendeva il suo Tokay (vino complatamente diverso in quanto dolce e da dessert), sulle etichette delle bottiglie ritroveremo il nome Friulano che sostituisce l’antico Tocai.
Un grande dolore per i Vignaioli che, comunque, continuano a garantire la qualità di un vino che ti conquista dopo il primo calice…Illustrazione a cura del dott. Claudio Fabbro, che ha scritto sul Tocai il libro “Il Vigneto Friuli dall’arrivo dei Romani alla Partenza del Tocai”.
 

Avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *