Sucralosio

Redazione

Si tratta di un dolcificante di sintesi con un potere dolcificante elevatissimo: circa il doppio della saccarina, quattro volte l’aspartame e fino a mille volte più dello zucchero comune!
Si ottiene per trattamento chimico del comune zucchero da tavola, il saccarosio, ma non è assolutamente presente in natura (nonostante alcune pubblicità davvero ingannevoli negli USA lo reclamizzano come un quasi-saccarosio). È termostabile e pertanto utilizzabile in composti cotti o destinati alla conservazione.
Pur essendo una sostanza che contiene cloro, il sucralosio non è solubile nei grassi (e questo ne facilita l’espulsione dall’organismo), non si scinde nei suoi costituenti chimici e quindi non rilascia cloro in alcun modo, perlomeno all’interno del nostro organismo. Anche se approvato come dolcificante alimentare, in genere se ne consiglia un uso limitato.

di Gianluigi

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi