Sottilette parmareggio

Redazione
La famiglia di topi testimonial delle sottilette Parmareggio è senza dubbio simpatica. Sono benvestiti e persino un po’ glam. La sorcia-mamma indossa sempre tailleur deliziosi,  il sorcio-papà non rinuncia al fularino alla David Niven, il topo figlio conquista con la locuzione “che lavoro!” proprio come fanno gli emiliani per dire “che cosa eccezionale!”. Infine, tutti parlano con un accattivante accento parmense con tanto di erre moscia endemica del territorio.
Il giudizio sul prodotto è meno univoco: da una parte, leggendo l’etichetta, mi compiaccio per l’assenza di polifosfati, dall’altra devo notare che prevale il sapore tipico della sottiletta (il parmigiano reggiano è il 30%). E soprattutto ho come l’impressione che un prodotto di dignità immensa, come il parmigiano reggiano, si sia mescolato con uno gastronomicamente discutibile come la sottiletta.  Non c’è dubbio che il primo nobilita la seconda. Ma non è che la seconda sputtana un po’ il primo?

di Martino Ragusa

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi